in

Ecco come capire se la tua indigestione è effettivamente GERD

Quel dolore lancinante è solo una semplice indigestione o una malattia cronica?

La domanda scottante

Quando il giornalista automobilistico Markus Stier aveva 20 anni, ha iniziato a provare un bruciore al petto circa due volte al mese. Per anni ha sofferto senza cercare assistenza medica. Una ragazza che lavorava in una farmacia consigliava gli antiacidi e, sebbene aiutassero in qualche modo, Stier inizialmente dubitava che avesse individuato il suo problema.

“Sospettava che fosse lo stomaco, che mi sembrava strano, perché il dolore proveniva sempre da un’area situata più in alto”, dice Stier, che ora ha 51 anni. “A volte i crampi erano così estremi che avevo la sensazione che il mio petto sarebbe implodere. “

Circa 15 anni fa, Stier ha finalmente visto un medico. Aveva accettato l’idea che il suo dolore potesse essere correlato allo stomaco, quindi è stato sorpreso di essere diagnosticato con malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), o infiammazione dell’esofago, il tubo che porta dalla bocca allo stomaco.

“Ho ancora le parole del dottore nella mia testa: ‘Il tuo stomaco sta perfettamente bene dentro, ma la parte inferiore del tuo esofago sembra fiamme che si arrampicano sul muro'”, dice Stier.

Il suo medico ha prescritto una medicina, che ha aiutato a lenire la sua infiammazione esofagea. Allo stesso tempo, Stier ha modificato la sua dieta, eliminando cioccolato, dolci, liquori, succhi e caffè. Ulteriori informazioni sulle differenze tra bruciore di stomaco, reflusso acido e GERD .

Un problema comune

Per molti, il dolore lancinante del bruciore di stomaco è uno spiacevole fatto occasionale della vita. È spesso il segno di reflusso acido: l’acido dello stomaco si accumula nell’esofago quando il muscolo che dovrebbe separare l’esofago dallo stomaco non rimane chiuso.

Il bruciore di stomaco tende a svanire dopo poche ore, quindi molte persone non lo considerano una preoccupazione seria.

“È abbastanza accettabile avere episodi di bruciore di stomaco una volta al mese, in particolare legati a un pasto pesante o all’alcol”, afferma Daniel Sifrim, professore di fisiologia gastrointestinale alla Barts e alla London School of Medicine and Dentistry presso la Queen Mary University. “È considerata una malattia quando i sintomi sono più di una volta alla settimana, quando influisce sulla qualità della vita o quando ci sono complicazioni”.

Un bruciore di stomaco più frequente potrebbe indicare GERD, che a volte causa danni al delicato rivestimento dell’esofago a causa degli effetti dell’acido gastrico che vomita ripetutamente verso l’alto. Alcune persone provano un dolore così intenso che temono di avere un attacco di cuore.

“La gente dice: ‘Mi sono svegliato nel cuore della notte con il dolore toracico più lancinante, e sono corso in ospedale pensando che fosse un attacco di cuore, e hanno fatto tutti i test, ed erano normali'”, dice Laurence Lovat, professore di gastroenterologia all’University College di Londra. “Hanno detto che forse era reflusso acido”. Ecco alcuni segni più silenziosi di GERD che potresti ignorare .

Possono sorgere complicazioni

Sebbene GERD non sia grave come un attacco di cuore, non è sempre benigno. Se non trattata, GERD può causare complicazioni nel tempo. Alcune persone hanno una tosse cronica. Altri possono sperimentare un restringimento dell’esofago causato da tessuto cicatriziale, che rende difficile deglutire comodamente il cibo. Anni di danni possono causare l’esofago di Barrett, una condizione che a volte precede il cancro esofageo.

“In una persona su dieci con reflusso acido cronico, il rivestimento dell’esofago cambia da normale a essere quello dell’esofago di Barrett”, dice Lovat. “L’esofago di Barrett stesso ha una probabilità su dieci o meno di diventare canceroso. Se non hai l’esofago di Barrett, la probabilità di contrarre il cancro esofageo è quasi zero. “

Per ridurre al minimo gli effetti del reflusso acido cronico o evitarlo in primo luogo, prova queste idee.

