in

Come prevenire l’intossicazione alimentare

L’intossicazione alimentare è un problema comune, ma è anche uno che spesso può essere prevenuto.

Molti casi sono lievi e si migliora senza trattamento. Ma alcuni casi possono essere così gravi che devi andare in ospedale per il trattamento. Per evitare di contrarre una malattia di origine alimentare, ci sono alcune linee guida generali da seguire.

Alimenti da tenere d’occhio

I cibi crudi degli animali sono le fonti più probabili di contaminazione. Fai attenzione quando maneggi e prepari:

Carne e pollame: evitare di mangiare carne cruda o avariata.

Fai attenzione a non lasciare che succhi o gocciolamenti di carne cruda e pollame – o per quella materia di crostacei e uova – tocchino altri cibi che intendi servire o mangiare.

Crostacei e pesce crudo : scegli e cuoci con cura pesce e crostacei per garantirne qualità e freschezza.

Uova e latticini: assicurati che la tua famiglia sia al sicuro quando gusta uova e latticini. Alcuni suggerimenti:

  • Non bere latte non pastorizzato. Gli alimenti pastorizzati vengono riscaldati prima di essere venduti per uccidere i batteri.
  • Evita i formaggi molli come la feta, il brie, il camembert, il formaggio erborinato e quello messicano o altri formaggi non pastorizzati. I formaggi a pasta dura, i formaggi lavorati, la crema di formaggio e la ricotta sono sicuri.
  • Controlla le date di scadenza sulle uova prima dell’acquisto e di nuovo prima della preparazione.

Verdure: possono anche essere fonte di intossicazione alimentare , in particolare germogli di tutti i tipi (erba medica, mung, trifoglio e ravanello). Questo perché la germinazione richiede temperature più calde, ideali per la crescita batterica. Evita i germogli crudi se sei incinta o hai un sistema immunitario indebolito .

Un paio di altri suggerimenti relativi al cibo:

  • Non mettere a lungo a temperatura ambiente uova, carne, pollame, frutti di mare o latte. Metti in frigorifero gli avanzi subito dopo aver mangiato.
  • Bevi solo succo o sidro pastorizzato.

Pulizia e cucina

La prima regola per cucinare in sicurezza è lavarsi spesso le mani . Ma ci sono molte altre cose da pulire.

Lavare taglieri e coltelli con sapone antibatterico e acqua calda o calda dopo aver maneggiato carne cruda, pollame, frutti di mare o uova. I taglieri in legno non sono consigliati, perché possono essere più difficili da pulire.

Non scongelare gli alimenti a temperatura ambiente. Scongelare gli alimenti in frigorifero e utilizzarli prontamente. Non ricongelare gli alimenti se sono stati completamente scongelati.

Usa un termometro pulito che possa dirti la temperatura interna dei cibi cotti. In questo modo, puoi essere certo che carne, pollame e altri alimenti siano completamente cotti.

Ecco alcune specifiche su questo:

  • Cuocere arrosti e bistecche ad almeno 145 F.
  • L’intero pollame dovrebbe essere cotto a 165 F per la cottura.
  • Cuocere la carne macinata (hamburger) ad almeno 160 F.
  • Il pollo o il tacchino macinati devono essere cotti a 165 F.

Cuocere gli alimenti fino a quando non sono fumanti, soprattutto gli avanzi o gli alimenti pronti, come gli hot dog.

Alcuni altri suggerimenti:

  • Tenere il frigorifero a 40 ° F o inferiore.
  • Impostare il congelatore a 0 F.
  • Lavare bene la frutta e la verdura crude prima di mangiare, soprattutto quelle che non saranno cotte.

Se ti piace inscatolare cibi a casa, assicurati di conoscere le linee guida di sicurezza. È possibile ottenere istruzioni dai servizi di estensione della contea o dal Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti.

Mangiare fuori

Sebbene la possibilità di contrarre malattie di origine alimentare dal banco gastronomia sia bassa, le donne incinte e le persone con un sistema immunitario indebolito potrebbero voler evitare questi alimenti.

Se in un ristorante ti viene servita una carne poco cotta o un prodotto a base di uova, rimandalo indietro per ulteriori cotture. Dovresti anche chiedere un nuovo piatto.

Alcuni altri suggerimenti:

  • Controlla i punteggi delle ispezioni dei luoghi in cui mangi. Puoi controllare online prima di partire o dopo il tuo arrivo.
  • Guardati intorno: il ristorante è pulito? Se non lo è, pensa di andare altrove.
  • Se porti a casa gli avanzi, conservali in frigorifero entro 2 ore. Se è superiore a 90 F, fai quell’ora 1.

In viaggio

Chi non ama le vacanze? Ma devi stare attento quando viaggi, soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

Ecco alcuni suggerimenti per evitare l’intossicazione alimentare, non importa dove ti trovi nel mondo:

Scegli cibi caldi: il calore uccide i germi. Dovresti stare bene con il cibo servito bollente.

Mangia cibi confezionati o secchi: molti degli insetti che causano intossicazione alimentare preferiscono l’umidità. Cibi secchi come pane o patatine o alimenti sigillati in fabbrica come il tonno sono generalmente una scommessa sicura.

Scegli bevande in bottiglia, in lattina o calde: le bevande gassate sono una buona scelta, perché le bolle ti diranno che sono state sigillate correttamente. Dovresti essere bravo con il caffè o il tè se arriva fumante.

Evita quanto segue:

  • Cibo crudo
  • Selvaggina locale
  • Acqua di rubinetto e ghiaccio nei paesi in via di sviluppo

Altri suggerimenti generali

Allatta il tuo bambino se possibile. Il latte materno è l’alimento più sicuro per i bambini piccoli. L’allattamento al seno può prevenire molte malattie di origine alimentare e altri problemi di salute.

Lavarsi le mani con il sapone dopo aver maneggiato rettili, tartarughe, uccelli o dopo il contatto con feci umane o di animali domestici.

Se sei malato di diarrea o vomito , non preparare cibo per gli altri, in particolare per i neonati, gli anziani e quelli con un sistema immunitario indebolito, perché è più probabile che si ammalino a causa di un’infezione.

Lavarsi sempre le mani prima di:

  • Preparando il cibo
  • Mangiare

Lavarsi sempre le mani dopo:

  • Usando il bagno
  • Cambio dei pannolini
  • Tosse o starnuti

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

IBS e depressione: qual è il collegamento?

Dieta a basso contenuto di FODMAP