in

Perché ti vengono le vertigini quando ti alzi velocemente o ti alleni

Comprendere gli incantesimi di vertigini, cosa li causa e come esercitarsi se li si ottiene

È comune sentirsi storditi quando ci si alza troppo velocemente da sdraiati o seduti e dopo l’esercizio. Incantesimi di svenimento o vertigini  possono verificarsi da un semplice spostamento nel posizionamento del corpo che spinge il flusso sanguigno verso il basso.

“Si chiama ipotensione ortostatica o ipotensione posturale ed è essenzialmente una forma di bassa pressione sanguigna”, afferma il fisiologo degli esercizi  Michael Crawford . 

Cosa succede quando ho le vertigini?

Nella sua forma acuta (o di breve durata), le vertigini si verificano quando si è sdraiati o seduti per lunghi periodi di tempo e poi in piedi rapidamente, o quando si è disidratati, come quando si è malati o quando si fa esercizio. Possono esserci altri fattori scatenanti sottostanti per le vertigini, ma durante l’esercizio un rapido cambiamento nella posizione dell’esercizio, difficoltà o interruzione improvvisa può causare una bassa pressione sanguigna che causa vertigini.

Con alcune forme di esercizio potresti spostare le aree in cui scorre il sangue. Stare semplicemente in piedi da una posizione sdraiata o seduta (più spesso durante l’esercizio) fa scorrere il sangue e si raccoglie nelle gambe e nell’addome. Ciò significa che meno sangue circola e torna al tuo cuore, causando la diminuzione della pressione sanguigna. 

Le cellule chiamate barocettori vicino al cuore e al collo rilevano questa bassa pressione sanguigna e inviano segnali al cervello. Una volta che il tuo cervello sente la notizia, dice al tuo cuore di pompare più velocemente per pompare più sangue al fine di riportare la pressione sanguigna alla normalità. Fino a quando la pressione sanguigna non torna alla normalità, potresti sentirti stordito.

La disidratazione durante l’esercizio può anche causare vertigini

È noto che la disidratazione riduce il volume del sangue e può anche farti sentire stordito mentre il tuo cervello invia messaggi al tuo cuore per stabilizzare la pressione sanguigna. Gli esercizi che producono quantità maggiori di sudore hanno maggiori probabilità di provocare disidratazione. 

Quando le vertigini sono il risultato di inattività

Le vertigini possono anche essere un segno della  sindrome da tachicardia ortostatica posturale (POTS) . Questa condizione colpisce più frequentemente le giovani donne che possono avere difficoltà a rimanere attive. Le persone con  POTS  che fanno esercizio fisico possono avere le vertigini o addirittura svenire.

Ma ci sono modi per aiutare a compensare queste sfide. Crawford sottolinea che è importante trovare modi per esercitare perché aumenta il volume del sangue, le dimensioni e la forza del cuore e la sua azione di pompaggio.

“La maggior parte delle persone con cui lavoro vede una sorta di miglioramento con l’esercizio fisico – possono ancora avere sintomi ma si verificano meno frequentemente”, dice.

L’importante è seguire tutte le strategie di trattamento se si dispone di POTS. Ciò include l’assunzione dei farmaci, l’aumento dei liquidi, l’uso di calze a compressione e l’aumento graduale dell’attività fisica nel tempo.

I migliori e peggiori esercizi da fare per POTS

Ricerche più recenti suggeriscono che gli esercizi aerobici che non sono gravitazionalmente impegnativi sono i migliori per le persone con POTS. 

L’obiettivo finale è progredire nel tempo fino a esercizi completamente in posizione verticale in modo da poter gestire i sintomi. Rimanere in una posizione semi-sdraiata non lo fa.

“È possibile utilizzare la bicicletta semi-sdraiata, i vogatori e uno stepper per le scale seduto per ridurre il rischio di  sincope  ( svenimento )”, dice Crawford. In caso di sollevamento pesi, lavorare la parte inferiore del corpo in posizione seduta con una pressa per le gambe o esercizi addominali seduti. Rafforzare la parte inferiore del corpo riduce il ristagno di sangue nelle gambe.

