in

Feci grasse: ciò che i medici hanno bisogno che tu sappia sulla steatorrea

Nessuno vuole davvero parlarne, ma la cacca oleosa – chiamata steatorrea – può essere un semplice caso di ciò che hai mangiato, o qualcosa di molto più serio.

Ieri sera, ti sei concessa una cena meravigliosamente ricca di confit d’anatra seguita da torta di noci pecan condita con panna montata fresca. Oggi, il tuo viaggio dopo il caffè in bagno si è rivelato insolitamente spiacevole. (Questi sono gli errori del gabinetto che non sapevi di fare .) Non per essere indelicato, ma come diavolo ti è venuta fuori quella cosa? Non solo ci sono volute tre vampate intere per scendere, ma ha anche lasciato … come è stato possibile … una macchia di unto nella ciotola? Questo è in realtà noto come steatorrea, o il termine più comunemente usato “feci oleose”. (Ecco le 9 strane abitudini di cacca, spiegate dalla scienza .)

Feci oleose, alias steatorrea

La steatorrea si riferisce a feci voluminose, maleodoranti e oleose che tendono ad essere di colore pallido e galleggiano nel water, resistendo allo sciacquone. (Questi sono i 9 motivi più comuni per cui la tua cacca è nera .) Se succede solo una volta, o dopo un pasto particolarmente grasso , soprattutto se accompagnato da una quantità moderata (o più) di alcol, allora hai il tuo motivo: Consumare molto di cibi grassi può sopraffare il tuo tratto gastrointestinale (GI) e il tuo corpo non riesce a digerirlo tutto, secondo il chirurgo del colon e del retto di Baltimora, Jeffery Nelson, MD, direttore chirurgico presso il Centro per le malattie infiammatorie intestinali e del colon-retto al Mercy Hospital. Di conseguenza, una parte di quel grasso ha attraversato il tuo intestino ed è uscita dall’uscita senza essere digerita. (Ecco isegni che i tuoi batteri intestinali non sono sani .)

Ma cosa succede se questa non è la prima volta? “Qualsiasi aumento del contenuto di grassi delle feci produrrà feci pallide, voluminose, maleodoranti e untuose”, secondo il medico di famiglia Kavita Shanker-Patel, MD. Ma quando si tratta di un problema cronico che non è legato al consumo di elevate quantità di grassi e alcol, significa che hai a che fare con il malassorbimento dei grassi Questo descrive l’incapacità dell’intestino tenue di trarre correttamente una parte dei nutrienti dal cibo che consumi, siano essi grassi, carboidrati, proteine, vitamine o minerali. Il malassorbimento dei grassi è una delle forme più diffuse osservate dai medici. (Hai anche uno sgabello verde? Ecco  perché la tua cacca è verde .)

La domanda è: qual è la causa del malassorbimento dei grassi? Ecco le possibilità, secondo i nostri esperti medici:

Stai prendendo una pillola dimagrante

I farmaci per la perdita di peso noti come “inibitori della lipasi” possono causare steatorrea, afferma il dott. Shanker-Patel Esempi di questi farmaci includono Xenical e Alli (il nome generico di questi farmaci è orlistat). Il modo in cui agiscono blocca l’assorbimento del grasso dagli alimenti. Ciò li rende un potente aiuto nella perdita di peso ( insieme a questi altri quattro farmaci dimagranti ). Ma in genere porta anche a feci grasse, molli e talvolta diarrea. (Ecco 12 altri motivi per cui potresti avere la diarrea .)

Se non stai assumendo una pillola dimagrante per interrompere intenzionalmente l’assorbimento dei grassi, la steatorrea cronica è più probabilmente causata da uno dei seguenti problemi:

Hai un malfunzionamento del pancreas

Come spiega il dottor Shanker-Patel, il pancreas rende gli enzimi digestivi necessari per l’assorbimento di nutrienti come grassi, proteine ​​e carboidrati. “Se il tuo pancreas non funziona correttamente, non sarai in grado di assorbire il grasso dall’intestino nel flusso sanguigno. Invece, scorre solo fino alle tue feci. ” Quando ciò accade, è noto clinicamente come insufficienza pancreatica esocrina (EPI). L’EPI è più frequentemente causato da una delle seguenti condizioni:

Pancreatite cronica

La pancreatite cronica si riferisce a un’infiammazione continua ea lungo termine del pancreas che causa malfunzionamenti in questo organo vitale. Le cause più comuni di pancreatite cronica, secondo il dottor Nelson, sono:

  • calcoli biliari (ne parleremo più avanti)
  • tumori pancreatici (sia benigni che pancreatici )
  • consumo cronico eccessivo di alcol (come con la cirrosi , discussa di seguito, questo può causare cicatrici debilitanti del pancreas)

I sintomi più comunemente associati alla pancreatite cronica, indipendentemente dalla causa, possono includere perdita di peso , diarrea e crampi. Di conseguenza, la maggior parte delle persone che hanno una pancreatite cronica sono già ben consapevoli della loro condizione grazie ai loro sintomi, così come una storia di attacchi che hanno probabilmente richiesto il ricovero in ospedale, osserva il dottor Shanker-Patel. In altre parole, le feci oleose, da sole, non sono probabilmente un segno di pancreatite cronica , in assenza di altri sintomi. (Vuoi proteggere il tuo intestino? Ecco i migliori cibi per pulire il tuo colon .)

