in

Come le abitudini di consumo dei padri possono contribuire ai difetti di nascita nei neonati

  • Secondo uno studio osservazionale su 529.090 coppie, c’è stato un aumento del 35% della possibilità di difetti alla nascita nei neonati se il padre ha bevuto regolarmente alcol nei 6 mesi precedenti il ​​concepimento.
  • I tipi di difetti alla nascita monitorati nello studio includevano cardiopatie congenite, anomalie degli arti, fessure, anomalie del tratto digerente, gastroschisi e difetti del tubo neurale.
  • Gli esperti notano diverse limitazioni allo studio, incluso il fatto che non ha monitorato la quantità di alcol consumata prima del concepimento.

Nuove prove suggeriscono un legame tra il consumo di alcol paterno prima del concepimento e le possibilità di difetti alla nascita fetale.

Il studioFonte attendibile, pubblicato su JAMA Pediatrics il 19 aprile, ha scoperto che il bere paterno è associato ad un aumentato rischio di anomalie dello sperma, che potrebbe portare a difetti come malattie cardiache congenite, anomalie degli arti, fessure e anomalie del tratto digestivo.

L’associazione tra consumo di alcol e difetti alla nascita è stata studiata più da vicino nelle madri, ma i ricercatori hanno recentemente iniziato a esaminare più da vicino come il consumo paterno influisca sui bambini.

Lo studio si aggiunge a una crescente quantità di prove che il consumo di alcol paterno può potenzialmente influire negativamente sulla salute del bambino.

Non è chiaro perché il bere paterno possa portare a difetti alla nascita, ma le prime prove suggeriscono che l’alcol modifica la forma, le dimensioni e la motilità degli spermatozoi e potrebbe anche alterare il DNA che viene trasmesso ai bambini.

Nel complesso, le possibilità di difetti alla nascita rimangono basse, indipendentemente dal consumo di alcol.

“Questo studio solleva interrogativi sul fatto che forse entrambi i partner dovrebbero essere ugualmente responsabili in termini di quando stanno pianificando di creare la nuova vita”, ha affermato la dott.ssa Lubna Pal , endocrinologa riproduttiva di Yale Medicine e professore di ostetricia, ginecologia e servizi riproduttivi a Yale. Scuola di Medicina.

Difetti alla nascita segnalati più comunemente dai padri che bevono alcolici 

I ricercatori hanno reclutato 529.090 coppie che stavano pianificando una gravidanza entro 6 mesi.

Delle coppie partecipanti, 364.939 padri non hanno bevuto alcolici prima del concepimento (definito come bere almeno una volta alla settimana) e 164.151 lo hanno fatto.

Il team di ricerca ha quindi monitorato il tasso di difetti alla nascita segnalati dai genitori 42 giorni dopo la nascita del bambino.

Complessivamente, sono stati segnalati 609 difetti alla nascita totali, tra cui cardiopatia congenita , anomalie degli arti, schisi , anomalie del tratto digerente, gastroschisi e difetti del tubo neurale .

Tra i padri che consumavano alcol c’erano 363 malformazioni congenite. Tra i padri che non consumavano alcol vi erano 246 malformazioni congenite.

Il team di ricerca ha scoperto che i bambini avevano il 35% in più di probabilità di avere un difetto alla nascita se il padre beveva regolarmente una volta alla settimana o più nei 6 mesi precedenti il ​​concepimento.

Inoltre, i bambini avevano il 55% in più di probabilità di sviluppare fessure se il padre beveva regolarmente prima del concepimento.

Secondo i ricercatori, l’evidenza epidemiologica suggerisce che il bere paterno prima del concepimento può danneggiare gli spermatozoi e aumentare le possibilità di difetti alla nascita.

I ricercatori suggeriscono anche che i risultati dovrebbero fornire indicazioni sul bere paterno per aiutare a ridurre le possibilità di difetti.

Lo studio non conferma un collegamento diretto, ma solleva dubbi sul fatto che potrebbero esserci strategie prevenibili che entrambi i partner possono adottare per migliorare la salute del bambino, secondo Pal.

Perché il bere paterno potrebbe avere questo impatto?

La ricerca sul consumo paterno si è storicamente concentrata sugli effetti del consumo materno di alcol.

Storicamente, alle madri è stato sconsigliato di bere prima del concepimento, ma le indicazioni per il consumo paterno prima del concepimento sono state scarse.

“La fertilità è uno sport di squadra. Ci sono due attori coinvolti, ma l’onere è ricaduto in modo sproporzionato sulle donne per [il] tempo più lungo”, ha detto Pal.

Una revisione del 2020 di 55 studi ha anche riscontrato una forte correlazione tra il bere paterno e i bambini che nascono con un difetto alla nascita come la cardiopatia congenita (CHD).

Secondo quello studio, bere alcolici entro 3 mesi dal concepimento era collegato a una probabilità maggiore del 44% di CHD. Inoltre, il rischio sembrava essere maggiore nei padri che bevevano molto.

Non è chiaro perché il bere paterno possa essere collegato a un più alto tasso di difetti alla nascita.

Le prove passate suggeriscono che l’alcol influisce sulle dimensioni, sulla motilità e sulla forma degli spermatozoi. AltroricercaFonte attendibile suggerisce che l’esposizione all’alcol può alterare il DNA del padre ed essere ereditata dalla prole.

Presto provaFonte attendibile suggerisce che gli effetti non sono permanenti e potrebbero volerci solo 3 mesi prima che lo sperma torni in salute una volta che il consumo di alcol si interrompe.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il collegamento

Questo nuovo studio osservazionale solleva interrogativi sul fatto che potrebbe esserci un legame tra le scelte di vita del padre prima del concepimento e la salute del bambino.

Ma sono necessarie molte più ricerche per esplorare i potenziali meccanismi in gioco insieme ad altri fattori che contribuiscono.

Il dottor Boback Berookhim , direttore della fertilità maschile e della microchirurgia al Lenox Hill Hospital, vorrebbe vedere più dati su quanto alcol consumavano i padri prima del concepimento.

“Sarebbe molto importante sapere quanto è troppo, una domanda a cui non si risponde qui”, ha detto Berookhim.

Dato il basso tasso complessivo di difetti alla nascita, anche nei padri che consumavano alcol, sono necessari più dati per determinare se l’astinenza dall’alcol prima del concepimento è vantaggiosa, secondo Berookhim.

“Dico ai potenziali padri di moderare l’assunzione di alcol, ma non suggerisco l’astinenza completa”, ha detto Berookhim.

La linea di fondo

Nuove prove hanno trovato un legame tra il consumo di alcol paterno prima del concepimento e le possibilità di difetti alla nascita fetale.

I padri che bevono alcol regolarmente prima del concepimento sono associati a maggiori possibilità di difetti alla nascita come malattie cardiache congenite, anomalie degli arti, fessure e anomalie del tratto digestivo.

Non è chiaro perché l’alcol possa causare difetti alla nascita, ma le prime prove suggeriscono che l’alcol cambia la forma, le dimensioni e la motilità degli spermatozoi e potrebbe anche alterare il DNA.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il legame tra bere paterno e difetti alla nascita.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Sì, l’ipnosi può davvero curare la sindrome dell’intestino irritabile

I polifenoli possono aiutare la salute dell’intestino, aumentare la longevità