in

5 volte per evitare di prendere lassativi e 5 volte possono aiutare

L’uso abituale di lassativi può portare alla dipendenza, ma a volte sono raccomandati. Ecco il tipo giusto da prendere in determinate situazioni.

Cosa sono i lassativi?

I lassativi sono sostanze che agiscono sul sistema digerente. Allentano le feci e stimolano i movimenti intestinali, quindi sono utili per  alleviare la stitichezza , ma non dovresti necessariamente prenderli tutto il tempo. Ecco tutto ciò che devi sapere sui lassativi, incluso quando possono aiutare e quando non dovresti prenderli.

Non assumere lassativi tutti i giorni

“L’uso cronico di lassativi può alla fine far sì che il colon diventi atonico – ‘usurato’, se vuoi – e nel tempo portare a un paradossale peggioramento della stitichezza”, afferma  Neilanjan Nandi , MD, gastroenterologo e assistente professore di medicina e direttore del reparto infiammatorio Bowel Disease Center presso il Drexel University College of Medicine, a Philadelphia. “Questo può portare a un uso crescente di lassativi che alla fine potrebbero non funzionare. Se ti ritrovi a dover utilizzare cronicamente lassativi per un movimento intestinale, dovresti consultare il tuo medico per scoprire perché “. (Qui ci sono  12 possibili cause di stitichezza .)

Prendili se hai bisogno di antidolorifici dopo l’intervento chirurgico

“Uno degli effetti collaterali più comuni dei farmaci antidolorifici è la stitichezza”, dice il dottor Nandi. “Farmaci per il dolore narcotico possono essere prescritti temporaneamente dopo l’intervento chirurgico. Gli interventi chirurgici intra-addominali (ad esempio, appendicectomia, colecistectomia o rimozione della cistifellea, riparazione dell’ernia) o qualsiasi intervento in cui è presente una manipolazione dell’intestino possono comunemente portare a un “intestino paralizzato” temporaneo noto anche come ileo . Raccomando ai pazienti di iniziare un regime intestinale due o tre giorni prima di ricevere farmaci antidolorifici per prevenire una significativa stitichezza “. Consulta il tuo chirurgo per vedere se potresti aver bisogno di un lassativo per i farmaci antidolorifici correlati alla chirurgia. (Vedi 50 segreti che il tuo chirurgo non ti dirà .)

Non prenderli se viaggi

Se l’accesso a un bagno potrebbe essere problematico, i lassativi non sono tuoi amici. “Evita lassativi stimolanti, osmotici e lubrificanti prima di viaggiare poiché agiscono più rapidamente e hanno più effetti collaterali”, afferma Sheetal Sheth , MD, assistente professore di ostetricia e ginecologia presso la George Washington University School of Medicine and Health Sciences di Washington , DC Prova questi  7 consigli per evitare la stitichezza durante il viaggio .

Sii cauto sui tipi che usi

“I lassativi a base di fibre sono sicuri, efficaci e salutari”, afferma il dott. Nandi. “Ironia della sorte, introdurre troppe fibre troppo rapidamente nella dieta o nel regime intestinale può portare a gonfiore, gas o crampi. Aumenta gradualmente la tua integrazione di fibre, ad esempio con aumenti settimanali del dosaggio. Altri lassativi che chiamiamo lassativi stimolanti – come il bisacodile – o lassativi salini, che spesso contengono magnesio o fosfato, possono causare dipendenza intestinale e / o portare a una marcata disidratazione “. In uno studio pubblicato nel 2019 sullo Scandinavian Journal of Gastroenterology , i ricercatori hanno sconsigliato di assumere lassativi stimolanti per più di quattro settimane. (Ecco alcuni  rimedi casalinghi per la stitichezza. )

Non prenderli se sei incline a ostruzioni intestinali

Può sembrare controintuitivo, ma non dovresti prendere lassativi se hai avuto problemi con le ostruzioni intestinali in passato. “Le ostruzioni intestinali possono verificarsi da tessuto cicatriziale noto come aderenze da precedenti interventi chirurgici addominali”, afferma il dott. Nandi. “Pertanto, i lassativi sono controindicati in questa condizione.” Non sei sicuro di quali potrebbero essere i tuoi problemi intestinali? Ecco 7 tipi di mal di stomaco e cosa significano .

Sii cauto nell’usarli durante la gravidanza

La stitichezza è comune durante la gravidanza,a causa di tutti i cambiamenti ormonali che avvengono nel tuo corpo. Ma devi stare attento all’uso di lassativi durante la gravidanza. “Si preferiscono agenti sfusi e ammorbidenti delle feci”, afferma il dott. Steth. “I lassativi sfusi, come le fibre e la crusca possono essere assunti a lungo termine, tuttavia, questi possono causare spiacevoli effetti collaterali, tra cui gas eccessivo e gonfiore. Gli ammorbidenti delle feci possono essere assunti quotidianamente e vengono assorbiti al minimo per via sistemica “. Il dottor Steth consiglia di evitare lassativi osmotici e stimolanti durante la gravidanza. “I lassativi osmotici possono causare gas e gonfiore eccessivi e possono portare a uno squilibrio elettrolitico”, dice. “Gli stimolanti dovrebbero essere usati solo raramente, in quanto possono causare crampi intestinali, irritabilità uterina, dolore, squilibrio elettrolitico e disidratazione.” Scopri i miti sulla gravidanza che puoi tranquillamente ignorare.

Non prenderli per perdere peso

“I lassativi possono purtroppo essere abusati, con l’idea sbagliata che possono aiutare a promuovere la perdita di peso”, dice il dott. Nandi. “Questo è completamente sbagliato! Le pubblicità a tarda notte che vendono prodotti per la pulizia del colon per liberare una delle feci “macchiate” all’interno dell’intestino sono completamente false e stanno intenzionalmente creando disinformazione per vendere una soluzione a clienti innocenti e ingenui “. Se il tuo obiettivo è la perdita di peso, prova invece questi 36 consigli per perdere peso .

Prendili dopo il parto

Gli ammorbidenti delle feci sono particolarmente utili dopo il taglio cesareo, secondo il dottor Steth. “I lassativi possono essere molto utili dopo la nascita, specialmente nelle donne che hanno avuto una lacerazione di terzo o quarto grado e non dovrebbero sforzarsi per avere un movimento intestinale”. Scopri altri segreti che nessuno racconta alle future mamme sulla nascita .

Non prenderli se hai una malattia renale cronica o una malattia cardiaca

I medici raccomandano di evitare i lassativi osmotici se si soffre di malattie renali croniche o cardiache, poiché possono portare a disidratazione o squilibrio minerale. Fai attenzione a questi 7 segnali silenziosi che i tuoi reni potrebbero essere in difficoltà .

Sii cauto nell’usarli se stai assumendo farmaci

“Alcuni lassativi possono legarsi o interferire con l’assorbimento dei farmaci, come alcuni antibiotici o farmaci per il cuore”, dice il dott. Nandi. Consultare sempre il proprio medico o farmacista su eventuali potenziali interazioni farmacologiche. E sii consapevole di questi 11 segni che i tuoi farmaci potrebbero farti ammalare .

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

8 consigli fondamentali per evitare la temuta influenza intestinale

Cosa sapere sul bere caffè in caso di problemi digestivi