in

La colpa della sensibilità al glutine è un virus? La nuova scienza dice di sì

Le nuove scoperte consentono agli scienziati di fare un passo avanti verso la comprensione di come si sviluppa la celiachia. Scopri cosa significa per te.

Non molto tempo fa, ottenere una diagnosi per la celiachia era difficile. I sintomi di mal di stomaco  e diarrea erano vaghi e i dottori non sapevano molto sulla condizione: una sensibilità alla proteina del glutine che si trova in cereali come grano, orzo e segale. Le persone celiache hanno problemi di digestione tali da poter soffrire di malnutrizione. La condizione colpisce circa una persona su 100 in tutto il mondo, riferisce la Celiac Disease Foundation , e quasi 2,5 milioni di americani non sono ancora diagnosticati. Ora la ricerca suggerisce che il celiaco potrebbe essere causato da un virus, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Science . Le nuove scoperte suggeriscono che un vaccino potrebbe un giorno impedire che la condizione si diffonda.

I ricercatori dell’Università di Chicago e della University of Pittsburgh School of Medicine hanno scoperto che le infezioni da reovirus, un “virus comune ma per il resto innocuo”, secondo Bana Jabri MD, PhD, direttore della ricerca presso l’ Università di Chicago Celiac Disease Center innesca una risposta immunitaria che può portare alla celiachia. Il Dr. Jabri, autore senior dello studio, ha dichiarato in un comunicato stampa che “lo studio mostra chiaramente che un virus che non è clinicamente sintomatico può ancora fare cose cattive al sistema immunitario e preparare il terreno per una malattia autoimmune e per la celiachia in particolare.” (Scopri come la celiachia è collegata all’anoressia nervosa e a un possibile aumento del rischio di esposizione all’arsenico .)

Il team ha somministrato due ceppi di reovirus ai topi; i virus erano essenzialmente gli stessi, a parte una leggera differenza genetica. Il comune reovirus umano ha innescato una risposta immunitaria infiammatoria nei topi e gli animali hanno perso la loro capacità di tollerare il glutine. L’altro ceppo non ha avuto tale effetto.

“Stiamo studiando il reovirus da un po ‘di tempo e siamo rimasti sorpresi dalla scoperta di un potenziale legame tra reovirus e malattia celiaca”, ha riferito Terence Dermody, MD, presidente del Dipartimento di Pediatria presso l’Università di Pittsburgh School of Medicine. Lo studio ha anche rivelato che i pazienti celiaci sembrano avere una predisposizione genetica alla malattia: i loro corpi hanno prodotto livelli molto più elevati di anticorpi contro il reovirus rispetto a quelli senza celiachia.

I ricercatori affermano che i risultati indicano che i virus potrebbero essere responsabili di una serie di “malattie complesse immuno-mediate” e c’è una possibilità che un vaccino contro i virus nell’intestino possa essere in grado di impedire ai bambini di sviluppare la celiachia e altri disturbi autoimmuni. “Durante il primo anno di vita, il sistema immunitario sta ancora maturando, quindi per un bambino con un particolare background genetico, contrarre un determinato virus in quel momento può lasciare una sorta di cicatrice che poi ha conseguenze a lungo termine”, ha detto il dott. Jabri disse. “Ecco perché crediamo che una volta che avremo più studi, potremmo voler pensare se i bambini ad alto rischio di sviluppare la celiachia debbano essere vaccinati”.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Mangia questo ogni giorno per battere la pancia gonfia

15 alimenti che sono lassativi naturali