in

21 segreti di salute che il tuo intestino sta cercando di dirti

Il tuo sistema digestivo è una fonte costante di problemi e dolore? Ecco cosa possono significare tutti quei fastidiosi sintomi e come gestirli.

La salute dell’intestino è importante

Il potere di un intestino sano è più forte di quanto potresti immaginare. In effetti, un microbioma intestinale sano potrebbe persino aggiungere anni alla tua vita. Se hai a che fare con uno dei seguenti problemi del sistema digestivo, non devi soffrire. Continua a leggere per imparare come gestirli, secondo gli esperti.

Hai bisogno di un probiotico

Se soffri di disturbi gastrici come gonfiore , gas, costipazione, diarrea o persino reflusso acido , potresti probabilmente trarre beneficio dai probiotici . “I probiotici quotidiani supportano e ringiovaniscono il microbioma aiutando a bilanciare la flora intestinale, assistere la digestione, aiutare il tuo corpo a produrre vitamine e assorbire minerali, rafforzare il sistema immunitario e migliorare il metabolismo”, afferma Frank Lipman, MD, autore di bestseller e fondatore di Be Well e l’Eleven Eleven Wellness Center di New York City.

Il microbioma intestinale è una raccolta di batteri buoni che influiscono sulla salute dell’apparato digerente e possono essere migliorati mangiando yogurt e cibi fermentati come crauti, kimchi e kefir o assumendo un integratore probiotico quotidiano. “Sulla base della ricerca attuale, trova un probiotico che abbia il maggior numero possibile di ceppi [di batteri] diversi”, afferma Erika Angle, PhD, biochimica e CEO della società di fitness per microbiomi Ixcela. “Assumendo un probiotico, stai distorcendo la concorrenza darwiniana nel tuo intestino, dando a diverse specie la stessa possibilità di sopravvivere e consentendo un microbioma più equilibrato e diversificato”.

Sei esposto a troppe sostanze chimiche

Secondo una ricerca del 2017 sull’inquinamento ambientale , la disbiosi del microbiota intestinale può essere indotta da inquinanti ambientali. “Il dolore all’intestino o le abitudini intestinali che sono insolite sono spesso segni di un microbioma danneggiato”, dice il dottor Angle. Prestare maggiore attenzione alla salute del tuo intestino, dice, “inizia con il monitoraggio di ciò che mettiamo dentro e sul nostro corpo, perché gli alimenti trasformati, l’esposizione chimica attraverso creme, lozioni e detergenti e farmaci possono spesso avere effetti collaterali negativi che riducono o cambiare la composizione dei microrganismi nell’intestino. ” Il dottor Lipman dice che il cibo spazzatura o le carni convenzionalmente o allevate in fabbrica possono anche avere un impatto sulla tua ecologia interiore. “Quasi nessuno raggiunge l’età adulta con il proprio microbioma in perfetta forma: raccoglie alcune ammaccature e ammaccature lungo il percorso”, dice. La ricerca sta ancora emergendo sul modo esatto in cui questi fattori influenzano il tuo microbioma, ma seguire una dieta di cibi integrali, tra cui carni, uova, e pesce e prodotti biologici quando possibile, e l’assunzione di un probiotico può giovare. (Se hai bisogno di una motivazione per migliorare la tua salute intestinale, ecco come fare aun microbioma intestinale sano potrebbe aggiungere anni alla tua vita.)

Hai un sistema immunitario debole

Una buona parte del sistema immunitario è nell’intestino e le cellule del rivestimento intestinale producono importanti anticorpi. Inoltre, i batteri nell’intestino producono tre vitamine del gruppo B: biotina, acido folico e vitamina B12. Inoltre, la condizione dell’intestino influenza l’assorbimento dei nutrienti, che a sua volta influisce sul sistema immunitario e sulla salute generale, quindi se sei spesso malato, la colpa potrebbe essere il tuo intestino. “Quando il tuo intestino è bilanciato con batteri buoni, funziona correttamente per difendere il tuo corpo da infezioni, raffreddori e malattie”, dice il dottor Lipman. “Se c’è uno squilibrio, il corpo perde la sua capacità di far fronte e scongiurare insetti cattivi, il che porta a frequenti malattie”. Se ti senti “fuori”, dice il dottor Lipman, un primo passo potrebbe essere quello di ripristinare e bilanciare il tuo microbioma. Se gli insetti buoni nel tuo sistema digestivo non vengono nutriti con i nutrienti appropriati, potrebbero non prosperare e proteggere dalle malattie. “Alcune specie batteriche secernono potenti antiossidanti noti per aiutare a rafforzare il sistema immunitario”, dice il dottor Angle. “Se abbiamo un numero squilibrato o ridotto di microrganismi, gli antiossidanti non vengono più prodotti, rendendoci più suscettibili alle malattie”.

