in

Vasculite: 5 farmaci per controllare questa misteriosa malattia dei vasi sanguigni

Migliori terapie farmacologiche per una malattia una volta fatale

La vasculite è una malattia complessa. Questo spettro di condizioni che coinvolgono l’infiammazione dei vasi sanguigni di solito ha cause sconosciute e i sintomi possono essere difficili da individuare. La buona notizia è che i medici stanno facendo passi da gigante nella comprensione di queste malattie con migliori terapie farmacologiche.

Il reumatologo Adam Brown, MD, afferma che la vasculite può colpire chiunque di qualsiasi età e può provocare danni agli organi e ai vasi sanguigni nel tempo. Una volta era considerato fatale. Ma grazie ai progressi della medicina, la vasculite è ora gestibile come condizione cronica in molti casi.

I sintomi sono diversi

Cosa rende il  trattamento della vasculite  una sfida? Ecco alcuni motivi:

  • Esistono diversi tipi di vasculite.
  • Anche all’interno di una specifica malattia, le caratteristiche differiscono tra i pazienti.
  • Molti organi e / o vasi sanguigni sono interessati.
  • Alcune forme sono lievi, altre gravi.
  • Può essere secondario a una condizione sottostante.
  • Può essere una malattia primaria con una causa sconosciuta.

Non esiste un modo semplice per sapere se si soffre di vasculite perché i sintomi possono variare notevolmente, afferma il dottor Brown.

“Un tipo di vasculite è noto come arterite a cellule giganti, che colpisce principalmente i pazienti anziani”, dice. “Di solito si presenta con nuovi mal di testa e dolore alla mascella mentre si mangia. Un altro tipo colpisce i polmoni, provocando mancanza di respiro e tosse con sangue. Esistono anche forme di vasculite che possono causare articolazioni grandi, gonfie e  dolorose . “

Altri sintomi fanno parte della gamma. Possono includere congestione nasale, sanguinamento dal naso, ulcere alla bocca, perdita dell’udito, lesioni cutanee, problemi di vista, intorpidimento, debolezza, tosse, mancanza di respiro, febbre e perdita di peso inspiegabile.

Considerazioni sul trattamento

Le opzioni di trattamento variano tra i diversi tipi di vasculite. I medici trattano quasi tutti i tipi con un farmaco glucocorticoide, come il prednisone. Per alcuni tipi di vasculite, è necessario un altro farmaco oltre al prednisone.

“Una volta determinato il tipo di vasculite che hai, ne esaminiamo la gravità. Questo ci aiuta a valutare quanto dobbiamo essere aggressivi con il trattamento e quali farmaci considerare “, afferma il dottor Brown. “Dobbiamo anche considerare gli effetti collaterali”.

È importante notare che i farmaci che trattano la vasculite sopprimono il sistema immunitario e aumentano il rischio di infezioni. Vuoi considerare i modi per ridurre questo rischio.

Droghe comunemente usate

Ecco alcuni dei farmaci più comunemente usati. Tuttavia, non tutti si applicano a tutti i tipi di vasculite oa ogni singola persona. Inoltre, ci sono altri farmaci che il medico può prescrivere per la vasculite oltre a quelli elencati di seguito.

Gli effetti collaterali inclusi di seguito non sono destinati a essere completi. È necessario rivedere attentamente il piano di trattamento con il medico e il farmacista. Possono aiutarti a capire i rischi dei loro farmaci e cosa si può fare per monitorare e prevenire gli effetti collaterali.

1. Prednisone

Il prednisone è un farmaco glucocorticoide (chiamato anche steroide). I glucocorticoidi sono molto preziosi nel trattamento della vasculite poiché hanno effetti molto ampi sull’infiammazione e agiscono rapidamente.

Dettagli del trattamento: i glucocorticoidi sono utilizzati in quasi tutte le forme di vasculite. Possono essere somministrati per bocca o in vena. Il dosaggio iniziale sarà determinato dal medico in base a molti fattori tra cui il tipo di vasculite e la gravità della vasculite. Di solito, questo viene iniziato a una dose più alta e poi ridotto. Il prednisone è un parente di un ormone naturale del corpo chiamato cortisolo che il nostro corpo fornisce al mattino. Per questo motivo, idealmente somministriamo il prednisone una volta al giorno al mattino per replicare ciò che il corpo fa naturalmente.

Effetti collaterali: l’ aumento del rischio di infezione è la preoccupazione numero uno con il prednisone. Altri importanti effetti collaterali includono aumento della glicemia (diabete), aumento della pressione sanguigna, perdita di densità ossea (osteoporosi), lividi facili e scarsa guarigione. Il prednisone è anche associato ad un aumento dell’appetito e all’aumento di peso e può provocare sbalzi d’umore e insonnia. Le persone che assumono prednisone notano anche un cambiamento nell’aspetto correlato alla ridistribuzione delle cellule adipose normali nel viso e nel tronco che di solito migliora con l’abbassamento della dose.

2. Rituximab (chiamato anche Rituxan)

I medici hanno utilizzato il rituximab per trattare i  pazienti con artrite reumatoide , con buoni risultati. Dal 2011 è stato approvato dalla Food and Drug Administration anche per il trattamento di due forme di vasculite: granulomatosi con poliangite (Wegener’s) e microscopica.

Dettagli del trattamento : Rituximab viene somministrato per vena in un centro di infusione o in ospedale. Il tempo di trattamento (infusione) richiede da quattro a sei ore, o più in alcuni casi. La dose e la frequenza di rituximab saranno determinate dal medico in base a una serie di fattori diversi.