Fibrosi cistica

La fibrosi cistica (CF), una malattia multisistemica che coinvolge secrezioni corporee interne dense e viscose, è un’altra causa di EPI, spiega il dott.Shanker-Patel Tuttavia, la FC si presenta tipicamente all’inizio della vita, anche alla nascita, con una difficoltà nel passare il primo movimento intestinale (noto come “meconio”). I bambini con FC hanno spesso problemi respiratori, hanno un sudore che ha un sapore insolitamente salato e possono non riuscire a prosperare, oltre a passare feci oleose voluminose e particolarmente maleodoranti.

Il tuo fegato è disfunzionale

Il fegato produce la bile, che aiuta l’assorbimento dei nutrienti, compreso l’assorbimento dei grassi. La mancata produzione di bile o una quantità sufficiente di bile può essere causata da:

  • Danno epatico: dosi elevate o l’uso regolare e prolungato di paracetamolo possono causare danni al fegato, soprattutto se combinato con alcol.
  • Cirrosi: la cirrosi, che fa sì che il tessuto cicatriziale sostituisca il tessuto normale nel fegato, è più spesso causata dall’uso cronico ed eccessivo di alcol.
  • Steatosi epatica : la steatosi epatica (FLD) —infiammazione del fegato— può essere il risultato dell’abuso di alcol, ma più spesso è causata dall’obesità. (Qui ci sono 9 fattori di rischio per la steatosi epatica non alcolica .)
  • Infezioni del fegato: includono le varie forme di epatite, inclusa l’epatite autoimmune .
  • Cancro al fegato: tumori rari, ma gravi, maligni possono causare cancro al fegato. Ciò può anche essere dovuto ad alcune delle altre condizioni del fegato precedentemente menzionate.
  • Malattia genetica del fegato: la sindrome di Alagille è una malattia genetica, presente dall’età di due anni, che colpisce il fegato, il cuore e altre parti.

I sintomi di uno qualsiasi di questi problemi al fegato possono includere, secondo i nostri esperti medici:

  • nausea e vomito
  • gonfiore della pancia
  • urina scura
  • gonfiore alle caviglie o alle gambe
  • prurito persistente
  • dolore all’addome e alla schiena
  • perdita di peso
  • ittero (un ingiallimento della pelle e / o delle parti bianche degli occhi, che è il risultato di livelli elevati di bilirubina nel corpo, che è compatibile con una disfunzione biliare).

Hai problemi alla cistifellea

La cistifellea immagazzina la bile prodotta dal fegato ei dotti biliari che escono dalla cistifellea sono responsabili del rilascio della bile nel tratto gastrointestinale per supportare la digestione. La disfunzione della cistifellea può essere causata da:

  • Calcoli biliari (detti anche calcoli biliari): un calcoli biliari è una piccola miscela simile a un ciottolo di bile, colesterolo e calcio. Queste pietre possono bloccare i dotti biliari o interferire con la funzione della cistifellea. Nausea, vomito e dolore addominale superiore sul lato destro sono tra i sintomi più comuni, secondo il medico di famiglia, Christine Traxler, MD, un medico di famiglia presso Invigor Medical, a Le Sueur, Minnesota.
  • Infezione della cistifellea o infiammazione della cistifellea (colangite): secondo il dott.Shanker-Patel, questa è un’infezione batterica nel sistema biliare legata a calcoli biliari o ostruzione nel dotto biliare. Calcoli biliari e dolore che si estende dalla spalla destra e dal lato destro della parte superiore della schiena sono solo alcuni dei sintomi.
  • Cancro alla cistifellea: questo tipo di cancro non è comune, ma ha la capacità di alterare il colore delle feci. Nota: tieni presente che il cancro della cistifellea non inizia sempre con i calcoli biliari.

Hai problemi con il tuo intestino tenue

Problemi con l’intestino tenue possono interferire con l’assorbimento dei nutrienti. La più comune e più facilmente curabile è la celiachia . Questa è una condizione autoimmune in cui l’intestino tenue reagisce all’introduzione del glutine come se fosse un attacco. La risultante infiammazione dell’intestino tenue interferisce con l’assorbimento dei nutrienti, compreso l’assorbimento dei grassi. Se si verificano feci oleose e altri sintomi di malassorbimento, è meglio consultare il proprio medico, soprattutto se si è inclini a presumere di soffrire di celiachia , che viene spesso scambiata per una di queste altre condizioni digestive .

Altre malattie dell’intestino tenue che possono portare al malassorbimento includono la rara malattia digestiva tropicale sprue, che altera la funzione dell’intestino tenue di assorbire i nutrienti e la giardiasi, una malattia diarroica causata dal parassita Giardia . Secondo alcuni esperti, tra cui il gastroenterologo di San Antonio, Lawrence Hoberman, uno squilibrio nei batteri dell’intestino tenue può anche interferire con l’assorbimento, sebbene la comunità medica non sia ancora arrivata a un consenso su come definire con precisione tale squilibrio. (Tuttavia, la salute dell’intestino è fondamentale e qui ci sono 21 segreti di salute che il tuo intestino potrebbe cercare di dirti .)

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Perché la mia cacca è abbronzata? Ecco cosa causa sgabello pallido o color argilla

I sintomi, le cause e i trattamenti dell’IBS che tutti dovrebbero conoscere