in

Cosa sapere sul norovirus

Il norovirus, noto anche come insetto del vomito invernale, è una causa comune di malattia, diarrea e gastroenterite.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) , il norovirus causa la gastroenterite in 19-21 milioni di persone all’anno negli Stati Uniti. Il virus è anche responsabile di 56.000-71.000 ricoveri annuali e 570-800 decessi negli Stati Uniti ogni anno.

Sebbene il norovirus causi più comunemente infezioni durante i mesi invernali, può colpire le persone in qualsiasi momento dell’anno.

Le persone a volte si riferiscono erroneamente a un’infezione da norovirus come “influenza intestinale”. Il termine medico è gastroenterite e non ha una connessione con l’influenza, che è un’infezione respiratoria.

In questo articolo definiamo i sintomi e le cause del norovirus e spieghiamo come trattare e prevenire l’infezione.

Cos’è il norovirus?

Norovirus è un membro della famiglia dei virus Caliciviridae . Questi virus sono responsabili di circa il 90% dei focolai di gastroenterite virale e quasi il 50% dei casi in tutto il mondo.

Il norovirus si diffonde nelle feci e nel vomito di persone e animali con l’infezione. Le persone possono contrarre il virus:

  • consumare cibi contaminati
  • bere acqua contaminata
  • toccandosi la bocca con la stessa mano con cui hanno appena toccato qualcuno che ha il norovirus o una superficie contaminata

Può essere difficile eliminare i norovirus perché possono sopravvivere a temperature calde e fredde e sono resistenti a molti disinfettanti.

I norovirus subiscono continuamente cambiamenti genetici. Per questo motivo, gli esseri umani tendono a sviluppare un’infezione da norovirus più di una volta durante la loro vita, sebbene i sintomi siano solitamente meno gravi ogni volta.

 Sintomi

In genere, il primo sintomo del norovirus è la nausea.

Altri sintomi comuni includono:

  • vomito
  • mal di stomaco
  • crampi addominali
  • diarrea acquosa o sciolta
  • sensazione di malessere e letargia
  • febbre e brividi, che di solito sono lievi
  • dolori muscolari
  • mal di testa

Durante il breve periodo in cui sono presenti i sintomi, le persone possono sentirsi molto male e vomitare molte volte al giorno, spesso violentemente e senza preavviso.

Il CDC nota che i segni ei sintomi di solito durano 1-3 giorni e compaiono tra 12 e 48 ore dopo l’infezione iniziale. In alcuni casi, la diarrea può durare più di 3 giorni.

È importante notare che una volta che i sintomi si sono risolti, il virus può ancora diffondersi attraverso le feci e vomitare per 2 settimane .

Trattamento

Non esiste una terapia specifica per la gastroenterite norovirale. Invece, i medici mirano a prevenire la disidratazione e controllare i sintomi.

Il digiuno non accelererà il recupero. Le persone con norovirus dovrebbero seguire una dieta leggera composta da cibi facili da digerire, come riso, pane, zuppe e pasta. I neonati con norovirus dovrebbero continuare a seguire la loro dieta regolare.

Una persona dovrà assicurarsi di sostituire i liquidi persi a causa del vomito o della diarrea. La sostituzione dei liquidi nei bambini molto piccoli e negli anziani è particolarmente cruciale, poiché le persone in queste fasce d’età sono particolarmente suscettibili alla disidratazione che si manifesta molto rapidamente.

Alcune persone potrebbero trovare utile assumere liquidi per la reidratazione orale. Esempi di prodotti disponibili includono Infalyte, Kao Lectrolyte, Naturalyte, Oralyte e Pedialyte.

La disidratazione può essere improvvisa e, per alcune persone, pericolosa per la vita. Le persone con disidratazione che non sono in grado di bere abbastanza liquidi potrebbero aver bisogno di ricevere liquidi per via endovenosa.

Fattori di rischio

I seguenti fattori di rischio possono aumentare la probabilità di una persona di contrarre il norovirus:

  • avere un sistema immunitario indebolito, ad esempio, persone che hanno subito un trapianto di organi e persone che convivono con l’HIV
  • vivere in una famiglia i cui membri non osservano correttamente le pratiche di igiene alimentare
  • convivere con un bambino che frequenta un asilo nido o una scuola materna
  • soggiornare in un hotel, una nave da crociera o un luogo di villeggiatura dove molte persone si riuniscono
  • vivere in una comunità chiusa o semichiusa, come una casa di cura, un ospedale o un centro per anziani

Dopo un’infezione da norovirus, le persone hanno un’immunità temporanea da ulteriori infezioni, sebbene questa di solito duri solo per circa 2-3 anni .

Cause

Il Dipartimento di Salute e Servizi Umani suggerisce che le seguenti sono le cause più comuni di infezioni da norovirus umano:

  • alimenti contaminati
  • crostacei
  • cibi pronti, come insalate, ghiaccio, biscotti, frutta e panini, che un lavoratore con un’infezione da norovirus ha gestito
  • qualsiasi alimento che contenga particelle di feci o vomito di una persona con norovirus

Fattori di rischio di epidemia

Secondo il CDC, circa il 70% dei focolai di infezione da norovirus di origine alimentare si verificano a causa della contaminazione diretta del cibo da parte di un manipolatore con norovirus immediatamente prima del suo consumo.

