in

Cause di dolore addominale e brividi

Molte malattie e infezioni possono causare mal di stomaco e brividi. Questi possono includere il comune raffreddore, gastroenterite, infezioni del tratto urinario e prostatite.

Il dolore allo stomaco può variare nella sensazione. A volte, il dolore può sembrare sordo, mentre altre volte può causare crampi o sensazione di bruciore. Il dolore può anche irradiarsi alla schiena o ad altre parti del corpo.

Il dolore addominale può anche variare in durata e intensità. Il dolore può essere intermittente o costante. I sintomi possono comparire all’improvviso o peggiorare progressivamente.

Le persone che soffrono di mal di stomaco e brividi di solito hanno un’infezione batterica o virale. Tali infezioni possono causare infiammazione e irritazione del tratto gastrointestinale o urinario.

Cause

Di seguito elenchiamo alcune delle cause più comuni di mal di stomaco e brividi:

1. Il comune raffreddore

La maggior parte degli adulti può aspettarsi di avere due o tre raffreddori ogni anno, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). I bambini di solito ne hanno di più.

Il comune raffreddore causa sintomi tra cui:

  • dolori muscolari e dolori
  • tosse
  • brividi
  • fatica
  • mal di testa
  • nausea o mal di stomaco
  • un naso gocciolante
  • starnuti
  • un mal di gola

I sintomi generalmente migliorano dopo 7-10 giorni, anche se la tosse può persistere per 2 settimane o più.

Il trattamento prevede rimedi casalinghi come il riposo, l’idratazione e l’assunzione di farmaci da banco (OTC).

2. Gastroenterite

La gastroenterite si verifica quando lo stomaco e l’intestino sono infiammati a causa di un’infezione batterica o virale.

La gastroenterite virale, che alcuni medici chiamano influenza intestinale , è la forma più comune. Altre cause includono reazioni al cibo o ai farmaci.

Negli Stati Uniti, circa 179 milioni di casi di gastroenterite acuta ogni anno, secondo uno studio sulla rivista Emerging Infectious Diseases . Questo lo rende una delle malattie più comuni.

Segni e sintomi di gastroenterite includono:

  • diarrea
  • mal di testa
  • febbre o brividi di basso grado
  • dolori muscolari
  • nausea
  • crampi allo stomaco
  • vomito

I sintomi possono persistere fino a una settimana. Alcune opzioni di trattamento includono il riposo, l’idratazione, il consumo di cibi morbidi e l’assunzione di farmaci da banco.

3. Infezione da Salmonella

L’infezione da batteri della Salmonella è un evento comune negli Stati Uniti e causa 1,2 milioni di malattie all’anno, secondo il CDC. Le persone in genere contraggono l’infezione a causa del consumo di cibo o acqua contaminati.

I sintomi di solito iniziano entro 12-72 ore dall’infezione e possono includere:

  • diarrea
  • febbre o brividi
  • mal di testa
  • nausea
  • crampi allo stomaco
  • vomito

Il trattamento in genere non è necessario e la maggior parte delle persone si riprende entro pochi giorni. Durante questo periodo, le misure di auto-cura possono ridurre il disagio. Le persone con sintomi gravi possono richiedere farmaci o persino ricovero in ospedale.

4. Infezione del tratto urinario

Un’infezione del tratto urinario (UTI) si verifica quando batteri o altri microbi infettano il tratto urinario. Le femmine hanno un rischio maggiore di sviluppare infezioni del tratto urinario rispetto ai maschi, con il 40-60% delle femmine che ne sperimenta uno nella vita.

I sintomi possono includere:

  • un aumento della frequenza urinaria
  • un aumento dell’urgenza urinaria
  • bruciore durante la minzione
  • urina torbida, dall’odore forte o rosa
  • febbre o brividi
  • dolore al bacino o alla schiena, che può irradiarsi all’addome
  • passando regolarmente piccole quantità di urina

La maggior parte delle IVU richiederà un trattamento antibiotico , ma alcuni rimedi casalinghi possono ridurre il disagio fino a quando l’infezione non si risolve. I rimedi casalinghi includono bere molta acqua, evitare la caffeina e usare una piastra elettrica sull’addome.

5. Calcoli renali

Quando minerali e sali si accumulano nei reni, possono formare depositi duri chiamati calcoli renali .

Una recensione del 2018 sulla rivista Advances in Urology suggerisce che 1 persona su 11 negli Stati Uniti sviluppa calcoli renali.

Questi depositi duri non possono causare alcun sintomo fino a quando non cambiano posizione nel rene o nel tratto urinario.

I calcoli renali possono quindi provocare:

  • cambiamenti nelle abitudini urinarie e nella quantità
  • urina torbida, dall’odore forte o rosa
  • febbre e brividi, in caso di infezione
  • nausea
  • dolore all’addome, all’inguine, ai fianchi e alla schiena
  • minzione dolorosa
  • vomito

Piccoli calcoli renali possono passare da soli attraverso le vie urinarie. È utile bere liquidi e assumere antidolorifici fino a quando la pietra non passa.