Effetti collaterali : i principali effetti collaterali di rituximab sono reazioni durante l’infusione, eruzioni cutanee e piaghe della pelle e della bocca. Un evento descritto estremamente raro è un tipo di infezione da virus del cervello chiamato PML.

3. Ciclofosfamide (chiamata anche Cytoxan)

La ciclofosfamide è un vecchio farmaco provato e vero, assunto per via orale o endovenosa, che i medici usano anche per curare il cancro. Attualmente è somministrato principalmente in caso di vasculite grave dei piccoli e medi vasi.

Dettagli del trattamento: Assunta per via orale, la dose giornaliera tipica è da 1,0 a 2,0 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo che dovrebbe essere presa tutta in una volta al mattino. Durante la giornata, le persone dovrebbero bere una grande quantità di liquidi. Questo aiuta a eliminare il farmaco dal corpo nelle urine in modo che non si trovi nella vescica. Se il medico somministra il farmaco per via endovenosa, determinerà il dosaggio in base all’altezza, al peso e ai livelli di funzionalità renale da ciò che è stato utilizzato negli studi pubblicati.

Effetti collaterali: la  ciclofosfamide ha una serie di effetti collaterali potenzialmente gravi che devono essere compresi prima di assumere questo medicinale. Poiché può ridurre la conta ematica, gli esami del sangue vengono eseguiti ogni 1-2 settimane. La ciclofosfamide può causare lesioni alla vescica e potenzialmente cancro alla vescica. Potrebbero verificarsi nausea e / o vomito che sono più comuni se somministrati per via vena. La ciclofosfamide aumenta il rischio di difetti alla nascita nelle donne in gravidanza.

4. Metotrexato

Il metotrexato  è anche usato per trattare molte diverse condizioni autoimmuni, inclusa la vasculite. Questo farmaco è anche usato per trattare il cancro, ma la dose usata per curare i malati di cancro è molte volte più alta.

Dettagli del trattamento: il  metotrexato viene assunto una volta alla settimana. Questo farmaco è disponibile in compresse da 2,5 milligrammi. Il medico baserà il dosaggio su ciò che è stato utilizzato con successo negli studi, nonché sul peso e su altri fattori. Il farmaco può anche essere somministrato come iniezione appena sotto la pelle, cosa che alcune persone preferiscono.

Effetti collaterali:  potresti provare nausea o vomito. In una piccola percentuale di casi possono verificarsi ulcere alla bocca, eruzione cutanea o diarrea. Il metotrexato può essere associato ad un abbassamento della conta ematica, irritazione dei polmoni (chiamata polmonite) e danno epatico. È importante evitare di bere alcolici durante l’assunzione di metotrexato. Evitare la gravidanza è essenziale in quanto il metotrexato può causare aborti spontanei e difetti alla nascita. Il medico prescriverà esami del sangue per monitorare la conta ematica e le anomalie della funzionalità epatica si manifestano nei test.

5. Azatioprina (chiamata anche Imuran)

I medici usano principalmente l’  azatioprina  come farmaco di mantenimento nelle persone con vasculite dei piccoli o medi vasi dopo che la vasculite è stata controllata.

Dettagli del trattamento:  prima di iniziare il trattamento, i medici di solito eseguono un esame del sangue chiamato TPMT, un enzima naturale del corpo che scompone il farmaco. Le persone che non producono questo enzima non possono assumere azatioprina e le persone che ne fanno quantità inferiori dovranno essere trattate con cautela con una dose minore. In coloro che hanno un normale test TPMT, il dosaggio è solitamente basato sul peso corporeo. Potresti ricevere una dose singola o due volte al giorno.

Effetti collaterali:   potrebbero verificarsi nausea e vomito e, in alcuni casi, crampi addominali o diarrea. Assumere il farmaco due volte al giorno invece di tutto in una volta o assumerlo con i pasti aiuta alcune persone a evitare questi effetti collaterali. L’azatioprina è associata a conte ematiche inferiori e esami del fegato anormali, il che rende importante il monitoraggio regolare degli esami del sangue. Raramente, le persone possono avere una reazione allergica all’azatioprina che richiede l’interruzione del trattamento.

Rimani in contatto con il tuo medico

Gli effetti della vasculite nel tempo variano da persona a persona. Dipende dai seguenti fattori: tipo di vasculite, gravità, risposta al trattamento, effetti collaterali del trattamento e se la vasculite ha provocato o meno danni permanenti agli organi.

Fortunatamente per la maggior parte dei pazienti, la vasculite andrà in remissione dopo il trattamento. In remissione, nessuna vasculite o infiammazione attiva causa lesioni ai tessuti o agli organi. La preoccupazione è che per la maggior parte delle forme di vasculite può verificarsi una ricaduta o un ritorno della vasculite. Per questo motivo, è necessario essere costantemente monitorati da un medico esperto nel trattamento della vasculite.

Il monitoraggio continuo e la comunicazione attiva tra te e il tuo medico sono la chiave per rilevare e ridurre al minimo eventuali ricadute, afferma il dottor Brown.

“Prima consideravamo fatali alcune forme di vasculite. Ma ora lo consideriamo come se fosse una malattia cronica “, dice. “Anche se non siamo in grado di curare la vasculite, possiamo trattarla e metterla in remissione”.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Allergia o intolleranza: come puoi dire la differenza?

Perché vengono richiamati gli alimenti? Cosa hai bisogno di sapere