I tuoi schemi di sonno devono essere corretti

La mancanza di sonno può influire sulla salute dell’intestino e viceversa. “Un numero crescente di studi ora suggerisce che il vasto e diversificato ecosistema microbico dell’intestino ha i suoi ritmi quotidiani”, Dice il Dottore del sonno Michael Breus, PhD. “Questi ritmi del microbioma sembrano essere profondamente intrecciati con i ritmi circadiani: la ricerca suggerisce che sia i ritmi circadiani che quelli microbici sono in grado di influenzare e interrompere l’altro”. Un modo in cui il tuo intestino influenza il sonno è attraverso la produzione della serotonina chimica, che influenza il tuo ciclo sonno / veglia. “Se chiesto, la maggior parte delle persone direbbe che la serotonina è creata nel cervello, tuttavia, più dell’80% della serotonina creata nel corpo viene creata nell’intestino”, dice il dottor Angle. “La serotonina gioca un ruolo importante in un’ampia varietà di condizioni e può contribuire a problemi di sonno”.

Il tuo sistema nervoso simpatico è in allerta

Per molte persone, lo stress può manifestarsi con sintomi legati all’intestino. “I problemi digestivi spesso vanno di pari passo con stress e disturbi mentali legati allo stress”, afferma Linda Rinaman, PhD, professore di psicologia alla Florida State University che ha svolto ricerche sulla connessione intestino-cervello. Il dottor Rinaman descrive come l’intestino e il cervello parlano costantemente tra loro attraverso il nervo vago, che corre per tutta la lunghezza del corpo dal cervello lungo la spina dorsale e al coccige, toccando tutti i punti lungo il percorso. È una vasta rete a due vie che trasmette messaggi da e verso il cervello e il tratto gastrointestinale. Questo potrebbe essere il motivo per cui otteniamo “farfalle” quando siamo nervosi. “Durante lo stress emotivo e l’ansia, il sistema nervoso simpatico prende il sopravvento e essenzialmente interrompe le funzioni intestinali: non è necessario digerire il cibo quando si viene inseguiti da un orso, “Dice il dottor Rinaman. In altre parole, lo stress lavorativo o domestico può innescare una reazione di “lotta o fuga”; il tuo corpo devierà il sangue dal tuo intestino alle tue estremità. “I movimenti intestinali rallenteranno e questo di per sé può creare una sensazione di nausea e far sembrare lo stress peggiore.” Nel tempo, lo stress cronico può avere un impatto sull’intestino. Le strategie di gestione dello stress possono aiutare, così come mangiare sanodieta ricca di sostanze nutritive e fibre (e non molto zucchero) per nutrire i “batteri buoni” nel microbioma intestinale, dice il dottor Rinaman.

Devi fare più esercizio

Muovere il corpo aiuta a muovere le viscere. “Si ritiene che le alterazioni indotte dall’esercizio nel sistema nervoso autonomo [che controlla le funzioni corporee] del tratto gastrointestinale influenzino la motilità del colon e forse dell’intestino tenue”, afferma il dott. Ramdhaney. Il rilascio di ormoni chiamati prostaglandine può aumentare il tuo tratto gastrointestinale e aumentare le probabilità di andartene. “Questo è lo stesso fenomeno che vediamo con la diarrea indotta dall’esercizio, quindi i benefici dell’esercizio nel migliorare la stitichezza”, dice il dottor Ramdhaney. In breve, uno dei motivi sorprendenti per la stitichezza  può essere che non stai facendo abbastanza esercizio.

Il tuo nervo vago sta agendo in modo eccessivo

Bravo a malsanoil microbioma può causare problemi emotivi ed emotivi a causa di un nervo vago fuori controllo. “Il nervo vago trasporta segnali ‘motori’ dal cervello all’intestino che influenzano i processi digestivi e trasporta anche segnali di feedback sensoriale dall’intestino al cervello”, afferma l’autore dello studio, il dott. Rinaman. “I segnali che trasporta al cervello possono passare dalla segnalazione” va tutto bene “alla segnalazione” qui sotto c’è un problema “. Ad esempio, mangiare cibi come zucchero, oli di semi, cibi fritti, farina raffinata, additivi chimici e i dolcificanti artificiali possono provocare infiammazioni nel corpo, che possono indurre segnali di “pericolo” che viaggiano lungo il nervo vago fino al cervello, compresi segnali che peggiorano i sintomi di ansia e depressione. “Questa influenza può effettivamente alterare il nostro umore, influenzare le decisioni che prendiamo e reindirizzare i nostri comportamenti”, afferma il dottor Rinaman.

