in

Cosa mangiare dopo aver rimosso la cistifellea

Mangia piccoli pasti; limitare gli alimenti ricchi di grassi e che producono gas

I chirurghi rimuovono più di 600.000 cistifellea  ogni anno per eliminare il dolore ad essa associato. Spesso, la chirurgia viene eseguita a causa dei calcoli biliari , che sono depositi duri di liquido digestivo nella cistifellea. Con l’avanzare dell’età, i calcoli biliari diventano più comuni.

Se ti viene rimossa la cistifellea, probabilmente sperimenterai cambiamenti nella tua digestione e dovrai osservare attentamente la tua dieta.

La cistifellea, che è un organo a forma di pera sul lato destro sotto il fegato, non è necessaria. Tuttavia, ti aiuta a digerire i cibi grassi. Inoltre, immagazzina, concentra e secerne la bile prodotta dal fegato.

Dopo l’intervento, il tuo fegato produrrà ancora abbastanza bile, ma potresti avere difficoltà a processare cibi grassi, almeno per un po ‘. Più della metà dei pazienti a cui è stata asportata la cistifellea ha difficoltà a digerire il grasso.

Laura Jeffers, MEd, RD, LD, condivide cinque suggerimenti per evitare il disagio dopo la rimozione della cistifellea:

1. Aggiungere gradualmente gli alimenti alla dieta

Per i primi giorni dopo l’intervento, attaccare con liquidi chiari, brodi e gelatina. Successivamente, aggiungi gradualmente più cibi solidi alla tua dieta.

2. Evitare cibi fritti e attenersi a porzioni più piccole

Evita cibi fritti , cibi ricchi di grassi, cibi con odori forti e cibi che provocano gas. Dovresti anche limitarti a pasti piccoli e frequenti.  

3. Salta i cibi ricchi di grassi per evitare il disagio

Mangiare il cibo sbagliato dopo un intervento chirurgico alla cistifellea può provocare dolore, gonfiore e diarrea. Per evitare questo disagio gastrointestinale, evitare di mangiare cibi ricchi di grassi o piccanti, tra cui:

  • Patatine fritte e patatine fritte.
  • Carni ad alto contenuto di grassi, come mortadella, salsiccia e carne macinata.
  • Alto contenuto di grassi prodotti lattiero-caseari , come il formaggio, gelato e latte intero.
  • Pizza .
  • Strutto e burro.
  • Zuppe e salse cremose.
  • Sughi di carne.
  • Cioccolato.
  • Oli, come cocco e olio di palma.
  • Pelle di pollo o tacchino.
  • Cibi piccanti.

In genere, le calorie dei grassi non dovrebbero totalizzare più del 30% dell’assunzione giornaliera. Ciò significa che se mangi circa 1.800 calorie al giorno, non dovresti consumare più di 60 grammi di grassi.

Assicurati di leggere attentamente le etichette degli alimenti. Cerca cibi che non offrano più di 3 grammi di grassi per porzione.

4. Prendilo lentamente mentre reintroduci cibi ricchi di fibre

Considera l’idea di aggiungere lentamente questi alimenti che producono gas nella tua dieta:

  • Pane integrale.
  • Noccioline.
  • Legumi.
  • Semi.
  • Cavoletti di Bruxelles.
  • Broccoli .
  • Cavolfiore.
  • Cavolo.
  • Cereale.

Aggiungi lentamente piccole quantità di alimenti alla tua dieta. Reintrodurre le cose troppo velocemente può portare a diarrea, crampi e gonfiore.

5. Tieni un diario alimentare

È una buona idea tenere un diario alimentare dopo l’intervento chirurgico. Questo ti aiuterà a tenere traccia di ciò che mangi e quale è stato l’impatto. In questo modo saprai cosa puoi e cosa non puoi mangiare comodamente.

La maggior parte delle persone può tornare a una dieta regolare entro un mese dall’intervento. Tuttavia, parla con il tuo medico se manifesti questi sintomi:

  • Dolore addominale persistente, in peggioramento o grave.
  • Grave nausea o vomito.
  • Ittero .
  • Nessun movimento intestinale per più di tre giorni dopo l’intervento.
  • Incapacità di passare il gas più di tre giorni dopo l’intervento.
  • Diarrea che dura più di tre giorni dopo l’intervento.

Dopo l’intervento, fare queste cose dovrebbe aiutarti a sentirti più a tuo agio. Con il passare del tempo, prendi nota della tua tolleranza per cibi e grassi ricchi di fibre, in particolare i grassi sani.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come affrontare il tuo IBD sul lavoro

Cosa dovresti sapere sul virus Ebola