in

Una panoramica del grafico delle feci di Bristol

Una scala diagnostica che classifica le feci

Il Bristol Stool Chart (chiamato anche Bristol Stool Scale o Bristol Stool Form Scale) è uno strumento diagnostico per valutare campioni di feci umane in base alla forma e alla consistenza delle feci. Ai campioni viene quindi assegnato un numero 1–7 che corrisponde alle descrizioni sulla scala.

La bilancia è stata creata nel 1997 da un team di medici della British Royal Infirmary di Bristol, in Inghilterra. Da allora è diventato un utile strumento diagnostico per i medici che lavorano con pazienti che hanno disturbi gastrointestinali, inclusa la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) . 1

Classificazioni

Il Bristol Stool Chart classifica i campioni di feci in base alla forma e alla consistenza e assegna a un campione un numero compreso tra 1 e 7 a seconda delle sue caratteristiche. Il medico potrebbe chiederti di guardare la tabella e identificare quale numero assomiglia di più ai tuoi movimenti intestinali: 2

  • Tipo 1 : grumi duri separati (difficili da superare)
  • Tipo 2 : grumoso, a forma di salsiccia
  • Tipo 3 : a forma di salsiccia con crepe sulla superficie
  • Tipo 4 : a forma di salsiccia o serpente; liscia e morbida
  • Tipo 5 : macchie morbide con bordi netti (facili da passare)
  • Tipo 6 : pezzi soffici con bordi frastagliati; pastoso
  • Tipo 7 : completamente liquido, acquoso, senza pezzi solidi

Gli sgabelli che sono ben formati e facili da passare (Tipi 3 e 4) sono considerati “ideali”. Le feci dure e difficili da superare (tipi 1 e 2) indicano stitichezza .

I pazienti spesso riferiscono sensazioni di movimenti intestinali incompleti, gonfiore e dolore addominale. La stitichezza può portare a tensioni e allo sviluppo di emorroidi . 2

Le feci che contengono liquido in eccesso o sono completamente liquide indicano diarrea (Tipi 5, 6 e 7). I pazienti spesso riferiscono sentimenti di urgenza o problemi di continenza con le loro feci a questo punto della scala. La diarrea prolungata può portare a disidratazione e malnutrizione.

Verranno valutate anche altre caratteristiche delle feci come volume, frequenza, colore e presenza di muco o sangue. I risultati di una coltura delle feci e valutazioni come i Criteri di Roma possono essere utilizzati insieme al Bristol Stool Chart per fornire indizi su una possibile diagnosi o causa di sintomi gastrointestinali. 3

Usi da parte dei medici

Il medico può utilizzare la tabella delle feci di Bristol se si hanno sintomi correlati all’intestino o se si nota un cambiamento nell’aspetto delle feci o nelle abitudini intestinali, tra cui:

  • Diarrea
  • Stipsi
  • Diarrea alternata a costipazione
  • Crampi addominali
  • Gonfiore e gas
  • Nausea o pienezza
  • Feci galleggianti “grasse” ( steatorrea )
  • Altri sintomi suggestivi di malassorbimento

Il medico potrebbe chiederti di fornire un campione di feci per l’ispezione visiva e altri test. Ti potrebbe anche essere chiesto di osservare le tue feci e confrontarle con il Bristol Stool Chart, oppure il tuo medico potrebbe semplicemente chiederti delle tue abitudini intestinali quando vieni visto in ufficio.

Oltre a utilizzare il grafico delle feci di Bristol, il medico potrebbe anche chiederti con quale frequenza in genere hai un movimento intestinale e se lo hai avuto più o meno spesso del solito. Potrebbero anche chiederti quante feci hai, l’odore e il colore e se è facilmente rimovibile dalla tazza del water quando sciacqui.

Le abitudini intestinali di una persona sono influenzate da molti fattori e possono cambiare di giorno in giorno. Alcuni motivi comuni per cui potresti riscontrare un cambiamento nelle abitudini intestinali includono:

  • Dieta
  • Fatica
  • Viaggio
  • Disidratazione
  • Farmaci
  • Cambiamenti legati all’età
  • Livelli di attività ed esercizio
  • Malattia (come gastroenterite o “intossicazione alimentare”)
  • Cambiamenti correlati agli ormoni come durante le mestruazioni o la gravidanza
  • Condizioni più gravi come la malattia infiammatoria intestinale o il cancro del colon

Usi dei ricercatori

Al di fuori dell’ambulatorio medico, il Bristol Stool Chart viene utilizzato anche dai ricercatori come metodo per misurare il tempo di transito del colon e indagare sui disturbi intestinali funzionali . 4

I ricercatori clinici hanno anche utilizzato il grafico per valutare l’effetto di alcuni farmaci sulla funzione intestinale dei pazienti e per valutare la capacità di determinati farmaci di trattare i disturbi intestinali. 5

Una versione modificata della tabella è stata introdotta nel 2011 per l’uso nei pazienti pediatrici. 6  La versione modificata del grafico include disegni che i bambini possono utilizzare per auto-valutare le loro feci quando vengono valutati per costipazione, sporcizia e altri disturbi intestinali. 7

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Perché abbiamo la diarrea?

5 rimedi casalinghi per curare la diarrea più velocemente