Mangi troppo vicino all’ora di andare a letto

Una causa comune di problemi intestinali come reflusso acido, bruciore di stomaco e persino  GERD(malattia da reflusso gastroesofageo) è sdraiato troppo presto dopo aver mangiato. “Mangia la cena due o tre ore prima di coricarti ed evita di sdraiarti dopo i pasti”, afferma la gastroenterologa Susan Ramdhaney, MD, AGAF, esperta dell’American Gastroenterological Association. Se il contenuto della cena è ricco di grassi e carboidrati, mangia da quattro a sei ore prima di andare a dormire e riduci le dimensioni delle porzioni, dice. Inoltre, tieni un diario alimentare per identificare gli alimenti scatenanti. “I cibi trigger, come cibi ad alto contenuto di grassi, caffeina, cioccolato, cibi piccanti, bevande gassate e menta piperita, così come l’uso di alcol e tabacco, possono causare una riduzione della pressione dello sfintere esofageo inferiore, consentendo il rigurgito da lo stomaco nell’esofago “, dice il dottor Ramdhaney.

Hai qualcosa che blocca il tuo intestino

Se la tua pancia è dura e gonfia, potrebbe semplicemente significare che sei stitico o hai gas. Ma se la condizione persiste, potrebbe essere un segno di un’ostruzione intestinale .

“Quando c’è un’ostruzione intestinale, il fluido e l’aria nell’intestino si muovono molto lentamente o non si muovono affatto, attraverso la regione ostruita dell’intestino”, afferma Jonathan Rosenberg, esperto dell’American Gastroenterological Association, un gastroenterologo dell’Illinois Gastroenterology Group. “Questo fluido e aria di backup causeranno la distensione dell’intestino e il paziente sperimenterà spesso una pancia dura”. Le cause delle ostruzioni possono variare da aderenze a ernie, diverticolite, malattia infiammatoria intestinale (IBD) e persino cancro, quindi è meglio farlo controllare il prima possibile.

Potresti avere sanguinamento

Il sangue rosso nelle feci probabilmente ti spaventerà, ma le feci nere possono anche essere un segno di sanguinamento da qualche parte nell’intestino. “Le feci di colore nero possono essere un segno di emorragia interna da qualche parte nel tratto digerente, come lo stomaco o l’intestino tenue”, afferma il gastroenterologo Jack Braha, DO, capo della gastroenterologia al Mount Sinai Brooklyn.

A meno che tu non abbia mangiato verdure di colore scuro come barbabietole, preso integratori di ferro o ti sei dosato con Pepto Bismol, le feci nere possono essere motivo di preoccupazione. Anche il sangue rosso vivo nella tua cacca merita una visita dal tuo medico. “Il sangue rosso può provenire da emorroidi sanguinanti dopo lo sforzo o un movimento intestinale duro, ma può anche essere il primo segno di un problema serio come una malattia infiammatoria intestinale, diverticolosi o cancro del colon-retto”, dice il dottor Braha. “Il colore del sangue non può dirci in modo affidabile se è qualcosa di pericoloso o no.” Il medico può determinare se è necessario il test.

È il momento per una colonscopia

Non lasciare che la paura di dover bere litri di liquido di preparazione schifoso per svuotare le viscere ti impedisca di avere una colonscopia necessaria  . Non solo la preparazione del colon è diventata molto più concentrata negli ultimi anni, ma una colonscopia potrebbe salvarti la vita, soprattutto se hai segni preoccupanti: “I tipici sintomi di ‘allarme’ includono sangue o pus nelle feci, perdita di peso, febbre, un addominale massa e feci che ti svegliano dal sonno “, dice il dottor Rosenberg. “Inoltre, sebbene non sia un sintomo, una storia familiare di cancro al colon o malattia infiammatoria intestinale (IBD) può indicare la necessità di una colonscopia”. Anche se non si hanno sintomi, i pazienti sopra i 50 anni dovrebbero parlare con il proprio medico di una colonscopia per lo screening del cancro.

