in

5 segnali da non perdere che tuo figlio è intollerante al lattosio

Sii consapevole dei segni e dei sintomi di questo problema digestivo

Se un gelato o un bicchiere di latte lascia il tuo bambino che si lamenta di mal di stomaco, potresti chiederti se la colpa è dell’intolleranza al lattosio.

I bambini che sono intolleranti al lattosio non producono abbastanza lattasi, un enzima naturale nel tratto digerente che scompone il lattosio. Per individuare se tuo figlio ha questo problema, è importante essere consapevoli dei segni e dei sintomi.

Come funziona l’intolleranza al lattosio

Il lattosio è uno zucchero presente negli alimenti che molti bambini amano, tra cui latte, gelati e formaggi a pasta molle. È anche presente in alcuni prodotti da forno, condimenti per insalata, salse, caramelle e altri cibi che potresti non aspettarti. Anche il latte materno e gli alimenti per lattanti contengono lattosio.

Il lattosio è costituito da due semplici molecole di zucchero: glucosio e galattosio. Affinché possa essere assorbito dall’organismo, il lattosio deve essere suddiviso nei suoi due componenti da un enzima chiamato lattasi, che si trova nel rivestimento dell’intestino tenue.

Ma per coloro che sono al lattosio intoleran t , l’attività della lattasi è inefficace, ed è in grado di digerire e assorbire il lattosio nel piccolo intestino. Il lattosio passa quindi nell’intestino crasso, dove viene fermentato dai batteri intestinali. Questo processo produce anidride carbonica e idrogeno, nonché alcuni sottoprodotti che hanno un effetto lassativo.

Segni che tuo figlio è intollerante al lattosio

Se tuo figlio è intollerante, più lattosio consuma, più sintomi presenterà.

Ecco alcuni sintomi a cui dovresti prestare attenzione, soprattutto dopo che tuo figlio ha mangiato latticini :

  • Feci molli e gas, soprattutto quando il bambino mangia latticini.
  • Diarrea acquosa con gas.
  • Gonfiore allo stomaco, gas e nausea.
  • Eruzione cutanea e raffreddori frequenti.
  • Dolore addominale generalizzato e crampi.

I genitori a volte confondono l’intolleranza al lattosio con l’ allergia al latte . Sebbene i due abbiano sintomi simili, sono condizioni molto diverse. Un’allergia al latte è una grave reazione del sistema immunitario che di solito compare nel primo anno di vita. L’intolleranza al lattosio è un problema digestivo che si riscontra raramente nei neonati o nei bambini piccoli.

I sintomi dell’intolleranza al lattosio possono iniziare nella tarda infanzia o nell’adolescenza e possono diventare più evidenti nell’età adulta.

A parte il disagio associato a questi sintomi, l’intolleranza al lattosio è un disturbo non minaccioso senza complicazioni a lungo termine. I sintomi possono essere evitati limitando determinati alimenti nella dieta del bambino.

Suggerito dalla Cleveland Clinic

La tua guida pratica all’intolleranza al lattosio

Come si sviluppa l’intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio può svilupparsi in tre modi diversi:

Intolleranza al lattosio acquisita

L’attività della lattasi nell’intestino tenue diminuisce naturalmente dopo l’infanzia. Il National Institutes of Health stima che ben due terzi delle persone non siano in grado di digerire completamente il lattosio oltre l’infanzia.

Carenza di lattasi primaria

Raramente, i bambini nascono con una completa assenza dell’enzima lattasi. Questi bambini sviluppano una grave diarrea durante il latte materno, costringendoli a richiedere formule speciali. Questo è un tratto recessivo, quindi il bambino deve acquisire un gene anormale da ciascun genitore per avere i sintomi.

Intolleranza al lattosio secondaria

Qualcuno può sviluppare un’intolleranza temporanea dopo un’infezione che provoca irritazione del tratto digerente, come il rotavirus o la giardiasi . I pazienti spesso hanno prima nausea, vomito e diarrea, quindi continuano ad avere diarrea quando consumano cibi contenenti lattosio per qualche tempo dopo che l’infezione è scomparsa.

La celiachia , un disturbo digestivo che causa danni all’intestino tenue quando viene ingerito il glutine, può anche essere associata a una temporanea intolleranza al lattosio. I celiaci possono tollerare cibi contenenti lattosio una volta che il rivestimento intestinale guarisce dopo aver seguito una dieta rigorosamente priva di glutine. Anche la malattia di Crohn , un disturbo infiammatorio dell’intestino, può essere associata all’intolleranza al lattosio. Questo spesso migliora una volta che è in atto un trattamento adeguato.

Diagnosi e cambiamenti nella dieta

È abbastanza facile testare l’intolleranza al lattosio. Viene eseguito utilizzando un test del respiro del lattosio, che misura i livelli di idrogeno nel respiro dopo aver consumato il lattosio.

Normalmente, nel respiro viene rilevato pochissimo idrogeno. Livelli elevati di alito di idrogeno indicano una cattiva digestione del lattosio, che potrebbe indicare intolleranza al lattosio. Nei bambini piccoli e in coloro che non possono eseguire il test del respiro, un’altra opzione è l’eliminazione rigorosa del cibo contenente lattosio per due o quattro settimane.

Sebbene non esista una cura per questo problema digestivo, alcuni cambiamenti nella dieta possono fare un’enorme differenza per tuo figlio. Raccomando anche ai bambini con intolleranza al lattosio di assumere un integratore di enzimi di lattasi da banco se intendono mangiare cibi contenenti lattosio per alleviare i sintomi. Tuttavia, questo potrebbe non essere d’aiuto se consumato con grandi quantità di alimenti contenenti lattosio.

Nel corso del tempo, tu e tuo figlio imparerete quanto cibo e bevande a base di latticini può sopportare. Per i pazienti con sintomi significativi, un dietista può aiutare a identificare gli alimenti contenenti lattosio.

È anche importante assicurarsi che il bambino riceva ancora abbastanza calcio e vitamina D, poiché i latticini sono normalmente una buona fonte di questi nutrienti.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

5 motivi per aggiungere più cibi fermentati alla tua dieta

Può avere un animale domestico aiutare a prevenire le allergie?