in

L’aspirina può ridurre il rischio di cancro al tratto digerente, ma non è per tutti

Gli esperti dicono che le persone dovrebbero bilanciare i benefici dell’uso quotidiano di aspirina con l’aumento del rischio di sanguinamento. Getty Images
  • Un nuovo studio ha trovato ulteriori prove del legame tra l’assunzione regolare di aspirina e un ridotto rischio di cancro al colon e altri tumori del tratto digestivo.
  • Gli esperti, tuttavia, avvertono che tali potenziali benefici devono essere valutati rispetto al potenziale aumento del rischio di sanguinamento.
  • Gli esperti dicono che le persone dovrebbero usare le linee guida mediche per chi potrebbe trarre beneficio dall’assunzione di aspirina nel decidere se assumere l’aspirina ogni giorno.

C’è una nuova prospettiva nel dibattito sui benefici per la salute e sui rischi che comportano l’uso quotidiano dell’aspirina.

Questo ha a che fare con la potenziale riduzione del rischio di cancro al colon.

Un nuovo studio ha riassunto i risultati passati dell’associazione tra l’uso regolare di aspirina e una riduzione del rischio di cancro al colon e altri tumori del tratto digestivo.

I ricercatori hanno concluso che l’aspirina era stata associata a una riduzione del 22-39% del rischio di questi tipi di cancro.

Questi risultati forniscono ulteriore supporto al legame tra l’uso regolare di aspirina e la riduzione del rischio di tali tumori.

La ricerca solleva anche una domanda, però.

Negli ultimi anni, ci sono stati crescenti avvertimenti secondo cui la potenziale riduzione del rischio di malattie cardiache derivante dall’assunzione regolare di aspirina potrebbe non valere il potenziale aumento del rischio di sanguinamento.

Quindi, quando e per chi questo rischio dovrebbe superare i potenziali benefici di una riduzione del rischio di cancro?

Lo studio dai numeri

Il nuovo documento ha esaminato 113 studi, inclusi studi sul cancro del colon, dello stomaco, del pancreas e della testa, del collo, dell’esofago, del fegato, della cistifellea e dei dotti biliari.

I ricercatori, con sede in Italia, hanno scoperto che una dose di aspirina tra 75 e 100 milligrammi al giorno riduce del 10% il rischio di cancro al colon. Una dose di 325 mg al giorno ha ridotto il rischio del 35 percento.

Ciò significa che i benefici dell’aspirina aumentano con un dosaggio più elevato.

Lo studio rileva inoltre che i benefici aumentavano più a lungo le persone assumevano l’aspirina.

In collaborazione con VolunteerMatch, Healthline sta lanciando Transform Today, uno strumento di ricerca locale in cui puoi trovare opportunità per combattere le disuguaglianze di salute nella tua comunità, oggi.

PER SAPERNE DI PIÙ

Chi dovrebbe prendere l’aspirina?

Ma più e più a lungo non è necessariamente meglio per tutti.

Dopo anni di raccomandazioni secondo cui l’aspirina quotidiana potrebbe aiutare a prevenire infarti e ictus nelle persone con un rischio più elevato di tali problemi cardiovascolari, la ricerca nel 2018 e nel 2019 ha iniziato a cambiare questa opinione.

Quella ricerca ha essenzialmente scoperto che mentre l’aspirina ha fornito una riduzione del rischio di malattie cardiache, più persone hanno sofferto di complicanze emorragiche, anche nel tratto gastrointestinale, a causa dell’aspirina rispetto a quelle evitate di infarto o ictus.

Lo stesso equilibrio tra potenziali benefici e rischi deve essere valutato quando si tratta di cancro e aspirina, hanno affermato gli esperti.

Eric J. JacobsFonte attendibile, PhD, direttore scientifico senior della ricerca sull’epidemiologia presso l’American Cancer Society, ha affermato che i risultati del nuovo studio si sono allineati con i risultati di studi randomizzati, che esaminano partecipanti più accuratamente selezionati in contesti più definiti rispetto a una revisione sommaria.