Hai bisogno di più fibre nella tua dieta

Se trovi troppo difficile (letteralmente) andare al numero due, potresti essere stitico. ” Costipazionepuò avere significati diversi per persone diverse, in base alla loro impressione che le loro abitudini intestinali siano cambiate. Le feci possono essere troppo dure o troppo piccole, oppure la defecazione può essere troppo difficile o troppo rara “, afferma il dottor Ramdhaney. La stitichezza può spesso essere causata dalla dieta, quindi prova a mangiare più fibre e bere più acqua per rendere le feci più sciolte, più grandi e più facili da superare. La stitichezza che persiste, tuttavia, può indicare gravi malattie gastrointestinali e malattie non gastrointestinali, tra cui diabete, sclerosi multipla, morbo di Parkinson e ipotiroidismo, afferma il dottor Ramdhaney. Quindi, se la stitichezza dura più di tre mesi, soprattutto se accompagnata da sangue nelle feci, perdita di peso o diminuzione dell’appetito, fatti visitare da un medico.

Potresti soffrire di stitichezza cronica

Se hai difficoltà con la stitichezza, senza una causa nota, potresti avere una stitichezza idiopatica cronica (CIC), caratterizzata da feci dure e la sensazione di non riuscire a tirare fuori tutto. Se hai a che fare con la stitichezza che non scompare, non essere troppo timido per parlare in modo franco con il tuo medico. “Nella mia esperienza, i pazienti non riescono a cercare un trattamento perché sono troppo imbarazzati per parlare dei loro movimenti intestinali o non sono consapevoli che esiste un trattamento al di sopra e al di là di quello che trovano in farmacia o al supermercato”, afferma il dottor Braha. “La linea di fondo è che dobbiamo rendere la conversazione sul nostro movimento intestinale – fare la cacca – più facile e più confortevole per i nostri pazienti”.

Potresti avere problemi al fegato

Potresti anche non rendertene conto, ma il fegato fa effettivamente parte del sistema digestivo. “I nutrienti del nostro cibo, le tossine ingerite e i farmaci vengono assorbiti nel flusso sanguigno dall’intestino e il primo arresto è il fegato, che è coinvolto in molti processi metabolici che aiutano a creare energia o sostanze pericolose di degradazione”, afferma il dottor Braha. Sintomi come perdita di peso, diminuzione dell’appetito, affaticamento, gonfiore addominale e alterazioni dello stato mentale potrebbero essere i primi segni di una malattia del fegato , tra cui epatite, cirrosi o cancro. “Quando il fegato inizia ad ingrandirsi, i pazienti possono avvertire dolore addominale sul lato destro vicino alla gabbia toracica”, dice il dottor Braha. Se hai questi sintomi, consulta il tuo medico, soprattutto se hai altri fattori di rischio come l’uso di droghe o alcol o l’obesità.

Stai mangiando troppi cibi grassi

Oltre agli ovvi effetti collaterali di questa cattiva abitudine, come l’aumento di peso, mangiare cibi grassi può contribuire alla formazione di calcoli biliari. “Un tipo comune, chiamato calcoli biliari di colesterolo, è sentito dalla maggior parte degli esperti quando il tuo fegato espelle più colesterolo di quanto il tuo succo biliare possa normalmente dissolvere”, dice il dottor Rosenberg. “Il colesterolo elevato nel sangue è associato all’obesità e l’obesità è associata all’aumento della produzione e dell’escrezione di colesterolo nella bile”. Sebbene ci siano fattori genetici che non puoi modificare che contribuiscono ai calcoli biliari, mangiare meno grassi saturi può aiutare a prevenirli.

Potresti avere un’ulcera

Se senti dolore allo stomaco e spesso ti ritrovi a prendere gli antiacidi dopo aver mangiato, dovresti essere valutato per un’ulcera o un danno al rivestimento dello stomaco. “Spesso, le persone con ulcere hanno dispepsia o dolore addominale superiore, con disagio che si sposta a sinistra oa destra dell’addome o talvolta alla schiena”, dice il dottor Ramdhaney. “Questi sintomi possono peggiorare dopo aver mangiato con aumento di eruttazione, sensazione di pienezza, nausea, vomito o incapacità di tollerare pasti ad alto contenuto di grassi.” Sebbene alcune ulcere non causino alcun sintomo, se hai segni di un’ulcera dovresti consultare il tuo medico prima di complicazioni, come vomito di sangue o quelli che sembrano fondi di caffè, passaggio di feci nere o rossastre, improvviso dolore addominale e gonfiore, e talvolta perdita di peso.

Hai un mal di stomaco

Episodi brevi e improvvisi di diarrea possono essere un sintomo di intossicazione alimentare o un attacco di influenza gastrica . “Quando le feci molli, un aumento della frequenza, del volume e della consistenza delle feci, si verificano in modo acuto, può essere il segno di un’infezione del tratto gastrointestinale”, dice il dottor Ramdhaney. “Questi includono infezioni virali come norovirus, rotavirus o adenovirus; infezioni batteriche, più comunemente Salmonella , Campylobacter , Escherichia coli , Shigella o Clostridium difficile ; o infezione da protozoi [con un parassita, eww!] come Giardia . ” Le infezioni batteriche o parassitarie possono essere trattate con i farmaci, ma probabilmente dovrai eliminare un bug virale.

