in

Come questo tè alle 3 spezie ha curato il mio intestino gonfio?

Come le spezie complesse che insaporiscono il cibo indiano possono anche aiutare la tua digestione.

Metà e metà. Due per cento. Poco grasso. scremare. Senza grassi.

Fissai i cartoni del latte, affondati in una ciotola di ghiaccio, mentre tenevo una tazza di caffè in una mano e un piatto da colazione nell’altra. Era il mio quarto giorno negli Stati Uniti, ed era la stessa colazione in questa terra dell’abbondanza.

Ciambelle, muffin, torte, pane. Cibo invitante composto quasi interamente da due soli ingredienti: farina di frumento lavorata e zucchero.

Mi sentivo gonfia e stitica tutto il giorno e avevo già passato troppi minuti a cercare di capire quale latte dovesse andare nel mio caffè – e ho finito per scegliere a caso un latte acquoso, da cui anche il mio gatto poteva allontanarsi.

Quella stessa mattina avevo anche scoperto una puzza tremenda quando mi sono tirata giù le mutandine, davanti al water senza rubinetto dell’acqua.

Ogni volta che ho visitato gli Stati Uniti, ha devastato il mio sistema digestivo

Di solito, quando un occidentale visita l’India, ha paura di ammalarsi per il cibo, nonostante il fatto che uno abbia maggiori probabilità di ammalarsi mangiando dal buffet di un grande hotel rispetto alle strade, dove è in gioco la reputazione del venditore ambulante se il loro cibo non è fresco.

Conoscendo queste storie, non ero preparato per il mio sistema digestivo a subire un destino simile e terribile. Questo ciclo di sofferenza – di stitichezza e puzza dalle mie mutandine – arrivava con ogni viaggio negli Stati Uniti e se ne andava dopo il mio ritorno in India.

Due giorni a casa e il mio intestino sarebbe tornato al suo stato normale. Mi farebbe divorare ogni pasto appena cucinato, colorato con la curcuma e aromatizzato e fortificato con varie spezie.

Le persone in Occidente spesso confondono il piccante con il piccante di peperoncini o peperoni. Ma l’ampia varietà di cibo indiano delle sue diverse regioni può essere piccante senza essere piccante e anche piccante senza essere piccante. E poi ci sono cibi che non sono né piccanti né piccanti, eppure sono una bomba di sapore.

Negli Stati Uniti, quasi tutto ciò che ho mangiato mancava di una complessità di sapori intrecciati tra loro. Quello che non sapevo ancora era che la mancanza di aromi significava anche che mi mancavano le spezie che tradizionalmente aiutavano e acceleravano il complesso processo digestivo.

Era il 2012 e per la prima volta mi trovavo negli Stati Uniti per frequentare una scuola estiva e conoscere i movimenti nonviolenti. Ma non ero preparato all’immobilità delle mie viscere e alla rivolta del mio apparato digerente.

Quando la puzza delle mie mutandine ha portato a una vera e propria festa del prurito, sono finalmente andata alla clinica medica del campus. Dopo un’ora di attesa, e un’altra mezz’ora in una vestaglia leggera, seduto su una sedia rivestita di carta, il medico ha confermato l’ infezione del lievito .

Ho immaginato che tutta la farina lavorata, il lievito e lo zucchero si unissero insieme e si trasformassero nelle mie perdite vaginali bianche. Non ho aspettato a declamare come ho trovato così strano che gli americani si puliscano il didietro (e il davanti) solo con la carta, non con l’acqua.

“In realtà, lo stai facendo bene”, aveva detto. “Come fa la carta a spazzare via tutti i germi che il corpo ha scartato?” Tuttavia, usare solo acqua e poi lasciare che l’acqua goccioli sulle mutandine, creando un ambiente umido, non aiutava neanche.

Quindi abbiamo concordato che il modo migliore per pulire fosse lavare prima con acqua e poi asciugare con carta.

Ma la stitichezza è rimasta.

Nel 2016 mi sono ritrovato negli Stati Uniti, a Rochester, New York, come Fulbright fellow. La stitichezza è tornata, proprio come previsto.

Questa volta avevo bisogno di aiuto, senza preoccuparmi dell’assicurazione sanitaria e del comfort, al di là di quel pasto indiano occasionale per il mio intestino.

Per aiutarti a prenderti cura del tuo cuore, ti invieremo una guida sulla gestione della pressione alta, del colesterolo, dell’alimentazione e altro ancora.

Volevo spezie che il mio corpo riconoscesse

Istintivamente sapevo che la combinazione di diverse spezie chiamate garam masala o anche paanch phoron era tutto ciò che il mio corpo stava cercando. Ma come potrei ingerirli?

Ho trovato la ricetta di un tè che incorporava alcune di queste spezie su Internet. Per fortuna, erano facilmente disponibili in qualsiasi mercato statunitense e non ci sono voluti più di 15 minuti per realizzarli.

Ho fatto bollire un litro d’acqua e ho aggiunto un cucchiaino ciascuno di semi di cumino , semi di coriandolo e semi di finocchio. Dopo aver abbassato la fiamma, metto il coperchio e lascio fermentare per 10 minuti.

Il liquido dorato è stato il mio tè durante la giornata. Nel giro di tre ore e due bicchieri, stavo andando in bagno, liberandomi di tutto ciò che il mio sistema arrabbiato non era in grado di digerire.

È una ricetta dimenticata, anche dagli indiani, e la consiglio volentieri a chi ha la minima irritabilità intestinale. È una ricetta di fiducia, dato che tutti e tre gli ingredienti fanno regolarmente la loro comparsa nei nostri cibi.

La mancanza di diversità alimentare durante il mio soggiorno mi ha spinto a voltarmi verso casa e a curarmi. E ha funzionato.

Ora so di cercare queste erbe – quelle che il mio corpo aveva sempre conosciuto – ogni volta che visito di nuovo gli Stati Uniti.

Priyanka Borpujari è una scrittrice che si occupa di diritti umani e tutto il resto. Il suo lavoro è apparso su Al Jazeera, The Guardian, The Boston Globe e altro ancora. Leggi il suo lavoro qui .

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Le migliori app per la salute dell’intestino del 2020

Pulizia del fegato: separare i fatti dalla finzione