Visita il tuo dottore

GERD può essere trattato, il che può impedire alla tua condizione di progredire, quindi è consigliabile consultare il medico se si soffre di reflusso cronico. “Coloro che dovrebbero vedere un medico sono quelli i cui sintomi interferiscono con le loro vite, se non riescono a dormire a causa dei sintomi o perché devono assumere rimedi da farmacia molto frequentemente”, afferma Amritpal Hungin, professore a Newcastle Istituto universitario di salute e società.

Il medico può eseguire un’endoscopia, una procedura che rivela l’interno del tuo esofago con l’aiuto di una telecamera collegata a un lungo tubo, per vedere se il tuo esofago è infiammato o danneggiato. In tal caso, il medico può prescrivere farmaci e offrire cambiamenti nello stile di vita che possono ridurre i sintomi.

“Se sei abbastanza cattivo da venire dal medico in primo luogo, prendi la medicina che il medico prescrive e guarisci tutto”, dice Lovat. “Allora usa questa opportunità per migliorare il tuo stile di vita. La parte superiore della mia lista sarebbe: non mangiare o bere per almeno due o tre ore prima di andare a letto. Non mangiare grandi quantità in qualsiasi momento. E non mangiare cibi grassi “.

Gestisci il tuo peso

Quanto pesi può influenzare o meno il reflusso cronico. Essere in sovrappeso o obesi rende più difficile per il muscolo che separa lo stomaco e l’esofago mantenere una tenuta ermetica, che consente all’acido di fuoriuscire nell’esofago.

“Soprattutto, questo è il caso dei pazienti maschi [con potbellies]”, afferma Mark van Berge Henegouwen, professore di chirurgia gastrointestinale presso l’Università di Amsterdam. “Hai una maggiore pressione all’interno dell’addome, e quindi hai più reflusso.”

GERD è diventato più diffuso negli ultimi anni, con l’aumento della fascia in vita.

“La ragione principale per la crescente incidenza di GERD è probabilmente l’aumento del BMI [indice di massa corporea] nella popolazione”, afferma Asle Medhus, capo del dipartimento di gastroenterologia presso l’Oslo University Hospital. “Anche se difficile, il trattamento ideale è quindi la perdita di peso.”

Jayne Feld, 49 anni, reporter di educazione e stile di vita, ha il bruciore di stomaco quando ingrassa, ma scompare quando si dimagrisce.

“Ogni volta che raggiungo 75 chili [circa 165 libbre] sulla bilancia, sono più incline a farlo”, dice Feld. “È il mio grande campanello d’allarme per perdere peso.”

Piccoli cambiamenti di peso possono aiutare. “Anche negli individui non obesi, la riduzione di due punti del BMI è associata a una riduzione del reflusso”, dice Sifrim.

Evita i fattori scatenanti della dieta

Alcune persone hanno il bruciore di stomaco quando mangiano cioccolato, agrumi o menta o quando bevono alcolici o caffè. Se hai identificato uno schema, evita le cose che causano il reflusso.

“Se sai che il bruciore di stomaco accadrà se mangi determinati cibi, allora hai una scelta”, dice Sifrim. “Non mangi quel cibo o prendi le pillole. È una tua scelta. La mia prospettiva è che idealmente cerchi di astenervi dal prendere quel particolare cibo il più possibile. ” Questi sono gli alimenti che possono peggiorare il reflusso acido e il bruciore di stomaco .

Assumere farmaci

Le persone con bruciori di stomaco poco frequenti possono trovare sollievo dagli antiacidi o dagli alginati da banco, un rimedio per il bruciore di stomaco derivato dalle alghe. Ma quelli con GERD spesso hanno bisogno di sollievo dalla forza della prescrizione. Alcune persone si sentono meglio dopo un ciclo di farmaci di otto settimane. Altri devono continuare per anni per tenere a bada i sintomi. Le due classi di farmaci più comunemente prescritte per GERD sono note come bloccanti H2 e inibitori della pompa protonica (PPI). Entrambi riducono la quantità di acido prodotto dallo stomaco.

“L’evidenza mostra in modo schiacciante che gli inibitori della pompa protonica sono molto meglio degli antagonisti del recettore H2 nella guarigione del reflusso gastroesofageo”, dice Lovat. L’esofago guarirà nel 50% delle persone che assumono anti-H2 per un corso di otto settimane. Ma guarirà nell’80% delle persone che assumono PPI per lo stesso periodo di tempo. “Questo è davvero significativamente migliore”, dice.

