in

Perché il delirio nei pazienti con coronavirus preoccupa i medici

Prove crescenti collegano il virus alla condizione neurologica

Con i casi di coronavirus (COVID-19) in aumento a un ritmo allarmante, un sintomo del virus sta guadagnando un nuovo avviso con maggiore prevalenza: il delirio. 

C’è ancora così tanto che non sappiamo sul coronavirus, ma gli sviluppi che circondano i sintomi del delirio preoccupano sia i medici che i ricercatori, soprattutto su come possa influenzare i pazienti più giovani. 

Ci sono prove crescenti che collegano i pazienti con delirio e coronavirus. Uno studio riporta che tra il 20% e il 30% dei pazienti con coronavirus ospedalizzati sviluppa delirio, mentre un altro studio indica che ben il 70% dei pazienti con coronavirus in condizioni critiche è affetto. 

Abbiamo parlato con lo specialista in cure neurocritiche Pravin George, DO , del delirio nei pazienti con coronavirus e del motivo per cui potrebbe accadere.

I tipi di delirio

Secondo il dottor George, il delirio sta diventando sempre più un sintomo ora, ma è probabile che sia sempre stato un sintomo del virus. Probabilmente è passato inosservato nei primi casi, in parte perché alcuni pazienti affetti da coronavirus sono stati sotto l’influenza di sedativi. E un altro motivo ha a che fare con il tipo di delirio .

Esistono due tipi di delirio:

  • Il delirio iperattivo è la forma iperattiva in cui un paziente può essere aggressivo e irrequieto, a volte soffrendo di deliri o allucinazioni
  • Il delirio ipoattivo è la forma ipoattiva in cui i pazienti possono apparire assonnati, lenti a rispondere e si ritirano, non comunicando con gli altri. 

Ed è possibile che un paziente abbia un mix dei due. 

Secondo il dottor George, i sedativi somministrati ai pazienti potrebbero aver mascherato la presenza di delirio ipoattivo in alcuni pazienti. Ma i sintomi del delirio iperattivo come le allucinazioni stanno guadagnando più attenzione ora. 

Sebbene il delirium non sia attualmente elencato come un sintomo COVID-19 dai Centers for Disease Control (CDC), la “nuova confusione” è ora inclusa come un potenziale “segnale di avvertimento di emergenza” della presenza di COVID-19.

Cosa causa il delirio nei pazienti con coronavirus?

Secondo il dottor George, una delle cause del delirio nei pazienti COVID-19 potrebbe essere la mancanza di ossigeno a causa di come il virus attacca i polmoni . 

Un’altra causa potrebbe essere la reazione del corpo al virus. “L’infiammazione causata dal modo in cui il sistema immunitario del corpo reagisce in modo eccessivo al virus potrebbe bloccare il sangue al cervello di un paziente”, afferma il dott. George.

Ancora uno potrebbe essere il virus che attacca effettivamente il cervello. “Il virus potrebbe attaccare i neuroni all’interno del tessuto cerebrale. Il cervello ha neuroni che contengono recettori ACE2 che sono molto simili ai recettori trovati nei polmoni che hanno servito da gateway per il coronavirus per attaccare le cellule presenti “, afferma il dott. George. 

Più di un virus respiratorio

Sta diventando chiaro che il coronavirus può attaccare più del semplice sistema respiratorio. E altri studi collegano il virus con danni al sistema nervoso centrale del corpo e altri problemi neurologici, incluso il delirio . 

“Quando abbiamo incontrato per la prima volta il virus, l’attenzione era concentrata su come ha attaccato il sistema respiratorio”, afferma il dott. George. “La maggior parte del tempo sta attraversando quel sistema respiratorio, ma quello che sta succedendo è che dopo aver attaccato il sistema respiratorio, inizia ad entrare nel cervello, nei reni, in tutto il corpo.”

Man mano che si è appreso di più sul virus, anche il CDC ha ampliato l’elenco dei sintomi per includere problemi causati da infezioni che riflettono gli effetti ad ampio raggio che può causare: perdita del gusto o dell’olfatto, diarrea e mal di testa.

Un altro modo in cui il virus colpisce il corpo, dice il dottor George, è rendere il sangue molto denso che può portare a ictus. Uno studio del Regno Unito ha rilevato che 57 pazienti su 125 hanno avuto un ictus ischemico mentre 39 hanno presentato sintomi di “uno stato mentale alterato”. 

E gli ictus causati da infezioni da coronavirus sono stati rilevati in pazienti più giovani , causando allarme dato che l’ultima ondata di casi di coronavirus positivi è stata guidata da pazienti di età inferiore ai 40 anni. 

“Questo non significa necessariamente che i pazienti più giovani sperimenteranno questi sintomi”, afferma il dott. George, “ma deve ancora essere preso sul serio, soprattutto perché i pazienti più giovani rappresentano una porzione più ampia di nuovi casi”.

“C’è ancora così tanto che non sappiamo sul virus”, continua, “e queste sono condizioni gravi e debilitanti che possono avere effetti di lunga durata sulla salute anche se qualcuno” si riprende “dal virus”.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Di quanta acqua hai bisogno ogni giorno?

Cosa non mangiare se hai la malattia di Crohn