in

La sindrome dell’intestino permeabile non è una diagnosi ufficiale, ma i sintomi sono reali

La sindrome dell’intestino permeabile non sembra il genere di cose che chiunque vorrebbe avere, eppure ne abbiamo sentito parlare molto ultimamente. Se guardi nelle vaste pianure di Internet, troverai tutti i tipi di blog e siti di salute alternativi che mettono in guardia sulla sindrome dell’intestino permeabile, che è spesso descritta come una condizione in cui il rivestimento dell’intestino è diventato più permeabile o poroso. Alcuni luoghi suggeriscono addirittura che potrebbe essere associato a qualsiasi cosa, dalle allergie alimentari e dalle carenze nutrizionali alle condizioni autoimmuni, alla fatica e ai dolori articolari.

Più di recente potresti averne sentito parlare su Twitter, dove la star di Real Housewives Bethenny Frankel ha condiviso che le è stata “diagnosticata oggi la ‘sindrome dell’intestino permeabile'”.

Ma di cosa stiamo effettivamente parlando qui? Ecco cosa sappiamo (e non sappiamo).

Ecco il problema con la “sindrome dell’intestino permeabile” come diagnosi.

La sindrome dell’intestino permeabile non è una condizione medica formalmente riconosciuta. Ciò non significa che le persone non abbiano sintomi frustranti o debilitanti; significa solo che questi sintomi non sono tradizionalmente ritenuti causati da una permeabilità intestinale.

“La sindrome dell’intestino permeabile non è una vera diagnosi medica”, dice a SELF Donald Kirby, MD, gastroenterologo e direttore del Center for Human Nutrition presso la Cleveland Clinic. Aparajita Singh, MD, gastroenterologo dell’UCSF Health e professore associato di gastroenterologia presso l’Università della California, San Francisco, concorda: “Non ho mai detto a un paziente,” Hai la sindrome dell’intestino permeabile “, ma l’ho sentito molte volte, “dice a SELF.

Naturalmente, ciò non significa che i sintomi di una persona siano meno reali. Le persone comunemente associano un’ampia varietà di sintomi a una permeabilità intestinale, dice il dottor Kirby. Ciò include cose come:

  • Diarrea
  • Stipsi
  • Dolore addominale
  • Gas e gonfiore
  • Mal di testa
  • Cervello annebbiato
  • Perdita di memoria
  • Fatica
  • Eruzioni cutanee
  • Dolori e dolori articolari

Gli esperti medici sono diffidenti nel collegare questi sintomi con qualcosa che non è una condizione riconosciuta, sottolineando invece che qualcuno con questi sintomi può essere visto da un gastroenterologo che può aiutare a diagnosticare il problema.

Questo perché molti di questi sintomi potrebbero facilmente essere segni di altre condizioni gastrointestinali, ha detto a SELF Felice Schnoll-Sussman, MD, direttore del Jay Monahan Center for Gastrointestinal Health presso NewYork-Presbyterian e Weill Cornell Medicine. Questi potrebbero includere la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), intolleranze alimentari o allergie, proliferazione batterica intestinale tenue (SIBO) e (in rari casi) una malattia infiammatoria intestinale (come il morbo di Crohn e la colite ulcerosa).

Quindi, da dove viene il concetto di sindrome dell’intestino permeabile?

L’idea della sindrome dell’intestino permeabile si basa sul concetto di permeabilità intestinale, qualcosa che stiamo solo iniziando a capire. Il modo principale in cui il tuo corpo mantiene le particelle di cibo, i batteri e le tossine – le tossine reali – all’interno dell’intestino (e al di fuori del flusso sanguigno) è la membrana intestinale, che è rivestita di villi simili a dita, spiega il dott. Singh. Si pensa che avere una barriera intestinale indebolita causi la fuoriuscita di quelle cose potenzialmente dannose e possibilmente causi tutti i tipi di sintomi e problemi.

È vero che, negli ultimi due decenni circa , la nostra comprensione del modo in cui funziona questa barriera si è evoluta. Tradizionalmente, si pensava che le cellule del rivestimento intestinale fossero collegate da giunzioni strette “e si pensa a giunzioni strette come malta tra due mattoni”, dice il dottor Kirby. Ma gli esperti ora riconoscono che quelle giunzioni strette “sono più simili a canali e possono aprirsi e chiudersi. Quindi possono, in determinate circostanze, diventare un po ‘più deboli”, descrive.

C’è naturalmente un certo livello di permeabilità nella membrana per consentire il flusso di elettroliti, acqua e sostanze nutritive nel flusso sanguigno. Ma ci sono anche prove che le giunzioni sono più sciolte nelle persone che hanno subito un trattamento per il cancro , in particolare la chemioterapia , dice il dottor Kirby. Anche l’equilibrio dei batteri naturalmente presenti nell’intestino può svolgere un ruolo nella permeabilità, afferma il dott.Schnoll-Sussman. Ci sono prove più deboli che la dieta, inclusi alimenti trasformati , caffeina e assunzione di alcol , così come l’uso di FANS possono aumentare la permeabilità della membrana, dice il dott. Singh. Ma per ora, queste sono ancora solo teorie, osserva.

