in

I pericoli del latte crudo: cosa dovresti sapere

Alcune persone preferiscono latte e prodotti lattiero-caseari non pastorizzati o crudi, credendo che offrano più nutrienti, causino meno allergie e promuovano la salute.

Tuttavia, i Centers for Disease Control and Prevention riferiscono che il latte non pastorizzato ha 150 volte più probabilità di causare malattie di origine alimentare rispetto al latte pastorizzato e 13 volte più probabilità di portare al ricovero in ospedale.

“Un po ‘di elaborazione fa molto per prevenire le malattie associate al latte crudo”, afferma Erin Rossi, RD, LD . “Pastorizzare il latte – riscaldandolo a 161 gradi per soli 20 secondi – uccide tutti i batteri.”

Sono passati più di 120 anni da quando Louis Pasteur ha ideato questo processo sicuro per uccidere i batteri che il latte crudo può ospitare, tra cui Salmonella, E. coli e Listeria .

Chi è più a rischio di malattia

La maggior parte delle persone sane guarisce rapidamente dal vomito, dalla diarrea, dal dolore addominale e dai sintomi simil-influenzali causati da questi batteri.

Ma le persone anziane, i bambini, le donne incinte e le persone con un sistema immunitario debole possono ammalarsi rapidamente. I sintomi possono diventare cronici, gravi e persino pericolosi per la vita.

Rivolgiti tempestivamente alle cure se ti ammali dopo aver consumato un prodotto a base di latte crudo, soprattutto se sei incinta . La Listeria può causare aborto spontaneo e morte fetale o neonatale.

Prodotti da controllare attentamente

La maggior parte del latte e dei prodotti lattiero-caseari statunitensi contengono latte o panna pastorizzati o sono stati lavorati in modo da distruggere i batteri. Ma puoi ancora trovare prodotti a base di latte crudo, tra cui:

  • Latte e panna
  • Formaggi a pasta molle (Brie, Camembert)
  • Formaggi molli messicani (formaggio fresco, panela, asadero, formaggio bianco)
  • Yogurt
  • Budino
  • Gelato e yogurt gelato

Quindi dedica un minuto alla lettura dell’etichetta di un prodotto per assicurarti di vedere la parola “pastorizzato” – in caso contrario, potrebbe contenere latte crudo.

Prestare particolare attenzione ai prodotti lattiero-caseari conservati in casse refrigerate o venduti negli stand delle fattorie o nei mercati degli agricoltori. Non acquistarli a meno che tu non possa confermare che sono stati pastorizzati.

Fatti da ricordare

Persistono i miti sulla pastorizzazione e sul latte crudo. Ecco i fatti:

  • La pastorizzazione non riduce i nutrienti nel latte. “Il valore nutritivo è lo stesso per tutto il latte su tutta la linea, tranne che il latte pastorizzato non comporta il rischio di batteri”, osserva la signora Rossi.
  • Sia il latte crudo  che quello pastorizzato contengono proteine ​​che innescano reazioni allergiche o intolleranza al lattosio in soggetti sensibili.
  • La pastorizzazione non consente di lasciare il latte non refrigerato (soprattutto se aperto) per lunghi periodi di tempo
  • La pastorizzazione non salvare vite umane.

Proteggi la tua famiglia

Il latte è un alimento base di famiglia per una buona ragione. Il calcio che contiene aiuta a costruire ossa e denti forti e mantiene il cuore che batte, la coagulazione del sangue e il funzionamento di muscoli e nervi. La proteina che fornisce aiuta a rafforzare i muscoli e previene la loro rottura.

“Il nostro approvvigionamento alimentare è tra i più sicuri al mondo, ma non è sempre privo di rischi”, afferma la signora Rossi. “Le malattie di origine alimentare sono prevenibili con una corretta manipolazione e lavorazione, compresa la pastorizzazione, che riduce al minimo i rischi preservando i nutrienti vitali”.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Le caramelle senza zucchero sono la scelta migliore se hai il diabete?

Il sistema immunitario del tuo neonato è abbastanza forte?