Altre volte, è necessario sottoporsi a un intervento chirurgico o un altro tipo di procedura medica per rimuovere la pietra.

6. Prostatite

La prostatite è un’infiammazione della ghiandola prostatica, che è appena sotto la vescica nei maschi.

La prostatite ha un tasso di prevalenza dell’8,2% ed è “la diagnosi urologica più comune ” nei maschi di età pari o inferiore a 50 anni.

La prostatite batterica, che deriva da un’infezione batterica, causa:

  • difficoltà a urinare
  • sintomi simil-influenzali, come i brividi
  • urina torbida o sanguinante
  • minzione frequente
  • dolore all’addome, alla parte bassa della schiena, ai genitali o all’inguine
  • minzione dolorosa ed eiaculazione

Il trattamento può includere l’assunzione di antibiotici e altri farmaci. L’uso di piastre riscaldanti, cambiamenti nella dieta e cambiamenti nello stile di vita può fornire sollievo dai sintomi.

7. Mononucleosi

La mononucleosi infettiva , o la malattia del bacio o mono, passa tra le persone attraverso la saliva. Insieme al mal di stomaco e ai brividi, i sintomi includono:

  • fatica
  • febbre
  • mal di testa
  • mal di gola
  • eruzione cutanea
  • ingrossamento dei linfonodi del collo e delle ascelle
  • tonsille gonfie

I sintomi di solito non compaiono fino a 4-6 settimane dopo l’infezione e durano fino a 2 mesi.

Il trattamento prevede il riposo, l’idratazione e l’assunzione di analgesici da banco. Alcune persone potrebbero richiedere farmaci per infezioni secondarie.

8. Polmonite

La polmonite è un’infezione polmonare che causa l’infiammazione delle sacche d’aria. Negli Stati Uniti, è ” una delle principali cause di ospedalizzazione” sia negli adulti che nei bambini.

I sintomi della polmonite, che variano in gravità, includono:

  • dolore al petto
  • brividi
  • tosse con catarro
  • diarrea
  • respirazione difficoltosa
  • fatica
  • febbre
  • nausea
  • mal di stomaco
  • vomito

La polmonite può essere pericolosa per la vita per gli anziani, i bambini e coloro che hanno un sistema immunitario compromesso. Le persone che hanno sintomi dovrebbero sempre parlare con un medico.

Il trattamento comprende l’assunzione di farmaci, il riposo e altri rimedi casalinghi. Alcune persone potrebbero richiedere il ricovero in ospedale.

9. Infiammazione della cistifellea

L’infiammazione della cistifellea, o colecistite , è il gonfiore della cistifellea, che è un organo a forma di pera nell’addome.

I calcoli biliari sono la causa più comune di infiammazione della cistifellea. Secondo uno studio del 2012 sulla rivista Gut and Liver , circa il 10-15% degli adulti svilupperà calcoli biliari. Altre cause includono tumori e infezioni.

I sintomi della colecistite, che spesso peggiorano dopo aver mangiato pasti abbondanti o grassi, includono:

  • dolore e sensibilità addominale, di solito in alto a destra o al centro
  • febbre o brividi
  • nausea
  • dolore alla schiena o alla spalla destra

Se non trattata, l’infiammazione della cistifellea può causare gravi complicazioni. Alcune opzioni di trattamento includono il ricovero in ospedale, il digiuno, i liquidi per via endovenosa e l’assunzione di analgesici. Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere i calcoli biliari o l’intera cistifellea.

10. Malattia infiammatoria pelvica

La malattia infiammatoria pelvica (PID) si verifica quando i batteri a trasmissione sessuale, inclusa la clamidia o la gonorrea , si diffondono alle tube di Falloppio, all’utero o alle ovaie.

Ricerca del 2017, apparsa in Morbidity and Mortality Weekly Report , suggerisce che il 4,4% delle donne sessualmente esperte in età riproduttiva hanno PID.

La PID non causa sempre sintomi. A volte, le persone si rendono conto di avere la condizione solo quando hanno difficoltà a rimanere incinta.

Se i sintomi si verificano, includono:

  • sanguinamento tra i periodi
  • sanguinamento durante o dopo il sesso
  • brividi
  • minzione difficile o dolorosa
  • febbre
  • perdite vaginali pesanti e maleodoranti
  • dolore all’addome inferiore e al bacino

I medici di solito prescrivono antibiotici alle persone con PID. Anche i partner sessuali richiedono un trattamento.

Senza trattamento, l’infezione può causare dolore pelvico cronico, gravidanza ectopica e infertilità .

11. Appendicite

Appendicite è un’infiammazione dell’appendice, che è un pezzo di tessuto attaccato all’intestino crasso.

L’appendicite colpisce 1 persona su 1.000 negli Stati Uniti, di solito quelli di età compresa tra 10 e 30 anni.

