in

Più bevi, maggiore è il rischio di cancro

I ricercatori affermano che esiste un legame tra il consumo di alcol e il rischio di tumori digestivi che già uccidono 3 milioni di persone all’anno in tutto il mondo.

Quello che non sai può farti del male.

Almeno quando si tratta di alcol e cancro.

Un nuovo rapporto pubblicato questa settimana conclude che esiste una relazione tra il consumo di alcol e il rischio di alcuni tipi di cancro.

Lo studio si è concentrato sulle persone in Europa, ma i risultati hanno anche importanti implicazioni per gli Stati Uniti.

Secondo una ricerca della United European Gastroenterology (UEG), il consumo di alcol in Europa è superiore a qualsiasi altra regione del mondo.

E quel tasso di consumo di alcol sta esponendo i cittadini dell’UE a un rischio maggiore di tumori dell’apparato digerente.

Questi tumori sono in aumento, anche se molte persone non si rendono conto del rischio.

“L’alcol contribuisce a un numero enorme di malattie ma, cosa preoccupante, fino al 90 percento delle persone non è consapevole del rischio associato tra alcol e cancro”, Dr. Helena Cortez-Pinto, professore associato presso la Facoltà di Medicina di Lisbona , ha detto a Healthline un autore dello studio e membro dell’UEG.

Per saperne di più: Perché i tassi di cancro al fegato continuano ad aumentare »

Tipi mortali di cancro

I tumori del pancreas, del fegato, dello stomaco, del colon-retto e dell’esofago sono i tumori digestivi più comuni al mondo, responsabili di quasi 3 milioni di decessi all’anno, più di un terzo dei decessi per cancro in tutto il mondo.

In una precedente indagine, nota come Studio EPICOFonte attendibile, i ricercatori hanno scoperto che su 57.600 casi di cancro riscontrati nel tratto digestivo superiore, nel colon e nel fegato negli uomini, l’80% riguardava coloro che bevevano regolarmente più di una bevanda alcolica al giorno.

L’UEG riferisce che il rischio di numerosi tipi di cancro spesso aumenta, anche con quantità di alcol apparentemente casuali.

Il rischio di cancro esofageo aumenta con un solo drink al giorno.

Il rischio di cancro del colon-retto aumenta da uno a quattro bicchieri al giorno.

Quattro o più drink al giorno aumentano il rischio di cancro gastrico, pancreatico e epatico.

L’UEG classifica quattro o più bevande al giorno come “heavy” drinking. Un quinto della popolazione europea si adatta a questa designazione.

Per saperne di più: il monitoraggio di un tumore del cancro a volte potrebbe essere migliore del trattamento »

ANNUNCIO

La terapia online può aiutare con il supporto alla dipendenza a lungo termine

Trova un terapista dalla rete di professionisti di BetterHelp per il tuo percorso di recupero dalla dipendenza. Fai un quiz, fatti trovare abbinato e inizia a ricevere assistenza tramite telefono o sessioni video.

TROVA UN TERAPISTA
  • +1,5 milioni

    aiutato

  • Accesso alla terapia 24 ore su 24, 7 giorni su 7
  • Preferito da94% degli utenti

Alla ricerca di un collegamento

Ci sono ancora alcune domande senza risposta sulla relazione tra consumo di alcol e cancro.

Ad esempio, non è noto se il binge drinking aumenta il rischio di cancro più del bere occasionale, anche se il binge drinking è stato identificato come pericoloso per numerose ragioniFonte attendibile.

Alcuni comportamenti, d’altra parte, sono stati collegati ad un aumento del rischio di cancro.

“Ci sono prove molto forti che bere, in associazione con il fumo, aumenta notevolmente il rischio di tumori digestivi, specialmente nella cavità e nella faringe”, ha affermato Cortez-Pinto.

L’UEG afferma anche che la ricerca sui tipi di alcol è stata finora inconcludente. Ad esempio, il vino è più sicuro o più sano della vodka o della birra?

Cortez-Pinto ha osservato che il contenuto alcolico di una bevanda può aumentare il rischio di cancro, ma sono necessarie ulteriori ricerche sull’argomento.

Per saperne di più: Giuria ancora fuori sui benefici del bere moderato »

Cosa puoi imparare in un mese senza alcol?

Non è mai un brutto momento per controllare il tuo rapporto con l’alcol. Scopri come affrontare un mese di sobrietà con la sfida di un mese sull’azzeramento dell’alcol.

Un problema negli Stati Uniti?

Nonostante questo nuovo rapporto si concentri sulla popolazione europea, è significativo anche per le persone negli Stati Uniti.

Il consumo di alcol negli Stati Uniti (1,6 drink al giorno, in media) è appena dietro l’Europa (1,9 drink al giorno).

In una certa misura, le differenze culturali tra gli Stati Uniti e l’Europa sono responsabili. L’Europa ha un “cultura umidaFonte attendibile“, in cui l’alcol svolge un ruolo negli eventi quotidiani, compresi i pasti, e ha una profonda storia socioculturale.

D’altra parte, gli Stati Uniti sono considerati una “cultura secca”, in cui l’alcol è meno comune durante le attività quotidiane e l’astinenza è più comune. Nelle colture secche, il consumo di alcol ha maggiori probabilità di provocare intossicazione.

Il binge drinking, in particolare tra adolescenti e giovani adulti, rimane un problema costante negli Stati Uniti. Secondo ilCentri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)Fonte attendibile, il binge drinking è “il modello più comune, costoso e mortale di consumo eccessivo di alcol negli Stati Uniti”.

Tuttavia, una nuova ricerca indica che il consumo di alcol da parte degli adolescenti negli Stati Uniti ha continuato a diminuire dai primi anni ’90 . Rispetto all’Europa, il consumo di alcol tra adolescenti è inferiore negli Stati Uniti .

Il Società americana del cancroFonte attendibileraccomanda agli uomini di limitare il consumo di alcol a non più di due bicchieri al giorno. Le donne non dovrebbero averne più di uno.

Per saperne di più: Ecco cosa succede quando smetti di bere alcolici per un mese »

Cosa si può fare?

Sulla base del rapporto UEG, anche quella quantità di alcol potrebbe essere eccessiva.

L’UEG si impegna ad aiutare a ridurre il consumo di alcol in Europa entro il 2025 del 10%, ma c’è molto lavoro da fare.

Il rapporto propone modifiche all’etichettatura per includere le avvertenze sui rischi e gli elenchi degli ingredienti per tenere informati i consumatori.

E sia l’UEG che il CDC raccomandano strategie di prezzo e una tassazione adeguata come modo per moderare le vendite di alcol.

Tuttavia, secondo il rapporto, “C’è molto altro da fare per convincere il pubblico, gli operatori sanitari e i responsabili politici dell’urgente necessità di cambiamento in tutta Europa”.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Dì addio al gonfiore con questo allenamento geniale di 5 minuti

Ci sono poche prove che i probiotici aiutino la maggior parte dei sintomi gastrointestinali

Torna su
close

Log In

Forgot password?

Forgot password?

Enter your account data and we will send you a link to reset your password.

Your password reset link appears to be invalid or expired.

Log in

Privacy Policy

To use social login you have to agree with the storage and handling of your data by this website.

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.