in

Come scegliere il miglior probiotico per te

Spiega uno specialista di microbi intestinali

Trilioni di batteri vivono nel tuo corpo, specialmente nell’intestino crasso. Questa comunità di batteri del colon, nota come microbiota intestinale , è coinvolta nella salute immunitaria, nella digestione e in altre funzioni.

Alcuni di questi microrganismi causano malattie, mentre altri la combattono e per promuovere una buona salute è necessario un giusto equilibrio di batteri buoni e cattivi. Quando questo equilibrio viene gettato via, ne derivano problemi. Ecco quando i probiotici possono essere utili.

I probiotici sono batteri benefici simili a quelli normalmente presenti nel tuo corpo. La miriade di prodotti probiotici sul mercato contiene una gamma ancora più ampia di ceppi batterici probiotici. Per trarne vantaggio, devi scegliere quello giusto per affrontare il tuo problema particolare.

“Se qualcuno ha interrotto il suo equilibrio microbico intestinale, è qui che un probiotico può essere di beneficio”, afferma Gail Cresci, PhD, RD , specialista in microbi intestinali presso il Dipartimento di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione della Cleveland Clinic. “Ma se sarà davvero d’aiuto e se stai prendendo quella giusta sono le grandi domande là fuori.”

Un primer probiotico

Si ritiene che uno squilibrio nel microbiota intestinale contribuisca a una serie di problemi di salute, in particolare problemi gastrointestinali, nonché a disfunzioni immunitarie e infezioni. L’equilibrio batterico può essere interrotto da condizioni mediche, stress emotivo e fisico e, in particolare, dall’uso di antibiotici , che distruggono i batteri buoni insieme a quelli cattivi.

I probiotici aiutano a riportare l’equilibrio a favore dei batteri buoni. In tal modo, possono fornire un certo sollievo in caso di sindrome dell’intestino irritabile (IBS), colite ulcerosa , diarrea infettiva acuta e diarrea associata all’uso di antibiotici o infezione da Clostridium difficile (C.diff). Possono anche aumentare la tua immunità, combattere l’infiammazione e potenzialmente avere effetti benefici sul colesterolo.

Scegliere un probiotico

Per essere un vero probiotico, un prodotto deve contenere colture batteriche vive e attive, e dovrebbe indicarlo sulla confezione.

Una raccomandazione generale è quella di scegliere prodotti probiotici con almeno 1 miliardo di unità formanti colonie e contenenti il ​​genere Lactobacillus, Bifidobacterium  o Saccharomyces boulardii , alcuni dei probiotici più ricercati. Ma potresti dover approfondire, poiché ogni genere di batteri comprende numerosi ceppi che producono risultati diversi.

Ad esempio, lo yogurt è prodotto con due colture batteriche “starter” –  Streptococcus thermophilus e Lactobacillus bulgaricus  – ma questi batteri vengono spesso distrutti dall’acidità dello stomaco e non forniscono alcun effetto benefico, spiega il dott. Cresci. Alcune aziende, tuttavia, aggiungono altri batteri al prodotto, quindi controlla l’etichettatura e scegli i prodotti con batteri aggiunti alle colture starter, consiglia.

“Probabilmente starei lontano dai marchi dei negozi e pagherei un piccolo extra per il marchio che è stato studiato”, aggiunge il dottor Cresci. “Idealmente, cerca un prodotto che sia stato testato per qualunque cosa tu stia cercando di affrontare. Potrebbe dire che aiuta con l’IBS, ma non prenderesti lo stesso prodotto se assumessi antibiotici. Vorresti un prodotto che aiuti con l’immunità. È qui che molte persone si confondono. “

Alcune persone preferiscono gli integratori probiotici agli alimenti, ma il dottor Cresci osserva che gli alimenti probiotici sono una scelta migliore. In particolare, cibi fermentati – come yogurt, kefir (una bevanda simile allo yogurt), kombucha (tè nero fermentato), crauti (refrigerati, non stabili a scaffale), kimchi (a base di cavolo fermentato) e tempeh e miso (a base di semi di soia) – forniscono un ambiente nutriente in cui prosperano batteri sani e rilasciano un importante sottoprodotto: gli acidi grassi a catena corta.

“Hanno effetti benefici sulla tua immunità, infiammazione e colesterolo”, dice. “Scegli prima gli alimenti, ma c’è sempre una nicchia per gli integratori, ad esempio se hai bisogno di un certo ceppo di batteri che non è disponibile in una fonte di cibo.”

Nutri i tuoi batteri

L’industria dei probiotici è in forte espansione, ma i benefici dei prodotti probiotici e la quantità di batteri vitali che contengono possono variare. Quindi, invece di aggiungere batteri da una fonte esterna, potrebbe essere meglio consumare prebiotici, come le fibre fermentabili, che supportano i tuoi batteri benefici, dice il dottor Cresci. Buone fonti alimentari di prebiotici includono fagioli secchi e altri legumi, aglio, asparagi, cipolle, porri, alcuni carciofi, banane verdi e grano. Sono disponibili anche integratori prebiotici.

“Ciò che piace ai batteri è la fibra fermentabile “, spiega il dott. Cresci. “Non so se hai bisogno di un probiotico se stai seguendo una dieta sana. Se vuoi provare una taglia unica per migliorare la tua salute intestinale, è davvero la tua dieta e include i prebiotici. Quello che mangiamo è probabilmente la più grande influenza sul nostro microbiota intestinale “.

Come iniziare con i probiotici

Pensi di voler dare una possibilità ai probiotici? Ecco i take away del dottor Cresci per aiutarti a orientarli:

● I probiotici sono generalmente riconosciuti come sicuri, ma in genere non sono raccomandati se si dispone di un sistema immunitario compromesso. Chiedi al tuo medico se i probiotici sono adatti a te.

● Potrebbero essere necessari alcuni tentativi ed errori per trovare il probiotico che funziona per te. Se non noti alcun beneficio da un prodotto dopo alcune settimane, provane uno diverso con un diverso ceppo di batteri.

● I probiotici possono causare gonfiore e gas, così come cambiamenti nei modelli di feci – tutte indicazioni che il prodotto funziona, dice il dottor Cresci.

● I cibi prebiotici aiutano i tuoi batteri buoni a prosperare. Includere fagioli, asparagi, cipolle, banane verdi e altre fonti di fibre fermentabili nella dieta.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

I casi di malattia del legionario, un’infezione polmonare batterica diffusa dall’acqua, stanno crescendo

In fase di trattamento del cancro alla prostata? Ecco come gestire al meglio i possibili effetti collaterali