Per le prime tre o quattro settimane prova un lavoro semi-sdraiato a un livello di intensità moderato. Puoi aumentare gradualmente quell’intensità e poi passare a qualcosa di più verticale come un ciclo stazionario per altre 3 o 4 settimane. 

“Se funziona bene, trasferisco le persone su un tapis roulant o su una macchina ellittica. Dovrai assicurarti di non lavorare troppo intensamente. Una volta che ti senti meglio, puoi iniziare ad allenarti normalmente “, dice. Ti suggerisce di stare lontano dai pesi liberi perché un incantesimo di vertigini può aumentare le possibilità che tu possa perdere peso. Inoltre, evitare lavori o esercizi ad alta intensità con un rapido cambiamento di posizione.

Quanto spesso allenarsi con POTS 

Ecco come le persone con POTS possono costruire il loro programma di allenamento:

  • Inizia a lavorare tre giorni alla settimana, riposando tra i giorni.
  • Aggiungere un quarto giorno dopo circa tre settimane.
  • Dopo qualche altra settimana puoi aggiungere un quinto giorno.

“Vai per 20 minuti al giorno e aggiungi cinque minuti ogni due o tre settimane. Alla fine puoi allenarti da 40 a 45 minuti quasi tutti i giorni in linea con ciò che è raccomandato per tutti “, dice il signor Crawford. E ricorda questi suggerimenti:

  • Idratare, idratare, idratare  – Devi preidratarti 30 minuti prima di andare in palestra con circa 8 once di liquido. Bevi acqua a meno che il tuo medico non ti incoraggi a prendere una bevanda sportiva. Per ogni 15 minuti di esercizio bere 4 once di liquido.
  • Non lesinare sul riscaldamento e sul defaticamento  : le persone con POTS devono riscaldarsi e raffreddarsi molto lentamente per cinque minuti ciascuna. “Per il riscaldamento assicurati di aumentare progressivamente il tuo esercizio nei primi cinque minuti fino ad arrivare alla fase di condizionamento. Per rinfrescarti, riduci costantemente l’esercizio per più di cinque minuti prima di fermarti “, dice Crawford.
  • Guarda la tua frequenza cardiaca target  : assicurati di mantenere la frequenza cardiaca target dove ti senti a tuo agio. I pazienti POTS non rientrano nei tipici livelli di frequenza cardiaca durante l’esercizio, quindi i test determinano ciò che possono tollerare. Conosci i tuoi parametri e rimani entro quei livelli.

“Se hai bisogno di aiuto per entrare in esercizio, inizia con una valutazione da un cardiologo o neurologo per assicurarti che non ci siano  problemi sottostanti che  causano la condizione”, dice Crawford. “Una volta risolto, dovresti vedere un  fisiologo  che conosce i POTS.”

Altre condizioni mediche che causano vertigini

Non bere abbastanza liquidi, febbre, vomito o diarrea grave può anche causare disidratazione e vertigini.

E alcune condizioni mediche possono impedire al tuo corpo di rispondere abbastanza rapidamente da pompare più sangue quando ci si alza in piedi, come:

  • Frequenza cardiaca estremamente bassa (bradicardia).
  • Problemi alle valvole cardiache.
  • Attacco di cuore o insufficienza cardiaca. 

Ci sono anche diversi disturbi del sistema nervoso che possono interrompere il normale sistema di regolazione della pressione sanguigna del tuo corpo come:

  • Morbo di Parkinson.
  • Atrofia multisistemica.
  • Puro fallimento autonomo.

Problemi endocrini che possono causare vertigini:

  • Basso livello di zucchero nel sangue (ipoglicemia).
  • Diabete (che può danneggiare i nervi che regolano la pressione sanguigna).
  • Condizioni della tiroide.
  • Insufficienza surrenalica (morbo di Addison).

“In generale, l’ipotensione ortostatica può variare da pochi secondi a diversi minuti, ma se si verifica frequentemente può essere una bandiera per condizioni mediche più gravi”, sottolinea Crawford. “Rivolgiti al medico se ti senti stordito quando ti alzi regolarmente.” 

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

In che modo la tua dieta può influire sul colore della tua cacca

La dentizione può far arrabbiare il mio bambino tutta la notte?