in

Restringimento del lume nell’intestino

Il lume è l’apertura all’interno di una struttura corporea tubolare che è rivestita da tessuto corporeo noto come membrana epiteliale. Esempi di strutture corporee che hanno un lume includono l’intestino crasso, l’intestino tenue, le vene e le arterie.

Il nome deriva dal latino lūmen, un significato del quale è “luce”. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che il lume è un’apertura all’interno di un tubo e la luce passerà attraverso un tubo.

La dimensione del lume nell’intestino potrebbe essere misurata per determinare se le pareti intestinali si stanno ispessendo. Quando le pareti dell’intestino si ispessiscono e fanno sì che il lume si restringa, può portare a problemi come stenosi (parti ristrette dell’intestino).

Lume intestinale

Nell’intestino, il lume è l’apertura all’interno delle viscere. È circondato dalle altre parti della parete intestinale: la mucosa, la sottomucosa, la muscolosa e la sierosa.

Affinché il cibo passi attraverso l’intestino, il lume deve essere chiaro, aperto e privo di problemi strutturali che possono causare un’ostruzione. Nelle persone con malattia infiammatoria intestinale (IBD), il lume potrebbe essere influenzato.

IBD passa attraverso periodi di malattia attiva e remissione. In tempi di malattia attiva, c’è un’infiammazione che colpisce lo strato superficiale (strato mucoso) dell’intestino, che può causare ulcere. Man mano che la malattia viene gestita e le ulcere sulla parete intestinale interna guariscono in alcuni punti, può formarsi tessuto cicatriziale.

Il ciclo ripetuto di infiammazione e guarigione può costruire il tessuto cicatriziale fino al punto in cui si traduce in un ispessimento della parete dell’intestino.

Quando il lumen inizia a restringersi

Il tessuto cicatriziale non è flessibile come il tessuto normale e quindi si comporta in modo diverso. Quando c’è tessuto cicatriziale nell’intestino, il lume è interessato e può restringersi o ostruirsi (bloccato).

La parte ristretta del lume è chiamata stenosi. Il materiale di scarto non può passare facilmente attraverso il lume, il che può portare a dolore, ostruzioni intestinali o altre complicazioni.

Le stenosi tendono ad essere più comunemente associate alla malattia di Crohn che alla colite ulcerosa, tuttavia possono verificarsi in entrambe le forme di IBD.

La ragione di ciò è che la malattia di Crohn può verificarsi ovunque nel tratto digestivo dalla bocca all’ano e può interessare diversi strati della parete intestinale. La colite ulcerosa di solito colpisce solo l’intestino crasso e il retto, e l’infiammazione che provoca è generalmente limitata allo strato superficiale della mucosa.

Nella malattia di Crohn, le stenosi tendono ad essere nell’intestino tenue, e nella colite ulcerosa, le stenosi tendono ad essere nel retto.

Le stenosi possono essere molto fastidiose per le persone con IBD perché impediscono al cibo di muoversi attraverso l’intestino. Con stenosi molto strette, il cibo inizia a tornare nell’intestino. Questo potrebbe portare a un’ostruzione intestinale e potrebbero esserci sintomi di dolore, vomito, diarrea o stitichezza.

In alcuni casi, le ostruzioni possono essere trattate in ospedale con un tubo nasogastrico (NG) e altri metodi, ma alcune stenosi sono abbastanza avanzate da richiedere un intervento chirurgico.3

 Senza chirurgia, le ostruzioni possono continuare a verificarsi.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come prevenire l’infezione da C. Diff da recidiva

Destin, Florida Gastroenterologi: miti sulla colonscopia