in

I sintomi, le cause e i trattamenti dell’IBS che tutti dovrebbero conoscere

La stitichezza, la diarrea o il dolore alla pancia sono un tocco di intossicazione alimentare o qualcosa di più serio? Ecco come capire se i tuoi sintomi gastrointestinali potrebbero essere la sindrome dell’intestino irritabile e cosa fare per trattare questa comune condizione cronica.

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è una delle condizioni gastrointestinali più comuni che puoi ottenere. È definito come dolore addominale o disagio con, ehm, abitudini intestinali “alterate” per un periodo di tempo. In altre parole, se la tua vita spesso ruota attorno alla ricerca del bagno più vicino o non puoi fare le cose che ti piacciono a causa del dolore alla pancia, potresti avere l’IBS.

Se hai mal di pancia o diarrea dopo aver mangiato sushi di un giorno, probabilmente non lo fai. Le persone con IBS potrebbero avere diarrea, costipazione o entrambi in corso, insieme a crampi allo stomaco, dolore, gonfiore e affaticamento.

Cos’è la sindrome dell’intestino irritabile?

Se hai l’IBS, hai sintomi gastrointestinali in corso che non possono essere facilmente spiegati da altre condizioni e non hai segni di danni al tratto gastrointestinale che possono verificarsi con condizioni come il morbo di Crohn e la colite ulcerosa (che sono malattie infiammatorie intestinali autoimmuni) . In altre parole, per fare una diagnosi di IBS, il medico probabilmente escluderà tutte le altre spiegazioni.

Tra il 10% e il 15% degli adulti negli Stati Uniti hanno l’IBS. I sintomi dell’IBS sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini e si verificano meno spesso oltre i 50 anni. Raramente è una condizione pericolosa per la vita.

Tuttavia, è importante ottenere una diagnosi e un trattamento. Il tuo sistema gastrointestinale, o intestino, contiene un universo di funghi, virus e materiale genetico che rivela molto sulla tua salute generale , incluso il tuo stato emotivo, secondo l’American Gastroenterological Association. Tutto ciò che lo influenza, incluso l’IBS, richiede attenzione, perché una cattiva salute intestinale può mettere fuori gioco l’intero sistema e ridurre la qualità della vita.

Sintomi di IBS

La sindrome dell’intestino irritabile è un disturbo basato sui sintomi, quindi i tuoi obiettivi di trattamento saranno molto probabilmente volti a risolvere disturbi fisici come dolore, gonfiore, crampi e diarrea o costipazione. Non esistono due casi di IBS esattamente uguali, quindi i medici dipendono da ampie categorie che portano a diagnosi e trattamenti . Esistono tre tipi di IBS: sindrome dell’intestino irritabile con costipazione (IBS-C), sindrome dell’intestino irritabile con diarrea (IBD-D) e sindrome dell’intestino irritabile con abitudini a ciotola mista (IBS-M).

Ecco alcuni sintomi e fattori di rischio IBS comuni da tenere d’occhio:

  • Diarrea
  • Stipsi
  • Crampi allo stomaco
  • Dolore addominale
  • Gonfiore
  • Fatica

Cause di IBS

L’IBS non ha una causa, ma molti fattori contribuiscono o peggiorano questa condizione. Le cause precise dell’IBS sono spesso difficili da identificare. Lo stress e l’ansia possono contribuire, così come la mancanza di sonno. Le donne hanno il doppio delle probabilità di avere l’IBS, in parte perché i cambiamenti ormonali possono contribuire ai sintomi.

I ricercatori stanno ora imparando che gli stati emotivi negativi svolgono un ruolo importante nel funzionamento intestinale e vedono la riduzione dello stress come un passo importante per alleviare i sintomi e ridurre le riacutizzazioni.

Detto questo, ecco alcuni fattori che possono esacerbare o causare disturbi gastrointestinali, in particolare la diarrea.

  • Intolleranza al lattosio o altre sensibilità alimentari
  • Assunzione di caffeina
  • Assunzione di alcol
  • Infezioni gastrointestinali (giardia, HIV)
  • Malattia infiammatoria intestinale
  • Diarrea indotta da farmaci (antibiotici, inibitori della pompa protonica, farmaci antinfiammatori non steroidei, ACE inibitori, chemioterapia)
  • Celiachia o altre intolleranze alimentari
  • Cancro colorettale o altre neoplasie
  • Ipertiroidismo

Ecco altri fattori che sono collegati, possono esacerbare o innescare disturbi gastrointestinali, in particolare costipazione.

  • Insufficiente apporto di fibre
  • Farmaci (oppiacei, bloccanti dei canali del calcio, antidepressivi, clonidina)
  • morbo di Parkinson
  • Sclerosi multipla
  • Stress emotivo
  • Lesione alla colonna vertebrale
  • Diabete
  • Ipotiroidismo
  • Occlusione intestinale
  • Endometriosi
  • Diverticolite

Prevenzione IBS

Non c’è modo di prevenire l’IBS, ma ci sono cose che puoi fare per sentirti meglio e prolungare il tempo tra i razzi e renderli meno intensi quando arrivano.

Questi includono non fumare , identificare ed evitare gli alimenti che peggiorano i sintomi , fare esercizio ed evitare la caffeina .

Trattamenti IBS

Sebbene non esista un test specifico per diagnosticare l’IBS, è importante che il tuo fornitore si assicuri che tu non abbia effettivamente una malattia infiammatoria intestinale (IBD) prima di fare qualsiasi altra cosa. Sebbene suonino simili e condividano molti sintomi, l’ IBD è una condizione più grave e richiede un trattamento diverso.

