in

Dolori di stomaco? Evita questi 3 errori se sospetti l’IBS

Il miglior consiglio da un esperto di GI

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) può essere difficile da gestire. Nessuno sa esattamente cosa causa il disagio e il dolore addominale.

I trigger IBS non sono sempre coerenti e possono persino variare per la stessa persona. Ad esempio, potresti mangiare un’insalata un giorno e sentirti bene, ma il giorno dopo le verdure possono causare un attacco. Per un’altra persona, il latte è un colpevole occasionale, afferma la gastroenterologa Christine Lee, MD .

Stress, ansia, viaggi, nuovi farmaci ed emozioni negative possono anche peggiorare i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile. Ecco perché è così importante trovare modi per rilassarsi, sia con lo yoga, le tecniche di rilassamento o la meditazione, o anche apportando cambiamenti più drastici alla vita o al lavoro, se necessario.

Allora come fai a sapere di avere l’IBS?

I medici diagnosticano l’ IBS quando qualcuno ha tre o più attacchi di disturbi e dolori addominali inspiegabili (come gonfiore, crampi e diarrea) per almeno tre mesi consecutivi con chiari periodi di assenza di sintomi tra gli attacchi. Il medico può ordinare un esame del sangue, campioni di feci e una colonscopia per escludere altre possibili diagnosi.

Se pensi di avere l’IBS o stai lottando per gestire la tua condizione, i gastroenterologi possono aiutarti a evitare errori comuni e trovare modi efficaci per gestire la tua malattia.

Errori comuni che fanno le persone con IBS

1. Non cercare consiglio medico

Hai mal di stomaco cronico, ma potresti pensare che non c’è motivo di vedere un medico.

Diranno cose come “questo è solo il mio stomaco” o “tutti nella mia famiglia hanno problemi di stomaco”. Tuttavia, ci sono molte strategie per affrontare l’IBS, dai farmaci, alle diete, alla terapia comportamentale.

2. Ricerca di prove e procedure non necessarie

Alcune persone pensano che una diagnosi di IBS spieghi solo parzialmente i loro dolori allo stomaco e addominali. Temono che stia succedendo qualcosa di più serio.

Tuttavia, a meno che i sintomi non cambino drasticamente o una persona inizi a perdere peso, diventi malnutrita o abbia altri sintomi preoccupanti, di solito non sono necessari ulteriori test.

I pazienti spesso dicono: “So che qualcosa è infiammato nel mio tratto gastrointestinale” e richiedono procedure ripetute. Tuttavia, nell’IBS, non c’è infiammazione identificabile, a differenza della malattia infiammatoria intestinale.

Piuttosto che cercare varie procedure, è meglio concentrarsi su ciò che causa i sintomi.

Poiché i sintomi dell’IBS a volte sono dappertutto – dalla stitichezza e diarrea al gas e ai crampi – lavora a stretto contatto con il tuo medico per trovare un piano di trattamento che li affronti.

“Scopri cosa sta causando i sintomi di gas / gonfiore addominale, quindi tratta la radice del problema invece di trattare solo il sintomo, come trattare il gas assumendo Gas-X”, dice.

3. Provare le diete di eliminazione senza guida

Le diete di eliminazione, fatte in consultazione con un medico, a volte possono aiutare ad alleviare il dolore cronico associato al collo e alla parte bassa della schiena, alla fibromialgia e ad altre condizioni croniche. Gli alimenti tipicamente eliminati includono glutine, latticini, zucchero e alimenti confezionati e trasformati.

Fai attenzione alle diete “alla moda” o alle diete di eliminazione estreme o autoimposte, che non hanno dimostrato di aiutare le persone con IBS a lungo termine.

“In effetti, alcune di queste diete sono così restrittive che è molto difficile aderire a lungo termine e possono effettivamente causare insensibilità lungo la strada, così come carenze vitaminiche e nutrizionali”, afferma il dott. Lee.

Se hai l’IBS, la dieta migliore da provare è una dieta a basso contenuto di FODMAP. I FODMAP – oligosaccaridi fermentabili, disaccaridi, monosaccaridi e polioli saccaridi – sono carboidrati che potrebbero non essere digeriti o assorbiti bene nell’intestino.

Seguire una dieta a basso contenuto di FODMAP significa limitare le porzioni di latte (e altri alimenti che contengono lattosio), frutta, broccoli (e altre verdure crocifere) e legumi o fagioli.

“Alcune persone miglioreranno con determinate diete e un ottimo esempio è una dieta a basso contenuto di FODMAP”, afferma.

Se quella dieta non funziona, prova altre diete sane e trova ciò che funziona per te.

Mentre i ricercatori continuano a cercare una cura per l’IBS, questi suggerimenti possono aiutarti a gestire la tua condizione in questo momento. Se continui a lottare, parla con il tuo medico.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Perché dovresti vedere il tuo medico più spesso se hai la malattia di Crohn

Come scegliere le migliori barrette salutari