La condizione provoca dolore nella parte inferiore destra dell’addome. Questo tende a peggiorare nel tempo e può verificarsi insieme a:

  • stipsi
  • diarrea
  • febbre o brividi
  • perdita di appetito
  • nausea

Di solito è necessario un intervento chirurgico per rimuovere l’appendice.

12. Diverticolite

La diverticolite si verifica quando i diverticoli, che sono sacche sporgenti che si formano nel rivestimento dell’intestino, sviluppano un’infezione o un’infiammazione.

Secondo l’ Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali , questi sacchetti possono formarsi nel 35% degli adulti statunitensi di età pari o inferiore a 50 anni e nel 58% di tutte le persone di età superiore ai 60. Tuttavia, la maggior parte dei casi non progredisce verso la diverticolite .

I sintomi includono:

  • costipazione o diarrea
  • febbre o brividi
  • nausea
  • dolore allo stomaco, che può essere grave e persistente
  • vomito

I casi lievi in ​​genere si risolvono assumendo antibiotici, riposando e apportando cambiamenti nella dieta. I casi gravi possono richiedere un intervento chirurgico.

Altre cause

Il dolore allo stomaco e i brividi possono avere altri sintomi meno comuni, tra cui:

  • fibrosi cistica , una malattia genetica che causa danni agli organi
  • epididimite, o infiammazione dell’epididimo, che è un tubo a spirale nella parte posteriore dei testicoli
  • attacco di cuore , ma solo in rari casi
  • leucemia , un cancro del sangue e del midollo osseo
  • malaria , una malattia infettiva trasmessa dalle zanzare
  • meningite o infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale
  • pancreatite o infiammazione del pancreas
  • peritonite o infiammazione del tessuto peritoneo nell’addome
  • scarlattina , una malattia batterica
  • fuoco di Sant’Antonio , un’infezione virale simile alla varicella
  • tubercolosi , un’infezione batterica dei polmoni
  • La malattia di Weil, un’infezione batterica spesso trasmessa dai roditori
  • febbre gialla , un’infezione portata dalle zanzare

Quando vedere un dottore

Consultare un medico se il dolore allo stomaco e i brividi persistono per più di pochi giorni o se si verificano insieme a:

  • diarrea o vomito
  • febbre
  • dolori muscolari e dolori
  • stanchezza senza causa evidente

Le persone che sperimentano una delle seguenti condizioni insieme a mal di stomaco e brividi richiedono cure mediche immediate:

  • difficoltà respiratorie
  • dolore al petto
  • febbre di 101 ° F (38,3 ° C) o superiore
  • perdita di conoscenza
  • rigidità del collo
  • forte mal di testa
  • vomito grave o diarrea
  • mal di stomaco che si irradia alla spalla
  • problemi di vista
  • debolezza

Prevenzione

Molti casi di brividi e mal di stomaco derivano da un’infezione batterica o virale.

Prova quanto segue per prevenire l’infezione:

  • Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o utilizzare un disinfettante a base di alcol.
  • Mantieni le distanze dalle persone con malattie infettive.
  • Evita di toccare gli occhi o il viso con mani sporche.
  • Disinfetta frequentemente le superfici della cucina e del bagno e pulisci regolarmente giocattoli, maniglie delle porte e telecomandi.
  • Considera le vaccinazioni, ove possibile, come quelle contro alcune forme di polmonite e gastroenterite.
  • Non condividere utensili, asciugamani o altri oggetti personali.
  • Prendi precauzioni quando viaggi in altri paesi per evitare malattie di origine alimentare.
  • Quando sei all’estero, bevi acqua in bottiglia, evita i cubetti di ghiaccio e non mangiare frutta o verdura cruda o sbucciata.
  • Pratica la conservazione igienica degli alimenti e le tecniche di preparazione in casa.
  • Non mangiare uova crude.

Altri metodi di prevenzione e riduzione del rischio includono:

  • Bere molta acqua e altri liquidi ogni giorno.
  • Fare esercizio regolarmente.
  • Mangiare una dieta equilibrata, con un’enfasi su frutta fresca, verdura, cereali integrali, legumi, carni magre, pesce, noci e semi.
  • Usare il preservativo durante le attività sessuali.
  • Discutere di eventuali problemi di salute con un operatore sanitario.

prospettiva

Le prospettive per una persona con mal di stomaco e brividi dipendono dalla causa dei sintomi. Di solito non sono motivo di preoccupazione se derivano dal comune raffreddore, dall’influenza intestinale o da un’altra infezione facilmente curabile.

La maggior parte di queste condizioni si risolverà entro pochi giorni con rimedi casalinghi, farmaci o una combinazione di entrambi.

Tuttavia, questi sintomi potrebbero anche suggerire una condizione più grave, come la polmonite o l’appendicite, ma questo è più raro. Le persone che soffrono di dolori allo stomaco e brividi gravi o persistenti dovrebbero consultare il proprio medico.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Cosa può causare mal di stomaco e nausea?

Tutto quello che devi sapere sul tetano