Anche in condizioni di salute associate a una maggiore permeabilità intestinale (che, ricordiamolo, è ancora un concetto in evoluzione), sembra essere più un sottoprodotto della malattia che una causa. Abbiamo le migliori prove che la permeabilità intestinale è un fattore quando si tratta di condizioni immunitarie come la celiachia e il morbo di Crohn. Nei pazienti affetti da celiachia, ad esempio, sappiamo che il consumo di glutine innesca una risposta immunitaria che danneggia il rivestimento intestinale del corpo. Questo, a sua volta, allenta le giunzioni intestinali. In questo caso specifico, si sospetta che qualsiasi aumento della permeabilità sia un sottoprodotto della celiachia piuttosto che la causa, spiega il dottor Kirby.

Alcune ricerche suggeriscono che le persone con IBS mostrano anche una maggiore permeabilità, sebbene non sia ancora capito perché o come. Condizioni come queste “possono portare all’infiammazione dell’intestino e, di conseguenza, il rivestimento intestinale può essere danneggiato, il che può portare a una maggiore permeabilità intestinale e al passaggio di batteri e tossine nel flusso sanguigno”, afferma il dott. Schnoll-Sussman. “Questa è [una] ipotesi, tuttavia”, dice – e anche se c’è una maggiore permeabilità, non è stato “definitivamente dimostrato” che provochi la malattia.

Anche se la permeabilità intestinale è qualcosa che si verifica e anche se porta al passaggio di batteri e tossine nel flusso sanguigno, non è chiaro come ciò causerebbe l’ampia gamma di sintomi che le persone spesso associano a una permeabilità intestinale, specialmente quelli non direttamente correlati all’intestino, come nebbia cerebrale, eruzioni cutanee e dolori articolari.

Inoltre, non esistono metodi riconosciuti dal punto di vista medico per testare la sindrome dell’intestino permeabile o la permeabilità intestinale. Alcuni operatori sanitari alternativi possono suggerire un test notoriamente inaffidabile per esaminare il livello di zuccheri indigesti (lattulosio e mannitolo) nelle urine. Alcune persone potrebbero anche utilizzare un esame del sangue per cercare i marker della proteina zonulina, che sappiamo essere coinvolta nella regolazione della permeabilità ed è elevata nelle persone con malattia celiaca. Ma, ancora una volta, non sappiamo davvero come funzioni la permeabilità intestinale in queste condizioni o come un livello elevato di zonulina contribuirebbe alla celiachia (che viene effettivamente diagnosticata con altri esami del sangue per anticorpi specifici), per non parlare di quale risultato specifico su questo test significherebbe per le persone senza celiachia.

Per tutti questi motivi, gli esperti medici ti consigliano di essere scettico nei confronti di qualsiasi trattamento che pretenda di aiutare con la sindrome dell’intestino permeabile. “I sostenitori [possono] usare [la sindrome dell’intestino permeabile] come un’opportunità per vendere una serie di rimedi correlati alla salute che possono essere potenzialmente dannosi e la maggior parte non sono approvati dalla FDA”, afferma il dottor Kirby. Alcuni siti di salute alternativa raccomandano integratori come probiotici ed enzimi o incoraggiano diete che eliminano il glutine e gli alimenti contenenti zucchero (inclusi frutta e alimenti trasformati) o raccomandano di consumare solo latticini crudi e non pastorizzati .

Il dottor Singh dice che di solito va bene per le persone sperimentare tagliando da sole il consumo di caffeina o alcol. Ma il dottor Kirby consiglia alle persone di avvalersi dell’aiuto di un medico o di un dietologo registrato quando si apportano cambiamenti dietetici più drastici e di evitare gli integratori venduti online con il pretesto di trattare la sindrome dell’intestino permeabile.

Ecco cosa fare se si verificano sintomi.

Qualsiasi sintomo gastrointestinale nuovo o preoccupante merita una chiacchierata con il tuo medico e possibilmente uno specialista, come un gastroenterologo. “È imperativo che le persone che presentano sintomi associati a permeabilità intestinale lavorino con un medico che può inizialmente valutarli per altre diagnosi gravi che possono presentare sintomi simili”, afferma il dott. Schnoll-Sussman. Ma è improbabile che te ne andrai con una diagnosi di sindrome dell’intestino permeabile o aumentata permeabilità intestinale.

Quando un paziente va da lei chiedendole della sindrome dell’intestino permeabile, il dottor Singh dice: “Non mi fisso sulla diagnosi. La prima cosa che faccio è ascoltare”. Probabilmente il tuo medico o gastroenterologo ti chiederà i tuoi sintomi e la tua storia familiare di malattie intestinali. Da lì, possono ordinare test diagnostici (come un esame del sangue per cercare segni di celiachia o un test del respiro per cercare segni di SIBO). Se si sospetta un’allergia, il medico potrebbe inviarti da un allergologo per un trattamento più specializzato, dice il dottor Kirby. Oppure il tuo medico potrebbe chiederti di tenere traccia dei tuoi sintomi e di ciò che mangi in un diario alimentare per cercare schemi e potrebbe farti provare a eliminare determinati alimenti ( una dieta di eliminazione ) per un periodo per vedere se questo aiuta, dice il dott.Singhs .

In definitiva, qualunque sia la causa dei tuoi problemi, meriti di avere risposte reali e un vero sollievo.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Quante fibre dovrei mangiare per sentirmi regolare?

Bambino malato? Quando cercare assistenza medica