Le epidemie hanno spesso avuto collegamenti con cibi freddi, comprese insalate, panini e prodotti da forno.

Le autorità hanno anche implicato prodotti alimentari liquidi, come condimenti per insalata e glassa per torte, come cause dell’epidemia.

A volte, le ostriche provenienti da acque contaminate si sono prese la colpa di focolai diffusi di gastroenterite.

La contaminazione delle acque reflue di pozzi e acque ricreative ha anche causato focolai di infezione da norovirus trasmessi dall’acqua in contesti comunitari.

Prevenzione

Il modo migliore per prevenire la diffusione di norovirus di origine alimentare è praticare una corretta manipolazione degli alimenti. Una buona igiene delle mani e la pulizia del cibo sono importanti per prevenire la trasmissione del norovirus.

I norovirus possono sopravvivere a temperature di congelamento, oltre a quelli fino a 140 ° F o 60 ° C. Alcune persone possono persino sviluppare un’infezione dopo aver mangiato crostacei al vapore. I norovirus possono anche sopravvivere fino a 10 parti per milione di cloro , livelli molto più alti di quelli disponibili negli attuali sistemi idrici pubblici.

Nonostante queste caratteristiche di sopravvivenza, gli esperti affermano che misure di igiene personale e alimentare relativamente semplici possono ridurre significativamente la trasmissione alimentare dei norovirus.

I seguenti passaggi possono ridurre il rischio di una persona di infezione da norovirus:

  • Lavaggio delle mani : lavarsi le mani frequentemente e accuratamente con sapone e acqua calda può ridurre il rischio di infezione, soprattutto dopo essere andati in bagno o aver cambiato un pannolino e prima di preparare i pasti.
  • Pulizia delle superfici: le persone dovrebbero preferibilmente pulire con un detergente domestico a base di candeggina. Quando possibile, dovrebbero lasciare che la candeggina rimanga sulla superficie per circa 10 minuti. Le persone con norovirus possono spesso vomitare violentemente, senza preavviso. Dovrebbero pulire prontamente e accuratamente tutte le superfici vicino al vomito, poiché il vomito può essere contagioso.
  • Evitare cibi rischiosi: le persone dovrebbero cercare di evitare i molluschi che potrebbero provenire da acque contaminate. Dovrebbero anche scartare tutti gli alimenti che una persona con norovirus potrebbe aver preparato. Le persone dovrebbero lavare e strofinare accuratamente tutta la frutta e la verdura.
  • Rimozione di feci infette e vomito: le persone devono assicurarsi di sciacquarli via e pulire immediatamente l’area del bagno circostante con un detergente domestico a base di candeggina.
  • Lavaggio di indumenti e lenzuola: se questi articoli possono essere contaminati, le persone dovrebbero lavarli con acqua calda e sapone.
  • Tenere abbassato il sedile del water: quando si scarica lo sciacquone, le persone dovrebbero tenere il sedile del water abbassato per evitare che microbi infettivi entrino nell’aria.
  • Stare a casa: evitare il contatto pubblico può ridurre la diffusione del norovirus. Questo consiglio è particolarmente rilevante per le persone che hanno il norovirus e svolgono un lavoro che richiede loro di maneggiare il cibo.
  • Uso di asciugamani usa e getta: le persone particolarmente vulnerabili alle infezioni, come coloro che si prendono cura di una persona infetta, dovrebbero usare asciugamani di carta usa e getta piuttosto che quelli di stoffa per asciugarsi le mani. Il virus può sopravvivere per qualche tempo sugli oggetti.
  • Fare attenzione durante il viaggio : le persone che si recano in un luogo con un sistema igienico-sanitario meno sviluppato dovrebbero usare solo acqua in bottiglia, anche per lavarsi i denti. Si consiglia inoltre di evitare buffet e cibi crudi.

Anche ospedali e altre strutture sanitarie hanno un ruolo da svolgere nella prevenzione della trasmissione. Dovrebbero concentrarsi sui metodi per limitare la diffusione del virus, come isolare le persone con un’infezione.

Complicazioni

Nella stragrande maggioranza dei casi, un’infezione da norovirus si risolve entro pochi giorni e non ha complicazioni.

Meno comunemente, possono verificarsi le seguenti complicazioni:

  • malnutrizione
  • stipsi
  • dispepsia
  • riflusso

Alcune persone non sono in grado di bere abbastanza liquidi per sostituire quelli che perdono a causa del vomito o della diarrea. Possono disidratarsi e richiedere cure mediche speciali.

I bambini piccoli, gli anziani e le persone di qualsiasi età che hanno bisogno di un caregiver sono particolarmente vulnerabili.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Le cause dei frequenti movimenti intestinali solidi e come prevenirli

Cosa può causare nausea e diarrea?