in

Condizioni di stomaco

Le persone spesso si riferiscono all’intera regione addominale come “lo stomaco”. In realtà, il tuo stomaco è un organo situato nella parte superiore sinistra dell’addome. È la prima parte intra-addominale del tratto digestivo.

Il tuo stomaco contiene diversi muscoli. Può cambiare forma mentre mangi o cambiare postura. Svolge anche un ruolo strumentale nella digestione.

Il ruolo del tuo stomaco nella digestione

Quando deglutisci, il cibo viaggia lungo l’esofago, attraversa lo sfintere esofageo inferiore ed entra nello stomaco. Il tuo stomaco ha tre compiti:

  1. stoccaggio temporaneo di alimenti e liquidi
  2. produzione di succhi digestivi
  3. svuotare la miscela nell’intestino tenue

La durata di questo processo dipende dai cibi che mangi e dal funzionamento dei muscoli dello stomaco. Alcuni alimenti, come i carboidrati, passano rapidamente, mentre le proteine ​​rimangono più a lungo. I grassi impiegano più tempo per essere processati.

Malattia da reflusso gastroesofageo

Il reflusso si verifica quando il contenuto dello stomaco come cibo, acido o bile ritorna nell’esofago. Quando questo accade due o più volte a settimana, si parla di malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) . Questa condizione cronica può causare bruciore di stomaco e irritare il rivestimento dell’esofago.

I fattori di rischio per GERD includono:

  • obesità
  • fumare
  • gravidanza
  • asma
  • diabete
  • ernia iatale
  • ritardo nello svuotamento dello stomaco
  • sclerodermia
  • Sindrome di Zollinger-Ellison

Il trattamento prevede rimedi da banco e cambiamenti nella dieta. I casi gravi richiedono la prescrizione di farmaci o interventi chirurgici.

Gastrite

La gastrite è un’infiammazione del rivestimento dello stomaco. La gastrite acuta può manifestarsi improvvisamente. La gastrite cronica avviene lentamente. Secondo la Cleveland Clinic , 8 su 1.000 persone hanno una gastrite acuta e 2 su 10.000 sviluppano una gastrite cronica.

I sintomi della gastrite includono:

  • singhiozzo
  • nausea
  • vomito
  • indigestione
  • gonfiore
  • perdita di appetito
  • feci nere a causa di sanguinamento nello stomaco

Le cause includono:

  • fatica
  • reflusso biliare dal tuo intestino tenue
  • consumo eccessivo di alcol
  • vomito cronico
  • uso di aspirina o farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)
  • infezioni batteriche o virali
  • anemia perniciosa
  • Malattie autoimmuni

I farmaci possono ridurre l’acido e l’infiammazione. Dovresti evitare cibi e bevande che causano sintomi.

Ulcera peptica

Se il rivestimento dello stomaco si rompe potresti avere un’ulcera peptica . La maggior parte si trova nel primo strato del rivestimento interno. Un’ulcera che attraversa completamente il rivestimento dello stomaco è chiamata perforazione e richiede cure mediche immediate.

I sintomi includono:

  • dolore addominale
  • nausea
  • vomito
  • incapacità di bere liquidi
  • sensazione di fame subito dopo aver mangiato
  • fatica
  • perdita di peso
  • sgabello nero o catramoso
  • dolore al petto

I fattori di rischio includono:

  • Batteri Helicobacter pylori
  • consumo eccessivo di alcol
  • uso eccessivo di aspirina o FANS
  • tabacco
  • trattamenti radioterapici
  • usando una macchina per respirare
  • Sindrome di Zollinger-Ellison

Il trattamento dipende dalla causa. Può comportare farmaci o interventi chirurgici per fermare l’emorragia.

Gastroenterite virale

La gastroenterite virale si verifica quando un virus provoca l’infiammazione dello stomaco e dell’intestino. I sintomi principali sono vomito e diarrea. Potresti anche avere crampi, mal di testa e febbre.

La maggior parte delle persone guarisce entro pochi giorni. I bambini molto piccoli, gli anziani e le persone con altre malattie sono a maggior rischio di disidratazione.

La gastroenterite virale si trasmette attraverso il contatto ravvicinato o con cibi o bevande contaminati. Secondo ilCentri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)Fonte attendibile, è più probabile che le epidemie si verifichino in ambienti chiusi come scuole e case di cura.

Ernia iatale

Lo iato è lo spazio nella parete muscolare che separa il torace dall’addome. Se il tuo stomaco scivola nel petto attraverso questo spazio, hai un’ernia iatale .

Se una parte dello stomaco spinge e rimane nel petto vicino all’esofago, si parla di ernia paraesofagea. Questo tipo meno comune di ernia può interrompere l’afflusso di sangue allo stomaco.

I sintomi dell’ernia iatale includono:

  • gonfiore
  • ruttare
  • dolore
  • sapore amaro in gola

La causa non è sempre nota, ma può essere dovuta a lesioni o sforzi.

Il tuo fattore di rischio è più alto se sei:

  • sovrappeso
  • oltre i 50 anni
  • un fumatore

Il trattamento prevede farmaci per trattare il dolore e il bruciore di stomaco. I casi gravi possono richiedere un intervento chirurgico. Il medico potrebbe consigliarti di:

  • mantenere un peso sano
  • limitare i cibi grassi e acidi
  • alza la testata del tuo letto
Gastroparesi

La gastroparesi è una condizione in cui lo stomaco impiega troppo tempo per svuotarsi.

I sintomi includono:

  • nausea
  • vomito
  • perdita di peso
  • gonfiore
  • bruciore di stomaco

Le cause includono:

  • diabete
  • farmaci che colpiscono l’intestino
  • chirurgia dello stomaco o del nervo vago
  • anoressia nervosa
  • sindromi postvirali
  • disturbi muscolari, del sistema nervoso o metabolici

Il trattamento può includere farmaci e cambiamenti nella dieta. Nei casi più gravi, può essere necessario un intervento chirurgico.

Cancro allo stomaco

Il cancro allo stomaco generalmente cresce lentamente nel corso di molti anni. Nella maggior parte dei casi, inizia nello strato più interno del rivestimento dello stomaco.

Non trattato, il cancro allo stomaco può diffondersi ad altri organi o nei linfonodi o nel flusso sanguigno. Prima viene diagnosticato e trattato il cancro allo stomaco, migliori sono le prospettive.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Perché dovresti massaggiare lo stomaco e come farlo

piloroplastica