in

Cosa fare quando il tuo bug di stomaco non andrà via

Potresti avere una condizione chiamata “IBS post-infettiva”

Se hai già combattuto un’infezione gastrointestinale (GI), sai che non è piacevole. Ma in genere i sintomi non durano più di pochi giorni.

Tuttavia, in alcuni casi, gli effetti persistono per settimane o mesi, anche dopo che una persona non vomita più o ha sintomi gravi dopo un brutto attacco con un virus o un’intossicazione alimentare. Alcuni pazienti non riescono a tornare a un normale ritmo gastrointestinale o a una normale funzione intestinale.

Questa condizione è nota come sindrome dell’intestino irritabile (IBS) post-infettiva. Il gastroenterologo Brian Kirsh, MD , afferma che l’IBS post-infettiva è abbastanza comune e puoi prendere provvedimenti per diagnosticare e curarla.

Quali sintomi tenere d’occhio

“L’IBS post-infettiva è una costellazione di sintomi che assomigliano alla sindrome dell’intestino irritabile”, afferma il dottor Kirsh.

I sintomi sono generalmente meno gravi dell’infezione originale e possono includere:

  • Crampi addominali
  • Diarrea.
  • Nausea.
  • In alcuni casi, stitichezza .

“Nel tempo le persone tendono a migliorare”, dice. “Per la maggior parte di loro, questo non sarà l’IBS per tutta la vita.”

I sintomi dell’IBS post-infettiva si sviluppano dopo un insetto gastrointestinale infettivo come la gastroenterite virale o un’infezione batterica come E. coli o Salmonella o anche C. difficile . I pazienti possono sospettare questa condizione se hanno avuto un’infezione gastrointestinale documentata che si è risolta, ma la loro funzione digestiva non tornerà alla normalità. “Questo dovrebbe informarli che dovrebbero cercare aiuto.”

Quanto dura l’IBS post-infettiva

I sintomi durano settimane, mesi o talvolta anche un anno. Perché tende a persistere non è chiaro, dice il dottor Kirsh.

“Non sono sicuro che qualcuno possa rispondere a questa domanda”, dice. “Ci sono cose che semplicemente non sappiamo sul motivo per cui certe cose causano irritabilità a certe parti del corpo.”

Una teoria suggerisce che l’infezione gastrointestinale originale si traduca in qualche cambiamento nella normale carica batterica di una persona nell’intestino tenue. “Ciò potrebbe avere un impatto persistente sui sintomi.”

Quello che mangi è importante

Modificare la dieta può aiutare ad alleviare i sintomi dell’IBS post-infettiva. Ma tieni presente che i rimedi dietetici variano a seconda del paziente.

Ad esempio, alcune persone potrebbero trarre vantaggio dalla limitazione dei prodotti a base di grano. Altri potrebbero aver bisogno di smettere di mangiare latticini.

La ricerca ha dimostrato che una dieta a basso contenuto di FODMAP funziona bene per la maggior parte dei sintomi di IBS. La dieta consiglia di eliminare alcuni zuccheri difficili da digerire. Ad esempio, una persona con una dieta a basso contenuto di FODMAP eviterebbe frutta come mele, albicocche, ciliegie e pere. Invece, mangerebbero frutta come banane, uva e melone.

Nel complesso, tuttavia, non esiste una soluzione per una dieta unica per tutti. Quindi lavora con il tuo medico per trovare l’opzione migliore per te.

Supplementi e farmaci possono aiutare

Se soffri di IBS post-infettiva, il medico può raccomandare i probiotici . Questi integratori aiutano a ripopolare l’intestino tenue con una flora sana, dice il dottor Kirsh.

Un medico potrebbe anche prescrivere antispastici o raccomandare farmaci antidiarroici, molti dei quali sono disponibili al banco.

Quando il test è utile

A seconda della gravità del caso, un medico potrebbe ordinare un esame del sangue. Questo test può aiutare a garantire che una persona con IBS post-infettiva non sia anemica e non abbia un numero elevato di globuli bianchi. I pazienti possono anche sottoporre a test i loro elettroliti per assicurarsi che non siano disidratati.

A seconda dei sintomi, alcuni pazienti possono sottoporsi a ulteriori test per la celiachia o ricevere anche un’endoscopia o una colonscopia .

La maggior parte delle persone si riprende

A condizione che tu non abbia una condizione cronica come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn , prendi questo a cuore: l’IBS post-infettiva non dovrebbe durare per sempre.

“Nel tempo le persone tendono a migliorare”, dice il dottor Kirsh. “Per la maggior parte di loro, questo non sarà l’IBS per tutta la vita.”

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

7 risposte su Tamiflu: è meglio aiutarti a combattere l’influenza?

Sì, puoi essere vegetariano e anche un atleta