“Entrambi indicano che l’uso regolare di aspirina riduce modestamente il rischio di cancro del colon-retto, un punto che è ben noto da molti anni”, ha detto Jacobs a Healthline.

Ma ha notato che “le decisioni sull’opportunità o meno di usare l’aspirina per una persona in particolare devono bilanciare attentamente i potenziali benefici, incluso il minor rischio di attacchi di cuore e cancro del colon-retto, contro potenziali danni, incluso un grave sanguinamento gastrointestinale”.

L’aspirina è raccomandata per alcune persone ad alto rischio di malattie cardiache o alcuni tipi di cancro.

Ma uno studio dell’anno scorso ha scoperto che quasi un quarto degli adulti potrebbe assumere l’aspirina ogni giorno senza una raccomandazione del medico.

Ciò va contro ciò che consigliano gli esperti.

Le linee guida dell’American Heart Association e dell’American College of Cardiology affermano che gli adulti di età superiore ai 70 anni che non hanno avuto un infarto e le persone che hanno un rischio di sanguinamento più elevato non dovrebbero assumere l’aspirina.

Valutare il rischio

Jacobs ha affermato che l’American Cancer Society non ha sviluppato essa stessa linee guida per bilanciare benefici e rischi, ma ha indicato le linee guida della US Preventive Services Task Force (USPSTF).

Per ridurre il rischio di malattie cardiache e cancro al colon, queste linee guida raccomandano basse dosi giornaliere di aspirina per gli adulti dai 50 ai 59 anni che hanno almeno il 10% di rischio di infarto o ictus entro i prossimi 10 anni e che non sono a un aumento del rischio di sanguinamento.

Per determinare se qualcuno è a rischio più elevato, Jacobs ha osservato che un operatore sanitario può valutare l’anamnesi della persona o utilizzare un calcolatore di rischio online.

Una calcolatrice è disponibile presso l’American Heart Association e l’American College of Cardiology.

Le linee guida dell’USPSTF affermano che i benefici per la riduzione del cancro derivanti dall’assunzione di aspirina non si manifestano fino a quando qualcuno non ha assunto il farmaco per 5-10 anni.

Per questo motivo, le persone di età superiore ai 60 anni hanno meno probabilità di vedere i benefici se non hanno già iniziato a prendere l’aspirina.

Il rischio di sanguinamento gastrointestinale aumenta con l’età, osservano le linee guida.

Altri modi per ridurre il rischio

L’aspirina non è l’unico strumento là fuori.

“L’uso di aspirina non è l’unico modo o il modo migliore per ridurre il rischio di cancro del colon-retto”, ha detto Jacobs.

Mentre non puoi fare nulla per il fatto che il rischio aumenta con l’età, ci sono altri fattori di rischio che potrebbero essere più sotto il tuo controllo.

Questi includono evitare di essere in sovrappeso, fumare, bere molto, uno stile di vita sedentario o una dieta ricca di carne rossa o cibi lavorati.

E dopo una certa età — 45 anni per la maggior parte delle persone, secondo l’American Cancer Society linee guidaFonte attendibile — screening regolari come le colonscopie possono aiutare a ridurre i rischi.

Come la maggior parte delle nostre vite attualmente, tuttavia, il COVID-19 ha l’ultima parola anche sugli screening per il cancro del colon, per ora.

“A causa dell’attuale pandemia di COVID-19, non è consigliabile recarsi in una struttura sanitaria per lo screening oncologico di routine in questo momento”, ha osservato Jacobs.

“Tuttavia, è importante ricordare di tornare in carreggiata e riprogrammare i test per il cancro del colon-retto quando è sicuro farlo e le strutture mediche sono in grado di ricominciare i test”, ha aggiunto.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Il caffè aiuta il tuo apparato digerente? Gli esperti non sono convinti

Adderall ti fa fare la cacca? (e altri effetti collaterali)