in

Succhietti per lo stomaco

Se sei il tipo di persona che tiene Rolaids in tasca e Pepto-Bismol nel cassetto della scrivania, considera l’aggiunta

Se sei il tipo di persona che tiene Rolaids in tasca e Pepto-Bismol nel cassetto della scrivania, considera l’aggiunta di tisane alla tua scorta. Dal momento che ciò che mangiamo e beviamo (soprattutto latticini, zucchero, alcol e caffè) spesso provoca gas, gonfiore, indigestione, bruciore di stomaco, costipazione e diarrea, come meglio trattare questi comuni problemi gastrointestinali, dicono gli erboristi, se non ingerendo erbe che compensare naturalmente i colpevoli?

Ma con la varietà sempre crescente di tisane e rimedi casalinghi che intasano gli scaffali dei negozi di alimenti naturali, è difficile sapere quali ti aiuteranno davvero. Ci sono numerose erbe che possono influenzare il sistema gastrointestinale, secondo Walter Kacera, Ph.D., un erborista presso la Apothecary Clinic in the Garden a London, Ontario. Fortunatamente, non è necessario acquistare l’intero negozio per ottenere sollievo. Menta piperita, camomilla e zenzero sono le tre erbe più comunemente usate per lenire i sintomi addominali. “Sono versatili e un buon punto di partenza”, afferma Jill Stansbury, ND (dottore in naturopatia), presidente del dipartimento di medicina botanica presso il National College of Naturopathic Medicine di Portland, Oregon.

La menta piperita può fare molto di più dopo cena che rinfrescare l’alito. L’olio essenziale dell’erba contiene mentolo, una sostanza volatile che ha un effetto antispasmodico diretto sulla muscolatura liscia del tubo digerente. Inoltre, il gradevole profumo del tè alla menta può aiutare a lenire i nervi (e quindi uno stomaco nervoso). La capacità di calmare i crampi allo stomaco e ai muscoli intestinali lo rende un trattamento eccellente, dicono gli erboristi, per i sintomi di indigestione tra cui bruciore di stomaco, gas, mal di stomaco e la sensazione di “ho mangiato troppo”. Rende anche la menta piperita un trattamento alternativo popolare per la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), un disturbo intestinale che causa dolore addominale, gonfiore e movimenti intestinali irregolari in circa 5 milioni di americani, la maggior parte dei quali donne.

La scienza sta iniziando a sostenere alcune delle affermazioni della menta. Uno studio pubblicato sul Journal of Gastroenterology nel 1997 ha rilevato che i pazienti affetti da IBS che assumevano capsule di olio di menta piperita per alleviare i sintomi hanno sperimentato una riduzione di circa il 40% maggiore del dolore addominale e una riduzione del 50% maggiore di gonfiore e flatulenza rispetto ai pazienti che ricevevano un placebo.

Un’erba carminativa (che allevia il gas ), la menta piperita sotto forma di tè è stata a lungo usata come rimedio casalingo per la flatulenza. Uno studio tedesco del 1996 convalida questo uso, trovando che i pazienti con indigestione cronica non causata da un’ulcera che sono stati trattati con una preparazione a base di erbe di olio di menta piperita combinato con olio di cumino (un’erba amara che si ritiene anche per alleviare i disturbi gastrointestinali) hanno sperimentato circa la metà dei disturbi addominali dolore dovuto al gas, così come le persone che hanno ricevuto un placebo.

Anche in assenza di sintomi addominali, alcuni erboristi consigliano il consumo regolare di tè alla menta piperita, dicendo che consente all’intero sistema gastrointestinale di funzionare in modo più fluido. Ma, nonostante i rapporti entusiasti, molti medici affermano che la menta piperita può abbassare la pressione dello sfintere dell’esofago, causando in realtà ad alcune persone più bruciore di stomaco. Anche il dottor Stansbury evita di trattare il bruciore di stomaco con la menta piperita. Se, tuttavia, le persone provano sollievo dall’indigestione con menta piperita o qualsiasi altra terapia a base di erbe, il colonnello Peter McNally, DO (dottore in osteopatia), un gastroenterologo all’Evans Army Hospital di Colorado Springs, Colorado, non vede alcun danno nel continuare a farlo. usa l’erba. “Per lo meno, il consumo extra di acqua (attraverso i tè) può essere molto utile per aiutare la digestione”, dice.

La camomilla , considerata una delle erbe medicinali più sicure, è spesso raccomandata come trattamento delicato per i comuni problemi gastrointestinali. In Germania, dove l’erboristeria è stata a lungo considerata convenzionale, la tradizione ritiene che la camomilla sia così utile da essere stata soprannominata alles zutraut , o “capace di tutto”. In effetti, per i disturbi gastrointestinali, è una specie di supererba. Antispasmodica, antinfiammatoria e carminativa, la camomilla può agire sull’apparato digerente in diversi modi curativi. Allevia flatulenza e bruciore di stomaco sedando leggermente e lenendo la mucosa del tubo digerente. Le sue proprietà sedative naturali possono anche rilassare l’intero corpo, il che può aiutare se il tuo disagio digestivo è causato da stress o preoccupazione.

