in

Ci sono poche prove che i probiotici aiutino la maggior parte dei sintomi gastrointestinali

  • Una nuova linea guida medica raccomanda l’uso di probiotici solo per un numero limitato di condizioni gastrointestinali (GI).
  • I probiotici sono microrganismi vivi che hanno lo scopo di fornire benefici per la salute.
  • L’intestino umano contiene centinaia di specie diverse di batteri. Questi interagiscono in modi complessi, sia tra loro che con il corpo umano.

I probiotici sono un business in forte espansione, consumato da milioniFonte attendibile di americani attenti alla salute sotto forma di pillole, cibi fermentati come lo yogurt o altri prodotti alimentari.

Ma una nuova linea guida dell’American Gastroenterological Association avverte che non ci sono prove scientifiche sufficienti per raccomandare l’uso di questi cosiddetti batteri e lieviti buoni per curare la maggior parte delle malattie dell’apparato digerente.

“Sebbene la nostra linea guida evidenzi alcuni casi d’uso per i probiotici, sottolinea ancora più importante che le ipotesi del pubblico sui benefici dei probiotici non sono ben fondate e c’è anche una grande variazione nei risultati basata sulla formulazione del prodotto probiotico, “, ha affermato la presidente del comitato delle linee guida, la dott.ssa Grace L. Su , gastroenterologo dell’Università del Michigan, in un comunicato stampa .

I probiotici sono utili solo per determinate condizioni

I probiotici sono microrganismi vivi che hanno lo scopo di fornire benefici per la salute. Alcuni probiotici sono disponibili su prescrizione in alcuni paesi, ma la maggior parte è venduta al banco.

Negli Stati Uniti, i probiotici commercializzati come integratori alimentari non necessitano di approvazione preventiva da parte della Food and Drug Administration (FDA), ma le aziende non sono autorizzate a fare affermazioni sulla salute di questi prodotti.

Sebbene a volte pensiamo ai batteri come “germi dannosi”, il nostro stomaco e il nostro intestino contengono in realtà milioni di batteri e lieviti utili. Insieme, formano una comunità nota come microbioma intestinale .

L’intestino umano contiene una stima da 300 a 500Fonte attendibilediverse specie batteriche. Questi interagiscono in modi complessi, sia tra loro che con il corpo umano.

Oltre alle linee guida, l’AGA ha pubblicato una revisione tecnica degli studi scientifici esistenti sul legame tra probiotici e salute dell’intestino. Questa recensione ha scoperto che i probiotici possono essere utili per alcune condizioni GI (correlate all’intestino).

Alcuni probiotici possono essere utili per i neonati prematuri con basso peso alla nascita, abbreviando il numero di giorni che trascorrono in ospedale e riducendo il tempo necessario per nutrirsi completamente.

I probiotici specifici possono anche ridurre il rischio di infezione da Clostridium difficile negli adulti e nei bambini che assumono antibiotici. C. difficile è un batterio che provoca diarrea e infiammazione del colon.

Allo stesso modo, la revisione ha rilevato che alcuni probiotici possono essere utili nella gestione della pouchite, una complicanza della colite ulcerosa che è stata trattata chirurgicamente.

Per altre condizioni, la revisione ha rilevato una carenza di prove scientifiche a sostegno dell’uso dei probiotici.

“I pazienti che assumono probiotici per il morbo di Crohn, la colite ulcerosa o la [sindrome dell’intestino irritabile] dovrebbero prendere in considerazione l’interruzione”, ha affermato Su nel comunicato stampa.

“Gli integratori possono essere costosi e non ci sono prove sufficienti per dimostrare un beneficio o confermare l’assenza di danni”.

La revisione ha anche scoperto che i probiotici non sembrano essere utili per i bambini con gastroenterite acuta, un’infiammazione del tratto digestivo che può causare nausea, vomito e diarrea.

Tuttavia, la revisione ha esaminato solo la ricerca condotta in Nord America. AlcuniricercaFonte attendibile effettuata in altri paesi ha dimostrato che alcuni probiotici erano efficaci nel ridurre la durata della diarrea nei bambini con gastroenterite acuta.

I benefici dipendono da ceppi probiotici specifici

Un punto di forza della revisione dell’AGA è che ha considerato l’effetto dei probiotici a ceppo singolo o multiceppo sulla salute dell’intestino separatamente, piuttosto che raggrupparli tutti insieme come “probiotici”.

Il dottor Daniel J. Merenstein , professore di medicina di famiglia alla Georgetown University, e i suoi colleghi hanno scritto di recente sul Journal of Family Practice che i benefici dei probiotici dipendono dal ceppo, dal dosaggio e dalle condizioni da trattare.

“Proprio come sappiamo che non tutti gli antibiotici sono ugualmente efficaci per tutte le infezioni, così anche l’efficacia tra i probiotici può – e spesso lo fa – variare per ogni data condizione”, hanno scritto.

“Anche l’efficacia può variare da paziente a paziente”.

L’interesse per i probiotici è cresciuto come più ricercaFonte attendibile ha mostrato come il microbioma intestinale può influenzare la salute, sia in modo negativo che positivo.

Questo va oltre la salute gastrointestinale, con alcuni studi che trovano un legame tra i batteri presenti nell’intestino e le malattie mentali come l’ansia e la depressione.

Tuttavia, la maggior parte degli studi utilizza probiotici specifici a ceppo singolo o multiceppo, di solito probiotici di alta qualità che non sono disponibili al banco. Ecco perché l’assunzione di “qualsiasi” probiotico potrebbe non essere utile.

Merenstein e i suoi colleghi hanno scritto che i medici che raccomandano i probiotici per i loro pazienti dovrebbero esaminare le prove scientifiche, ove disponibili, per quali probiotici utilizzare.

“Semplicemente raccomandare a un paziente di ‘prendere probiotici’ non è particolarmente utile quando l’individuo desidera un prodotto che aiuti una condizione specifica”, hanno scritto.

Sebbene i probiotici siano generalmente sicuri, in quanto batteri viventi possono causare danni in alcune circostanze, specialmente nelle persone con un sistema immunitario compromesso. Chiunque abbia una condizione di salute dovrebbe parlare con il proprio medico prima di assumere i probiotici.

Alcune persone usano i probiotici per migliorare la salute dell’intestino, ma ricercaFonte attendibile mostra anche che la dieta può modificare la composizione del microbioma intestinale.

In particolare, le diete povere di grassi e ricche di fibre possono avere un effetto benefico, non solo sul microbioma ma anche sulla tua salute generale, due aspetti del tuo corpo che sono intimamente collegati.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Più bevi, maggiore è il rischio di cancro

L’uso di aspirina a lungo termine può ridurre il rischio di tumori digestivi