Per identificare le cause e il potenziale trattamento per la tua IBS , molto probabilmente il tuo medico eseguirà test di laboratorio (incluso uno per l’intolleranza al glutine), ordinerà studi sulle feci per verificare l’infezione o per assicurarsi che il tuo corpo assorba correttamente i nutrienti, otterrà test di imaging come X -rays o una colonscopia e altro ancora. Se la tua IBS è causata da una condizione cronica sottostante come il morbo di Parkinson, il tuo medico tratterà la condizione così come i tuoi sintomi IBS.

I trattamenti per IBS possono includere:

  • Alimenti ricchi di fibre, integratori di fibre e lassativi
  • Farmaci come la loperamide anti-diarroica (Imodium); probiotici su prescrizione; aldosterone, un ormone steroideo specificamente utilizzato per trattare l’IBS nelle donne; o rifaximina, un antibiotico
  • Aumento dell’attività fisica, che può aumentare la digestione
  • Un cambiamento nel farmaco, se gli effetti collaterali stanno causando i sintomi
  • Antidepressivi, inclusi antidepressivi triciclici a basso dosaggio o inibitori della ricaptazione della serotonina, specialmente in pazienti con sintomi addominali costanti e cronici
  • Altri farmaci da prescrizione includono alosetron (Lotronex), eluxadolina (Viberzi), linaclotide (Linzess) e lubiprostone (Amitiza), che possono essere appropriati solo per alcuni sottogruppi di pazienti (come quelli che hanno IBS-C o IBS-D) o coloro che non hanno risposto ad altri trattamenti.

Un’altra categoria merita una discussione: Trattamenti naturali e cura di sé per IBS . Alimenti come prodotti a base di grano, cipolle, frutta, verdura, sorbitolo e alcuni latticini possono includere carboidrati scarsamente assorbiti e altamente fermentescibili noti come FODMAP. Parla con il tuo fornitore dei vantaggi di una dieta a basso contenuto di FODMAP. Eliminare cibi come alcuni cereali, verdure, frutta e latticini che contengono carboidrati a cui potresti essere sensibile può essere difficile, ma potrebbe migliorare la tua digestione.

Se i tuoi sintomi includono gonfiore o gas, potrebbe essere utile eliminare semplicemente gli alimenti che provocano gas, come bevande gassate, alcol, caffeina, frutta cruda e verdure come cavoli e broccoli. Una dieta priva di glutine può aiutare alcuni sintomi dell’IBS, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, soprattutto sui suoi effetti a lungo termine sui batteri intestinali. I probiotici possono anche migliorare i sintomi alterando i batteri intestinali, quindi parla con un nutrizionista di quale ceppo (noto anche come tipo) potrebbe essere adatto a te . Anche l’olio di menta piperita, nel tè o in capsule, può essere utile.

Sai già che lo stress, insieme all’ansia e alla depressione, può far agire o rallentare il tuo tratto gastrointestinale. Appianare le cose con tecniche anti-stress come lo yoga (soprattutto se si è inclini alla diarrea), l’ ipnoterapia , la terapia cognitivo-comportamentale o la consapevolezza. Tutti possono ridurre i sintomi dell’IBS o farli sentire più gestibili.

La scienza della sindrome dell’intestino irritabile

Il tuo impianto idraulico è complesso e richiede un’attenta gestione. Ricerche recenti suggeriscono che l’intestino umano, noto anche come microbioma , è una sorta di anello dell’umore biologico, che riflette lo stile di vita, lo stress, la dieta e la salute generale di ogni persona nel corso della sua vita. Non c’è da stupirsi che gli sforzi per domare l’IBS e altri segni di sofferenza gastrointestinale non funzionino per tutti.

Due progressi attuali, anche se controversi, sono l’idea che l’IBS e altri problemi gastrointestinali siano causati da perdite nell’intestino e che i trapianti fecali potrebbero aiutare . L’espressione “intestino permeabile” sta ricevendo molta attenzione in questi giorni, ma non sorprenderti se il tuo medico ti dà un occhio laterale quando lo sollevi. In alcuni casi, le persone con determinate condizioni possono sviluppare una “permeabilità intestinale”, una parola per permeabilità intestinale o lacune nel rivestimento dell’intestino che consentono a batteri, tossine e cibo non digerito di entrare nel flusso sanguigno.

La teoria è che la sindrome dell’intestino permeabile può innescare infiammazioni, problemi digestivi, condizioni della pelle e affaticamento anche in altre persone. La permeabilità intestinale è stata collegata a condizioni autoimmuni come il morbo di Crohn e la celiachia, ma la giuria è ancora fuori dal punto di vista se gioca un ruolo in altre condizioni o in persone sane.

In termini di trattamento, c’è molto ronzio sui trapianti fecali per IBS, che comporta il trasferimento di feci da qualcuno con un sistema gastrointestinale sano tramite colonscopia. In questo momento, questo trattamento non è raccomandato per la maggior parte delle persone con IBS, ma rimanete sintonizzati: potrebbe essere un’opzione in futuro.

Se hai la sensazione viscerale che qualcosa non vada bene con il tuo istinto, non ignorarlo. Parla con un’assistenza sanitaria che abbia esperienza con IBS e altri problemi di salute dell’apparato digerente. Non c’è motivo di soffrire e molti nuovi trattamenti sono disponibili per aiutarti a sentirti meglio al di sotto della cintura.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Feci grasse: ciò che i medici hanno bisogno che tu sappia sulla steatorrea

Perché la mia cacca è verde? 9 motivi più comuni