Sei allergico a qualcosa

Alcuni cibi possono dare fastidio alla pancia, ma può essere difficile capire cosa sono. “Spesso il dolore può essere affrontato cambiando la propria dieta attraverso l’eliminazione e la sperimentazione: ad esempio, se sai che ogni volta che mangi mandorle, provi dolore, allora forse hai una sensibilità alimentare o un’allergia alle mandorle e dovresti vedere uno specialista che può aiutare a testare altre sensibilità alimentari “, dice il dottor Angle. Puoi provare a tenere un diario alimentare per individuare lo schema. Potresti anche avere frequenti feci molli o diarrea, dice il dottor Ramdhaney. Se ciò si verifica spesso, “è tempo di consultare il gastroenterologo per escludere cause tra cui malattie da malassorbimento come la celiachia [un’allergia al glutine] o l’intolleranza al lattosio [un’allergia ai latticini]”, dice.

Potresti avere la sindrome dell’intestino irritabile (IBS)

Le feci molli possono anche essere un segno di sindrome dell’intestino irritabile, Dice il dottor Ramdhaney – anche se in modo confuso, anche la stitichezza è un segno della stessa condizione. Questo perché IBS è disponibile in due versioni. “L’IBS, sindrome dell’intestino irritabile, è una malattia digestiva comune che colpisce milioni di americani che è divisa in più sottogruppi, uno dei più comuni è l’IBS con costipazione (IBS-C), l’altro IBS con diarrea (IBS-D) “, Dice il dottor Braha. “La maggior parte dei pazienti con IBS-C descrive dolore o disagio addominale, come mal di pancia o crampi, che è associato a costipazione e abbastanza frequentemente migliorerà dopo aver avuto un movimento intestinale”. Sfortunatamente, la causa non è nota, anche se il dottor Angle afferma che un microbioma squilibrato potrebbe avere qualcosa a che fare con esso. In questo momento, non esiste una cura. Se i tuoi sintomi persistono da almeno sei mesi, consulta il tuo medico per chiedere aiuto nell’elaborazione di un piano di gestione.

Il tuo intestino è infiammato

Da non confondere con IBS, la malattia infiammatoria intestinale (IBD) è un termine generico per la colite ulcerosa (UC) e il morbo di Crohn , infiammazione cronica che può comparire in diverse parti del tratto gastrointestinale. “Sebbene i pazienti con IBD abbiano anche dolore addominale e alterazione della consistenza intestinale, di solito solo diarrea, in genere avranno anche sintomi correlati a una significativa infiammazione dell’intestino, tra cui sangue o muco nelle feci, perdita di peso, febbre e movimenti intestinali notturni “, Dice il dottor Rosenberg. “I pazienti con IBD avranno spesso anche prove di infiammazione al di fuori dell’intestino, inclusi dolori articolari ed eruzioni cutanee”. L’IBD è stata pensata come una condizione autoimmune, ma la ricerca in Cell ha scoperto che potrebbe non essere il corpo ad attaccare se stesso tanto quanto ilil corpo reagisce in modo eccessivo ai batteri nell’intestino.

Il tuo intestino potrebbe perdere

Sintomi gastrointestinali vaghi come gonfiore, problemi digestivi e dolore potrebbero essere causati da una condizione appena identificata che è stata appena riconosciuta dai medici: la sindrome dell’intestino permeabile, chiamata anche permeabilità intestinale. “Nell’intestino permeabile, la distanza tra le cellule del rivestimento intestinale è più ampia di quanto dovrebbe essere e l’integrità del rivestimento intestinale è compromessa”, afferma il dottor Angle. “Quando queste particelle sfuggono all’intestino e inondano la cavità del corpo, vengono riconosciute come estranee dal sistema immunitario”. Il tuo corpo attacca, creando uno stato cronico di attivazione del sistema immunitario, che porta a infiammazione cronica e un sistema immunitario teso. Il dottor Ramdhaney osserva che la sindrome dell’intestino permeabile è spesso il risultato della resezione chirurgica intestinale per la malattia di Crohn, il cancro o altri problemi gastrointestinali.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

8 cose che le tue scoregge possono rivelare sulla tua salute

I 50 migliori alimenti (e ricette) per la salute dell’intestino