Poiché gli IPP sono più efficaci, i medici li prescrivono più spesso, anche a lungo termine. Occasionalmente, viene pubblicata una ricerca che cerca di collegare l’uso a lungo termine di PPI a un aumentato rischio di infarto, demenza, danni ai reni o cancro allo stomaco, ma gli esperti dicono che le prove del rischio rimangono deboli. Gli IPP sono sicuri e le persone non dovrebbero smettere di prenderli se ne hanno bisogno.

“L’effetto collaterale del trattamento a lungo termine con PPI è stato dibattuto per molti anni”, dice Medhus. “Questi farmaci sono disponibili da circa 30 anni e milioni di pazienti lo hanno utilizzato per periodi prolungati. Molte delle precedenti preoccupazioni sugli effetti collaterali si sono quindi rivelate inutili. “

“Il problema con questi studi è che sono tutti basati su una raccolta di dati su larga scala”, afferma Hungin. “Non sono studi di causa ed effetto.”

Trova il giusto programma terapeutico

L’istruttrice di yoga Miriam Pilgrim, 45 anni, controlla GERD con bloccanti H2. Nel 2009, il suo gastroenterologo le ha prescritto gli IPP, ma quando è rimasta incinta nello stesso anno, il suo medico l’ha passata agli anti-H2. Pilgrim non è mai tornato indietro.

Anche le scelte di stile di vita sano influenzano i suoi sintomi. “Lo yoga aiuta decisamente”, dice Pilgrim. “Il cioccolato lo aggrava.”

Claude Barruyer, 84 anni, assistente dentale in pensione, usa gli IPP se necessario quando i sintomi del reflusso divampano. Dopo decenni di stoicamente affrontando il dolore, Barruyer ha visto un medico cinque anni fa.

“Di solito preferisco guarire senza farmaci, ma mio genero mi ha convinto a chiedere al medico degli inibitori della pompa protonica”, dice Barruyer, che ha preso il farmaco, poi si è fermato quando i suoi sintomi sono scomparsi.

Per l’avvocato Ian Sirota, 52 anni, prendere gli IPP a tempo indeterminato è l’unico modo per trovare sollievo. Ha assunto PPI dal 2007, dopo una breve interruzione senza successo. “In pochi giorni, il reflusso acido è tornato, quindi sono stato immediatamente rimesso al farmaco”, dice Sirota. “Prima di iniziare, almeno una o due volte alla settimana, venivo svegliato da un grave attacco, dove l’acidità di stomaco mi saliva in gola. Mi lascerebbe bruciare la gola per giorni. Non succede più “.

Se prendi farmaci per il reflusso da un po ‘, chiedi al tuo medico se ti consiglia un periodo di prova senza PPI, perché non tutti hanno bisogno di assumere farmaci a tempo indeterminato. Poiché ci sono sempre rischi di effetti collaterali quando si assume un farmaco a lungo termine, svezzare i farmaci non necessari può ridurre il rischio di possibili problemi.

Alcuni medici temono che una percentuale di persone che assumono PPI potrebbe non avere nemmeno il reflusso acido, perché l’uso a lungo termine dei farmaci non sempre migliora i sintomi.

“Non tutto ciò che suona come bruciore di stomaco, indigestione, rigurgito, ecc. È dovuto al reflusso gastroesofageo”, dice Hungin. “Anche se noi medici prescriviamo inibitori della pompa protonica, il nostro tasso di successo con le persone che hanno questi sintomi non è esattamente quello che si pensa sia. E sospetto che circa la metà delle persone che vediamo, non possiamo aiutare con i farmaci da soli “.

Sebbene Stier, il giornalista automobilistico, non prenda farmaci tutti i giorni, fa ancora affidamento sugli IPP quando i suoi sintomi divampano. “Non mi piace prendere pillole frequentemente, mi fa sentire un veterano”, dice Stier. “Ma so che [i PPI] saranno il mio compagno per il resto della mia vita. Ad essere onesti, da quando li ho avuti, per me è iniziata una nuova vita. Invece di ore di tortura, ottengo pace e tranquillità in mezz’ora inghiottendo una pillola “. Inoltre, dai un’occhiata a questi utili rimedi casalinghi per il bruciore di stomaco e GERD .

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

10 cibi sorprendenti che possono causare gas

9 strani rumori emessi dal tuo corpo e cosa fare al riguardo