in

Perché il CEO di Whole Foods non pensa molto alle alternative alla carne a base vegetale

  • L’amministratore delegato di Whole Foods afferma che molte alternative alla carne a base vegetale non sono così salutari come pensano alcuni.
  • Gli esperti di nutrizione concordano, osservando che alcune carni a base vegetale sono ricche di sodio e grassi saturi.
  • Tuttavia, gli esperti di nutrizione affermano che le alternative senza carne possono essere un sano sostituto per le persone che non hanno tempo per preparare una dieta di cibi integrali ogni giorno.

Le carni a base vegetale stanno aumentando di popolarità, ma sono più salutari della carne vera?

L’amministratore delegato di Whole Foods non la pensa così.

Parlando con la CNBC , John Mackey, vegano da più di 20 anni, afferma che le carni a base vegetale non sono necessariamente così salutari come alcuni potrebbero pensare.

“Alcuni di questi che sono estremamente popolari ora che stanno prendendo d’assalto il mondo, se guardi gli ingredienti, sono alimenti super altamente trasformati”, ha detto Mackey.

“Non credo che mangiare cibi altamente lavorati sia salutare. Penso che le persone prosperino mangiando cibi integrali. Per quanto riguarda la salute, non lo sosterrò, e si tratta di critiche altrettanto grandi che farò in pubblico”, ha aggiunto.

Due delle carni a base vegetale più popolari sul mercato, Beyond Meat e Impossible Foods, sono diventate molto popolari.

Beyond Meat è presente nei menu di Dunkin’, KFC, Del Taco e TGI Friday’s, mentre puoi trovare Impossible Foods da Burger King , White Castle e Red Robin.

Il sito web di Beyond Meat afferma che l’azienda mira a creare “il futuro delle proteine” e “passando dalla carne animale a quella vegetale, stiamo creando una soluzione salata che risolve quattro problemi crescenti attribuiti alla produzione di bestiame: salute umana, cambiamento climatico, vincoli sulle risorse naturali e sul benessere degli animali”.

Ma Mackey non è l’unico a non essere convinto dell’aspetto salutistico delle carni a base vegetale.

“Non tutte le carni di origine vegetale sono create allo stesso modo. Di tutte le carni a base vegetale oggi sul mercato, alcune sono minimamente lavorate e realizzate con cibi integrali, mentre altre sono altamente lavorate e contengono additivi e aromi”, Lauri Wright, PhD, assistente professore di sanità pubblica presso l’Università del Nord Florida, ha detto a Healthline.

“Beyond Burger infatti è uno degli hamburger a base vegetale più alti in calorie e grassi saturi a 270 calorie e 5 grammi di grassi saturi”.

In confronto, un Boca Original Vegan Veggie Burger ha solo 70 calorie e 0 grammi di grassi saturi. Un Boca All American Veggie Burger ha 100 calorie e 1 grammo di grassi saturi.

I problemi con la carne vegetale

Wright afferma che ci sono una serie di potenziali problemi con le carni a base vegetale altamente lavorate.

Dice che i sostituti della carne sono spesso più ricchi di sodio rispetto alla carne fresca. Questo aumenta se si aggiungono marinate, salse o altri condimenti.

Alcuni sostituti della carne possono anche contenere ingredienti di riempimento economici con scarso valore nutritivo. Le carni a base vegetale possono essere preparate con ingredienti che sembrano salutari, come fagioli e tofu, ma possono comunque essere ricche di grassi saturi.

“I produttori usano spesso oli di cocco e di palma, entrambi ricchi di grassi saturi, per dare ai prodotti una sensazione in bocca simile alla carne macinata, quindi è importante che i clienti leggano le etichette sui sostituti della carne per determinare il contenuto di grassi”, ha detto Wright.

Digerire la dieta quotidiana

Dana Hunnes, PhD, dietista senior presso l’University of California Los Angeles Medical Center, è d’accordo con Mackey, ma sostiene che la praticità di una dieta alimentare integrale è impegnativa per la persona media.

“In un mondo perfetto, non mangeremmo altro che cibi genuini con un solo ingrediente. Tuttavia, questa non è la realtà del modo in cui la maggior parte delle persone mangia o vuole mangiare”, ha detto a Healthline. “Quindi, credo che tutto sommato, le carni a base vegetale siano ancora più sane rispetto al consumo di proteine ​​o carni animali cancerogene o che promuovono il tumore”.

Secondo il Linee guida dietetiche per gli americaniFonte attendibile, per una dieta giornaliera di 2.000 calorie, una persona non dovrebbe avere più di 26 once di carne a settimana, che equivalgono a meno di 4 once al giorno, all’incirca le dimensioni di un mazzo di carte.

Le linee guida affermano: “I modelli alimentari che includono una minore assunzione di carne, carni lavorate e pollame lavorato sono associati a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari negli adulti. Prove moderate indicano che questi modelli alimentari sono associati a un ridotto rischio di obesità, diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro negli adulti”.

Secondo l’ Accademia di nutrizione e dietetica , una dieta senza carne, vegetariana o vegana, è ancora salutare.

“Queste diete sono sicure e appropriate per tutte le fasi del ciclo di vita. Come tutte le diete, indipendentemente dal fatto che contengano carne, devono essere ben bilanciate e includere una varietà di alimenti, tra cui frutta, verdura, cereali integrali, fagioli, noci e semi”, Debbie Petitpain, MS, RDN, portavoce per l’Accademia di nutrizione e dietetica, ha detto a Healthline.

Nota che nessun singolo alimento può essere considerato salutare o malsano da solo, poiché la dieta complessiva di un individuo deve essere considerata.

“Una carne vegetale utilizzata come sostituto della carne rossa, ad esempio, sarebbe una scelta salutare. Usarlo per sostituire un’insalata o un piatto di fagioli e cereali integrali non lo farebbe”, ha detto.

“Il miglioramento della salute è un viaggio ed è personale. Per molte persone, le “carni finte” consentono loro di andare avanti nel loro viaggio e possono fungere da “cibo di passaggio” per più opzioni a base vegetale”, ha affermato. “Le diete a base vegetale promuovono la salute e le carni a base vegetale forniscono ai consumatori modi per muoversi in questa direzione”.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Diabete di tipo 2 e dieta: cosa dovresti sapere

11 modi in cui l’aceto di mele è all’altezza dell’hype