in

Come affrontare il tuo IBD sul lavoro

Pianifica le sorprese, parla con il tuo datore di lavoro

Quando si ha  una malattia infiammatoria intestinale (IBD), è possibile che durante il lavoro si possa navigare in mare mosso. Potresti avere a che fare con diarrea, urgenza intestinale, mal di stomaco e anemia, sintomi che spesso non si adattano bene a una lunga giornata di lavoro.

Naturalmente, l’obiettivo è la remissione in modo da poter vivere, lavorare e giocare senza sintomi. Ma per i quasi 2 milioni di americani con IBD, più comunemente morbo di Crohn o colite ulcerosa , ciò non è sempre possibile.

Ma la buona notizia è che se pianifichi bene, spesso puoi prevalere nel tuo lavoro e limitare gli effetti delle IBD. Ecco quattro suggerimenti della gastroenterologa  Jessica Philpott, MD, PhD .

1. Considera cosa è importante rivelare

Supponiamo che tu stia cercando un lavoro. È importante capire le tue esigenze. Chiediti: in che modo questa condizione e i sintomi influenzeranno il mio orario di lavoro?

“Se ti capita di avere abitudini intestinali frequenti, potresti non voler trovare un lavoro come assistente di volo”, dice il dottor Philpott. “Conoscere il proprio corpo e cercare di trovare un lavoro che si adatti ai programmi del proprio corpo è positivo.”

Dovresti informare un potenziale datore di lavoro della condizione? Non sei obbligato a rivelarlo, dice, ma a volte è una buona idea farlo se hai bisogno di assenze regolari per assicurarti che il lavoro possa accoglierti senza conflitti.

“Non è sempre così, ma la maggior parte delle persone capirà, quindi devi decidere cosa è meglio per la tua situazione particolare”, dice. È una linea sottile perché non vuoi pregiudicare qualcuno che ti assuma, ma non vuoi nemmeno iniziare un nuovo lavoro e far sentire ai tuoi supervisori che non sei stato onesto nel tuo colloquio.

2. Chiedete alloggi se ne avete bisogno

Una volta che stai lavorando, se i tuoi sintomi sono rari o facilmente gestibili, potresti non avere problemi. Se hai sintomi di base e hai bisogno di un adattamento, tuttavia, ci sono opzioni.

L’ Americans with Disabilities Act richiede ai datori di lavoro di organizzare alloggi per le persone con disabilità. Questo atto ti protegge se hai limitazioni di una “attività importante della vita”, che include funzioni corporee come la digestione o l’intestino. Ciò include condizioni episodiche che sono sostanzialmente limitanti quando non sono in remissione.

Alcuni esempi di sistemazioni includono spostarti più vicino a un bagno se in genere devi andare cinque volte al giorno. Oppure, se le mattine sono difficili, può essere utile offrire un programma più flessibile, ad esempio permettendoti di entrare e tornare a casa più tardi.

Il tempo libero è anche un problema per le persone con IBD. Potresti aver bisogno di giorni di ferie extra per cure, colonscopie , giorni di malattia e infusioni.

La dottoressa Philpott dice che molti dei suoi pazienti compilano annualmente i documenti del Family and Medical Leave Act (FMLA) per ottenere giorni di ferie extra se ne hanno bisogno. La FMLA autorizza i dipendenti a prendere un congedo non retribuito fino a 12 settimane nel corso di un anno per motivi medici. Per qualificarti, devi lavorare in un’organizzazione che ha 50 o più dipendenti per 12 mesi prima di fare domanda.

3. Preparati e aspettati l’inaspettato

Quando si ha l’IBD, è una buona idea prepararsi per tutto e per tutto. Il dottor Philpott suggerisce di tenere queste nozioni di base nelle vicinanze al lavoro:

  • Backup dei farmaci di salvataggio (come gli antidiarroici) approvati dal medico.
  • Un set extra di vestiti in caso di emergenza (se hai problemi di urgenza).
  • Forniture extra per una stomia , se ne hai una.
  • Cibo a sufficienza alla scrivania in modo da non dover mangiare fuori o utilizzare distributori automatici se determinati alimenti provocano sintomi o se è necessario consumare pasti piccoli e frequenti.

4. Adottare misure per gestire lo stress sul lavoro

Ci sono poche persone che possono evitare del tutto lo stress durante il lavoro. Questa è una sfida particolare con l’IBD perché lo stress spesso innesca i sintomi.

Se lo stress nel tuo lavoro è opprimente, potresti dover cercare un nuovo lavoro. Se lo stress è gestibile, tuttavia, il dottor Philpott suggerisce di apprendere e utilizzare buone tecniche di riduzione dello stress. Alcuni che funzionano bene sul posto di lavoro includono:

  • Esercizi di respirazione.
  • Meditazione .
  • Immagini guidate (una tecnica che focalizza l’immaginazione in modo positivo, spesso con le parole o la musica).
  • Registrazioni che favoriscono il rilassamento.

L’attività fisica è anche un buon riduttore di stress. Se puoi, cammina durante le pause o prendi lezioni di yoga o tai chi durante il pranzo per ridurre lo stress.

In generale, è importante conoscere il tuo corpo, la malattia e la legge, dice il dottor Philpott. Ciò ti consentirà di lavorare con il tuo datore di lavoro e di utilizzare al meglio i tuoi talenti e le tue capacità man mano che avrai successo nel tuo lavoro.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

La tua guida pratica all’intolleranza al lattosio

Cosa mangiare dopo aver rimosso la cistifellea