in

Bambino malato? Quando cercare assistenza medica

È ora di chiamare il medico del tuo bambino o cercare cure di emergenza? Segui queste linee guida per il trattamento di un bambino malato.

Quando hai un bambino, infezioni e febbri occasionali sono inevitabili. Ma anche i genitori che hanno esperienza con bambini malati possono avere difficoltà a distinguere la normale pignoleria e malattie lievi da problemi seri. Ecco quando contattare il medico e quando cercare cure di emergenza per un bambino malato.

Quando contattare il medico del tuo bambino

Una malattia occasionale di solito non è nulla di cui preoccuparsi in un bambino altrimenti sano, ma a volte è meglio contattare il medico. Cerca questi segni e sintomi:

  • Cambiamenti nell’appetito. Se il tuo bambino rifiuta diverse poppate di fila o mangia male, contatta il medico.
  • Cambiamenti nel comportamento. Se il tuo bambino ha difficoltà a svegliarsi o è insolitamente assonnato, informi immediatamente il medico. Fai sapere al medico se il tuo bambino è estremamente floscia, piange più del solito o è molto difficile da consolare.
  • Tenero ombelico o pene. Contatta il medico se l’area ombelicale o il pene del tuo bambino diventa improvvisamente rosso o inizia a trasudare o sanguinare.
  • Febbre. Se il tuo bambino ha meno di 3 mesi, contatta il medico per qualsiasi febbre.Se il tuo bambino ha dai 3 ai 6 mesi e ha una temperatura fino a 102 F (38,9 C) e sembra malato o ha una temperatura superiore a 102 F (38,9 C), contatta il medico.Se il tuo bambino ha dai 6 ai 24 mesi e ha una temperatura superiore a 102 F (38,9 C) che dura più di un giorno ma non mostra altri segni o sintomi, contatta il medico. Se il tuo bambino ha anche altri segni o sintomi, come raffreddore, tosse o diarrea, potresti contattare il medico prima in base alla loro gravità.Se il tuo bambino ha la febbre che dura per più di 3 giorni, contatta il medico.
  • Diarrea. Contatta il medico se le feci del tuo bambino sono particolarmente molli o acquose.
  • Vomito. Sputi occasionali, il facile fluire del contenuto dello stomaco di un bambino attraverso la sua bocca, è normale. Il vomito si verifica quando il flusso è forte, sparando pollici anziché gocciolare dalla bocca. Contatta il medico se il tuo bambino vomita violentemente dopo le poppate o se non è stato in grado di trattenere i liquidi per otto ore.
  • Disidratazione. Contatta il medico se il tuo bambino piange con meno lacrime, ha un numero significativamente inferiore di pannolini bagnati o ha la bocca secca. Contatta anche il medico se il punto debole del tuo bambino appare infossato.
  • Stipsi. Se il tuo bambino ha meno movimenti intestinali del solito per alcuni giorni e sembra avere difficoltà o disagio, contatta il medico.
  • Raffreddori. Rivolgiti al medico se il tuo bambino ha un raffreddore che interferisce con la respirazione, ha muco nasale che dura più di 10-14 giorni, ha dolore all’orecchio o ha una tosse che dura più di una settimana.
  • Eruzione cutanea. Contatta il medico se un’eruzione cutanea appare infetta o se il tuo bambino sviluppa improvvisamente un’eruzione cutanea inspiegabile, specialmente se è accompagnata da febbre.
  • Secrezione oculare. Se uno o entrambi gli occhi sono rossi o perdono muco, contattare il medico.

Se pensi di dover contattare il medico, vai avanti. Dopo l’orario di lavoro, potresti essere in grado di utilizzare una linea di infermiere 24 ore su 24 offerta dallo studio del medico o dalla tua compagnia di assicurazione sanitaria.

Quando cercare cure di emergenza

Cercare cure di emergenza per:

  • Emorragia che non può essere fermata
  • Avvelenamento
  • Convulsioni
  • Aumento della difficoltà respiratoria
  • Qualsiasi cambiamento di coscienza, confusione, forte mal di testa o vomito più volte dopo un trauma cranico
  • Incoscienza, comportamento strano o divenire più chiuso e meno vigile
  • Tagli grandi o profondi o ustioni o inalazione di fumo
  • Pelle o labbra che sembrano blu, viola o grigie
  • Dolore persistente in aumento o grave
  • Ferite gravi alla bocca o al viso
  • Quasi annegamento

Preparati in anticipo per le emergenze chiedendo al medico del tuo bambino durante un controllo cosa fare e dove andare se il tuo bambino ha bisogno di cure di emergenza. Impara il primo soccorso di base, inclusa la RCP, e tieni a portata di mano i numeri di telefono e gli indirizzi di emergenza.

Sii pronto a rispondere alle domande

Preparati ad aiutare il personale medico a capire cosa sta succedendo al tuo bambino. Aspettatevi domande su:

  • I sintomi del tuo bambino. Cosa ti ha spinto a cercare assistenza medica per il tuo bambino? Quali sono le tue preoccupazioni specifiche?
  • La storia medica del tuo bambino. Il tuo bambino ha qualche allergia nota? Le vaccinazioni del tuo bambino sono attuali? Il tuo bambino ha malattie croniche? Preparati a condividere i dettagli sulla tua gravidanza e sulla nascita del bambino.
  • Cambiamenti nell’alimentazione e nei movimenti intestinali del tuo bambino. Hai notato cambiamenti nel modo in cui il tuo bambino mangia o beve, nel numero di pannolini bagnati o nel numero, volume o consistenza dei movimenti intestinali?
  • Cambiamenti nella temperatura del tuo bambino. Qual è la temperatura del tuo bambino? Come l’hai presa ea che ora?
  • Rimedi casalinghi e farmaci. Hai provato qualche rimedio casalingo o dato al tuo bambino farmaci da banco o da prescrizione? In caso affermativo, cosa, quanto e quando? Se sospetti che tuo figlio abbia ingerito veleno o farmaci, porta con te la bottiglia.
  • Possibili esposizioni. C’è qualcuno malato tra i tuoi contatti familiari o, se pertinente, al centro per l’infanzia del tuo bambino? Hai viaggiato con il tuo bambino di recente?

Prima di contattare il medico del tuo bambino, assicurati di essere pronto a prendere nota delle istruzioni. Tieni a portata di mano anche le informazioni di contatto della tua farmacia.

Essere preparati farà risparmiare tempo a te e al medico del tuo bambino durante una telefonata, una visita in ufficio o una situazione di emergenza.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

La sindrome dell’intestino permeabile non è una diagnosi ufficiale, ma i sintomi sono reali

Come sapere se il tuo dolore addominale è fisico o mentale