Un avvertimento: mentre alcune ricerche hanno scoperto che la camomilla è efficace nell’alleviare la diarrea nei bambini piccoli, il dottor Stansbury mette in guardia contro la diarrea che si auto-cura con rimedi erboristici (per bambini o adulti) fino a quando non ti sei consultato con un medico. “Il corpo potrebbe cercare di liberarsi di una tossina o di una sostanza nociva e tu non vuoi interrompere questo processo”, consiglia.

Sebbene ampiamente utilizzata e molto apprezzata come rimedio naturale sicuro, la camomilla può causare reazioni allergiche in soggetti con sensibilità all’ambrosia, agli astri e ai crisantemi.

Lo zenzero , come la menta piperita e la camomilla, è un carminativo e può essere usato per trattare il gas, insieme al gonfiore e al dolore associati. Nella medicina botanica è considerata un’erba riscaldante, quella che fa sì che l’interno del corpo generi più calore. Gli erboristi dicono che questo può aiutare a regolare la digestione lenta, anche se il dottor Stansbury sottolinea che alcuni trovano questo calore extra a disagio e potrebbero invece preferire le tisane alla menta o alla camomilla.

Ma ciò che rende lo zenzero uno straordinario tra le erbe è la sua efficacia nel trattamento della nausea e del vomito. (Ricordi la mamma che ti dava il ginger ale quando avevi mal di stomaco?) Gli erboristi ora sanno che lo zenzero agisce sia contro la nausea che contro il vomito, rendendolo un eccellente prevenzione contro il movimento e la nausea mattutina. E a differenza delle sue controparti farmaceutiche, lo zenzero non causa sonnolenza. Forse è per questo che è uno dei preferiti in molti kit di pronto soccorso per marinai.

Tè per alleviare il mal di stomaco

“I tè sono il modo migliore per assumere rimedi gastrointestinali a base di erbe”, afferma Jill Stansbury, ND (dottore in naturopatia), presidente del dipartimento di medicina botanica presso il National College of Naturopathic Medicine di Portland, Oregon. Il liquido caldo è facile da digerire e consentire il contatto diretto del rimedio con lo stomaco e le pareti intestinali. Le erbe in forma di pillola possono essere difficili da digerire e la maggior parte delle tinture contiene alcol, che le fa assorbire principalmente in bocca. L’unica eccezione: i malati di sindrome dell’intestino irritabile possono usare la menta piperita o la camomilla e possono anche assumere la menta piperita in forma di capsule. La capsula permette alla menta di mantenere la sua potenza fino a raggiungere l’intestino, dove calma gli spasmi caratteristici dell’IBS. Cerca capsule a rivestimento enterico contenenti 0,2 millilitri di olio; prendere una o due, fino a tre volte al giorno lontano dai pasti.

Come scegliere il tè

Quando si seleziona un tè, Walter Kacera, Ph.D., erborista presso la Farmacia Clinica in giardino, consiglia di cercare erbe aromatiche: Riesci a sentire l’odore della menta piperita o dello zenzero attraverso la bustina di tè? In caso contrario, probabilmente l’erba ha superato il suo apice. Cerca un tè che abbia la data in cui le erbe sono state raccolte sulla scatola; le erbe aromatiche dovrebbero avere meno di un anno.

La prossima volta che il tuo sistema digestivo si infiamma, prova uno di questi tè:

Menta piperita

Per un aiuto a base di erbe fresche alla menta, la Herb Research Foundation di Boulder, in Colorado, raccomanda il seguente rapporto tra menta piperita e acqua: ripida uno o due cucchiaini di foglie di menta piperita essiccate, o un cucchiaio di foglie fresche, in una tazza di acqua calda da cinque a 10 minuti; dolcificare se necessario con il miele; e bere al mattino e dopo cena.

Camomilla

Sostituisci i fiori di camomilla essiccati o freschi per le foglie di menta piperita nella preparazione del tè sopra.

Ginger

Steep ¼ a ½ cucchiaino di polvere di radice di zenzero essiccata in una tazza di acqua calda. Dolcificare con miele e bere la sera come aiuto digestivo, oppure preparare secondo necessità per prevenire la cinetosi.

Lo zenzero fresco è delizioso ed efficace quanto quello essiccato. Il dottor Stansbury suggerisce di cuocere a fuoco lento tre ¼ pollici. fettine sbucciate di radice in una tazza d’acqua per 10 minuti o alla forza desiderata. Aroma con limone e miele.

Se hai bisogno di un aiuto immediato per il tuo prossimo viaggio al parco divertimenti, anche lo zenzero essiccato o candito farà il trucco.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Un modo più sicuro per curare il bruciore di stomaco

Come gestire la sindrome dell’intestino irritabile (IBS)