in

9 modi in cui inconsapevolmente stai peggiorando la tua malattia di Crohn

Stiamo ancora imparando a conoscere la malattia di Crohn , ma ci sono abitudini quotidiane che possono scatenare i sintomi della malattia infiammatoria intestinale.

Cos’è la malattia di Crohn?

La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria intestinale causata da una reazione autoimmune che può danneggiare il tratto gastrointestinale e altre parti del corpo. I sintomi della malattia di Crohn possono includere mal di stomaco, diarrea, perdita di peso e affaticamento, tra gli altri. Anche se attualmente non esiste una cura, è curabile e ci sono cose che puoi fare per aiutare a tenere sotto controllo i tuoi sintomi. Ecco alcune cose che dovresti evitare – e misure migliori da prendere invece – che possono aiutarti a prendere il controllo della condizione.

Ti manca un piano di trattamento adeguato

Gli esperti concordano sul fatto che la non conformità medica può essere pericolosa, specialmente per quelli con Crohn . “In primo luogo, sappiamo che questa è una malattia permanente che è di natura progressiva, il che significa che, se non adeguatamente curata, la malattia peggiorerà”, spiega Ashish S. Patel, MD, gastroenterologo e direttore del Southwestern Center for Pediatric IBD presso Children’s Health. “Inoltre, i farmaci utilizzati per il trattamento appartengono principalmente a una classe di farmaci noti come immunomodulatori e l’uso casuale di questi farmaci può essere pericoloso per il corpo senza un adeguato monitoraggio medico.”

Se non stai seguendo un piano di trattamento di qualche tipo, anche se hai già affrontato la tua condizione con il tuo specialista di assistenza sanitaria di base, cerca cure alternative il prima possibile. (Ulteriori informazioni sul CBG o cannibigerolo : un nuovo integratore che mostra segni promettenti di trattamento del Crohn.)

Stai trascurando di incontrare uno specialista

A causa della natura cronica di questa malattia e del fatto che il Crohn può influenzare ogni paziente in modo diverso, il dottor Patel, afferma che le visite regolarmente programmate con i tuoi medici sono vitali per la cura a breve ea lungo termine di questa malattia. “Un gastroenterologo può guidare la cura di un paziente con Crohn attraverso visite regolari, esami del sangue e delle feci, endoscopie e gestione nutrizionale”, aggiunge.

Non controlli la tua dieta

Poiché molti pazienti affetti da malattia di Crohn possono diventare anemici o carenti di nutrienti a causa dello scarso assorbimento dei nutrienti, Jessica DeLuise, assistente medico e fondatrice di Eat Your Way to Wellness , spiega l’importanza di una dieta ben bilanciata per la malattia di Crohn . Ogni volta che i pazienti di Crohn possono, consiglia di raggiungere spuntini e pasti pieni zeppi di vitamine e minerali per assicurarsi che il loro corpo stia ottenendo più del minimo indispensabile. Ciò significa mangiare sempre tre pasti equilibrati e spuntini sani. Se non sei sicuro di quale tipo di dieta sia la migliore per te, fissa un appuntamento con un dietista registrato che può aiutarti a scegliere opzioni nutritive. Maggiori informazioni sulla dieta migliore per le persone con malattia di Crohn.

Non tieni un diario alimentare

Uno dei migliori suggerimenti degli esperti che trattano i pazienti con malattia di Crohn è quello di tenere un diario alimentare per tenere traccia in modo efficiente di tutto ciò che immetti nel tuo corpo. In questo modo, puoi capire quali alimenti potrebbero innescare una riacutizzazione dei sintomi. DeLuise concorda sull’importanza di prendere nota di come ti senti, dell’appetito e delle abitudini del bagno per capire se potrebbe esserci o meno una correlazione con il cibo.

Non ti alleni regolarmente

Come con qualsiasi malattia cronica, l’ esercizio fisico regolare fornisce benefici cruciali . Diversi studi hanno dimostrato l’importanza dell’esercizio fisico specifico per le persone con malattia di Crohn. Una ricerca pubblicata sulla rivista Pharmacological Reports nel 2016 ha rilevato che l’ attività fisica ha ridotto significativamente la gravità dei sintomi legati alla malattia di Crohn . Inoltre, l’esercizio ha un impatto diretto sul tuo sistema immunitario, quindi più ti alleni, meglio sarà preparato il tuo sistema immunitario per combattere i sintomi della malattia. Ricorda solo di ascoltare attentamente il tuo corpo mentre ti alleni, soprattutto se sei stato recentemente esposto a una riacutizzazione e di modificare i tuoi allenamenti secondo necessità.

Non stai assumendo abbastanza grassi nella tua dieta

Non stiamo parlando delle patatine fritte di McDonald’s. Stiamo parlando del grasso sano: gli acidi grassi omega-3  e il ruolo che possono svolgere nel ridurre l’infiammazione . Sebbene gli studi non traggano dati chiari sul loro ruolo specifico nel Crohn, DeLuise spiega che gli alimenti o gli integratori ricchi di omega-3 sono qualcosa da considerare di aggiungere alla dieta (dopo aver parlato con il medico). Questi includono cibi come salmone, halibut e sardine, tra gli altri.

Non cambi la tua dieta durante una riacutizzazione

Anche se potresti non voler consumare una dieta completamente liquida, durante un flare di Crohn può fare molto. “La scelta di una dieta frullata o liquida quando il Crohn sta agendo può fornire riposo intestinale e un facile assorbimento dei nutrienti”, spiega DeLuise. “Scegli succhi di frutta e verdura freschi, integratori per bevande o polveri vitaminiche per assicurarti di ricevere i nutrienti”. Se hai alcune carenze, ti consiglia di discuterne con il tuo medico su quali cibi morbidi sono giusti per te.

Stai bevendo troppa caffeina e troppo poca acqua

Se ti alzi e brilli con una tazza di joe in mano, sei tutt’altro che solo, ma se stai sorseggiando quella tazza più volte al giorno senza idratarti adeguatamente con la roba vera – H2O – potresti essere il tuo morbo di Crohn peggio. DeLuise spiega che, poiché molti razzi di Crohn hanno lo spiacevole sintomo della diarrea , è importante mantenere il corpo idratato . Consiglia ai pazienti di Crohn di bere molta acqua a piccoli incrementi spesso durante il giorno e di limitare l’assunzione di caffeina, poiché può innescare razzi o peggiorare i sintomi. “In generale, 400 mg o meno di caffeina al giorno è considerato sicuro”, dice.

Non tagli i latticini

La maggior parte di noi è un grande fan del gelato, del formaggio, del latte e del resto della categoria dei latticini, ma i fatti duri e freddi sono che circa il 75% della popolazione mondiale perde inevitabilmente la capacità di digerire il lattosio, lo zucchero che si trova nei latticini, una volta svezzati dall’allattamento al seno (ovvero oltre i due anni!). Questo, spiega DeLuise, significa che per queste persone, mangiare latticini può causare sintomi di gonfiore, diarrea, fastidio addominale o innescare una riacutizzazione di Crohn. Ti consiglia di parlare con il tuo medico se eliminare i latticini è una buona opzione per te e se segui questa strada, ecco cinque cose che dovresti sapere su come evitare i latticini .

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

La facile routine di yoga di 10 minuti per una migliore digestione

Che cosa causa la stitichezza? 13 fattori da non ignorare