in

Cosa dovresti sapere sul virus Ebola

Stanno emergendo nuovi trattamenti

La malattia da virus Ebola , chiamata anche febbre emorragica Ebola o semplicemente Ebola, è una malattia grave che spesso causa la morte.

Sebbene sia raro negli Stati Uniti, è comune in alcune parti dell’Africa sub-sahariana, come la Repubblica Democratica del Congo, dove un’epidemia in corso iniziata nel dicembre 2018 è stata dichiarata emergenza sanitaria globale dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Da dove viene l’Ebola?

Da quando il ceppo virale iniziale è stato identificato nel 1957, sono stati descritti sei ceppi del virus Ebola, quattro dei quali sono noti per causare malattie negli esseri umani, afferma Steven Gordon, MD , presidente del Dipartimento di malattie infettive.

Gli scienziati ritengono che il virus sia trasmesso da animali selvatici come pipistrelli della frutta, scimmie, gorilla, scimpanzé e antilopi all’uomo. Gli esseri umani vengono infettati entrando in contatto diretto con fluidi o organi di animali infetti o altri esseri umani infetti.

Quanto è contagioso?

A differenza del morbillo o dell’influenza, l’Ebola non si diffonde attraverso l’aria, l’acqua o il cibo. Si diffonde attraverso lo scambio di fluidi corporei come sangue, urina, feci, saliva, vomito, sudore, sperma e latte materno.

Una persona infetta da Ebola non è contagiosa finché non compaiono i sintomi. E affinché l’infezione si diffonda, i fluidi corporei devono entrare in contatto diretto con una seconda persona.

La trasmissione può avvenire anche attraverso il contatto diretto con superfici, oggetti e materiali come biancheria da letto o indumenti che sono stati contaminati con i fluidi corporei di una persona malata.

Fino agli ultimi anni non c’erano vaccini o trattamenti per l’Ebola. Il trattamento consisteva nell’affrontare i sintomi somministrando liquidi e ossigeno e nel trattamento di altre infezioni che si verificano, afferma il dottor Gordon. Ora esiste un vaccino che si ritiene sia altamente protettivo contro la diffusione del virus in fase di sperimentazione nell’attuale epidemia. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, anche due trattamenti sperimentali per l’Ebola (inclusi anticorpi e antivirali) hanno mostrato risultati promettenti nel prevenire la morte per malattia.

Qual è il rischio?

“Il rischio di acquisizione di Ebola è direttamente correlato all’esposizione a una persona nota con Ebola o al trascorrere del tempo in un’area con trasmissione di Ebola in corso”, afferma il dott. Gordon.

Quindi la famiglia, gli amici e gli operatori sanitari che hanno avuto uno stretto contatto con un paziente con virus Ebola sono a più alto rischio di ammalarsi. Il contatto con animali selvatici infetti può anche mettere a rischio qualcuno.

Se una persona ha sintomi ed è stata in un’area nota per avere la malattia da virus Ebola, dovrebbe cercare immediatamente assistenza medica.

Segni di Ebola

I primi sintomi includono:

  • Febbre (superiore a 101,5 gradi F) che si manifesta rapidamente.
  • Fatica.
  • Dolore muscolare.
  • Mal di testa.
  • Gola infiammata.

Altri sintomi possono svilupparsi in seguito, tra cui:

  • Vomito.
  • Diarrea.
  • Eruzione cutanea.
  • Problemi ai reni.
  • Problemi al fegato
  • Lividi.
  • Sanguinamento, sia interno che esterno, comprese gengive e feci sanguinanti.
  • Test di laboratorio che mostrano un basso numero di globuli bianchi e piastrine e alti livelli di enzimi epatici.

I primi sintomi assomigliano a molte altre malattie, quindi è importante sapere se la persona malata è stata esposta a sangue o liquidi infetti.

Una tempestiva assistenza medica è essenziale per migliorare il tasso di sopravvivenza e per controllare la diffusione della malattia.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Cosa mangiare dopo aver rimosso la cistifellea

7 Segni subdoli di una dieta malsana