in

IBS-D: diagnosi e opzioni di trattamento

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) non è la stessa per tutti. Mentre alcuni soffrono di stitichezza, altri si occupano di diarrea.

Continua a leggere per conoscere la sindrome dell’intestino irritabile con diarrea (IBS-D), compresi i suoi sintomi, diagnosi e metodi di trattamento.

Sintomi

L’IBS-D condivide molti sintomi con gli altri tipi di IBS (IBS-C e IBS-M). Questi sintomi condivisi includono gas, dolore addominale e gonfiore. I sintomi primari unici di IBS-D sono diarrea, feci molli e improvvisi impulsi di avere movimenti intestinali. Circa 1 persona su 3 con IBS-D ha perdita del controllo intestinale o sporcizia. Questo ha un forte impatto negativo sulla vita quotidiana.

Diagnosi

Anche se pensi di avere l’IBS-D, è importante non diagnosticare te stesso. Consultare uno specialista come un gastroenterologo. Probabilmente eseguiranno un esame fisico e otterranno una cronologia dettagliata della tua salute. Chiederanno anche informazioni su qualsiasi storia familiare di malattie come il cancro del colon , la celiachia o il morbo di Crohn .

I medici possono ordinare esami di laboratorio del sangue e delle feci. Potrebbe anche essere necessaria una colonscopia , una sigmoidoscopia flessibile e una radiografia. Questi test aiutano a escludere altre malattie. Per una diagnosi ufficiale di IBS-D, devi avere la diarrea come sintomo principale più del 25% delle volte. Devi anche avere costipazione meno del 25% delle volte.

Trigger

Tutti i tipi di IBS, incluso IBS-D, hanno trigger simili. Lo stress è un fattore scatenante comune, sebbene i sintomi non siano di natura psicologica. Alcuni alimenti , come latte, grano e vino rosso, hanno maggiori probabilità di causare reazioni. Anche il fumo e il consumo di caffeina possono scatenare i sintomi dell’IBS.

Trattamenti per lo stile di vita

La gestione di qualsiasi tipo di IBS richiede abitudini di vita sane. Ciò include ridurre lo stress, fare esercizio fisico regolare, bere abbastanza acqua e dormire a sufficienza.

Per quelli con IBS-D, i cambiamenti nella dieta possono essere particolarmente utili. Ecco alcuni consigli dietetici:

  • Elimina gli alimenti che producono gas. Alcuni alimenti sono ricchi di composti che producono gas. Questi alimenti includono fagioli, bevande gassate, frutta cruda e verdure come cavoli e broccoli. Evitare questi alimenti può aiutare a ridurre il gas doloroso e il gonfiore.
  • Elimina il glutine. Il glutine è una proteina presente nel frumento, nella segale e nell’orzo. UNstudioFonte attendibilenella rivista Gastroenterology ha scoperto che una dieta priva di glutine era efficace nel ridurre i sintomi dell’IBS. Il glutine ha causato sintomi di “permeabilità intestinale” o permeabilità dell’intestino tenue. Il glutine ha anche aumentato i marker di infiammazione.
  • Prova una dieta a basso contenuto di FODMAP. I FODMAP sono un tipo di carboidrati presenti in alcuni alimenti. L’acronimo FODMAP sta per Fermentable Oligo-Di-Monosaccharides and Polyols. Le fonti FODMAP includono:
    • Fruttosio (frutta, miele, sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio)
    • Lattosio (latte e derivati)
    • fruttani (grano, cipolla, aglio e inulina)
    • Galattani (legumi come fagioli, soia e lenticchie)
    • Polioli (frutti con nocciolo come avocado, ciliegie e pesche; alcoli di zucchero come sorbitolo e xilitolo)

Ridurre l’assunzione di FODMAP può alleviare i sintomi comuni dell’IBS. Questi sintomi includono dolore addominale e crampi, gas e gonfiore. Tuttavia, molti degli alimenti contenenti FODMAP sono buone fonti di fibre. Dovrai fare attenzione a ottenere abbastanza fibre da altri alimenti.

Ottieni approfondimenti settimanali sui modi per gestire le condizioni digestive e migliorare la salute dell’intestino.

farmaci

Se lo stile di vita o i cambiamenti nella dieta non alleviano i sintomi dell’IBS, potresti voler aggiungere farmaci alla tua linea di trattamento. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Farmaci antidiarroici. I farmaci che controllano la diarrea includono un farmaco da banco chiamato loperamide (Imodium). Anche i farmaci da prescrizione in una classe chiamata leganti degli acidi biliari possono aiutare. Questi includono colestipolo (Colestid), colestiramina (Prevalite) e colesevelam (Welchol). Tuttavia, questi farmaci possono aumentare il gonfiore già presente nell’IBS.
  • Farmaci anticolinergici e antispasmodici. Questi farmaci riducono gli spasmi intestinali e il dolore associato. Gli esempi includono diciclomina (Bentyl) e iosicamina (Levsin). Tuttavia, questi possono portare a costipazione e difficoltà a urinare.
  • Stabilizzanti dei mastociti e acido 5-aminosalicilico (5-ASA). Circa il 25% dei casi di IBS-D si verifica dopo un attacco di gastroenterite . Questi farmaci sono agenti antinfiammatori che possono essere utili nel trattamento di questo sottogruppo di casi di IBS-D.
  • Alosetron (Lotronex). Questo è l’unico farmaco attualmente approvato per IBS-D. È approvato solo per le donne. Gli effetti collaterali di questo farmaco possono essere gravi, quindi è disponibile solo su prescrizione di medici iscritti a un programma speciale. Dovrebbe essere usato solo come ultima risorsa dopo che altri trattamenti non hanno avuto successo.

Porta via

Sebbene l’IBS-D possa essere una condizione debilitante e imbarazzante, ci sono modi per gestirla. Parla con il tuo medico o gastroenterologo dei tuoi sintomi per assicurarti di ottenere il trattamento di cui hai bisogno.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Valutare il trattamento del lupus

IBS vs. celiachia: confronto dei sintomi