in

Come i batteri parlano al tuo cervello

Una nuova ricerca mostra che ciò che mangiamo può influenzare quanto ci sentiamo felici o ansiosi.

Una delle scoperte mediche recenti più importanti è stata l’impatto della flora intestinale sulla salute generale. Questo mix dinamico di batteri nel tratto digerente può influenzare tutto, dall’obesità all’asma. È un argomento che Reader’s Digest ha trattato da vicino, incluso nel mio recente libro 21-Day Tummy, un piano per rimpicciolire e lenire lo stomaco riducendo l’infiammazione e bilanciando i batteri intestinali.

Sono anche incuriosito da questa ultima ricerca pionieristica: i microbi intestinali, mostrano nuovi studi, possono persino influenzare quanto ci sentiamo felici o ansiosi.

IL COLLEGAMENTO INTESTINO-UMORE

Chiunque abbia mai sperimentato “farfalle” nello stomaco sa che l’intestino e il cervello sono collegati. Ma fino a poco tempo fa, gli scienziati non si erano resi conto che i trilioni di batteri nel nostro tratto digerente potessero guidare la relazione.

Un recente esperimento suggerisce che puoi colonizzare la calma. I ricercatori canadesi hanno somministrato a topi sani un cocktail di antibiotici, che alterano la composizione degli insetti del tratto gastrointestinale. In due settimane, alcuni animali sono diventati più ansiosi e altri meno, a seconda dei farmaci che hanno ricevuto. In un altro studio, quando i batteri intestinali di topi calmi sono stati trasferiti a topi ansiosi, le creature nervose sembravano meno nervose.

Gli alimenti quotidiani possono anche influenzare la composizione dei batteri intestinali e, a sua volta, la chimica del cervello. Il gastroenterologo dell’UCLA Kirsten Tillisch, MD, ha recentemente fatto mangiare a donne sane uno yogurt ricco di alcuni ceppi di batteri probiotici “buoni”. Due gruppi di controllo hanno mangiato yogurt senza tali batteri o non hanno mangiato nulla. Le scansioni cerebrali dei consumatori di yogurt probiotici hanno indicato cambiamenti nelle regioni che potrebbero essere associati a una risposta meno ansiosa in situazioni di paura o stress rispetto ai gruppi di controllo.

Gli scienziati stanno persino esplorando se i microbi intestinali potrebbero trattare alcuni disturbi cerebrali. Un nuovo studio su Cell ha scoperto che i topi con caratteristiche di autismo a cui era stato somministrato un tipo di batterio in tratti gastrointestinali umani sani mostravano comportamenti meno autistici. In un recente caso clinico, uno psichiatra di Boston afferma che un ciclo di alcuni probiotici e antibiotici ha contribuito ad alleviare il disturbo ossessivo-compulsivo e l’ADHD di un paziente.

“Tendiamo a concentrarci su come il tuo umore influisce sul tuo corpo dall’alto verso il basso, non dal basso verso l’alto”, afferma il dott. Tillisch. “Ora sappiamo che l’intestino influenza il modo in cui il tuo cervello risponde all’ambiente: è un cambiamento notevole nel modo di pensare.”

COME I BATTERI PARLANO AL CERVELLO

Gli scienziati non sono sicuri di come la flora intestinale influenzi la chimica del cervello. Una teoria è che i batteri accedano ai percorsi lungo il nervo vago, l’autostrada principale del sistema nervoso che collega il cervello all’intestino. Un altro è che i batteri influenzano il sistema immunitario, rilasciando sostanze chimiche che influenzano condizioni come la depressione. Infine, i ricercatori ritengono che i batteri producano o influenzino il metabolismo di sostanze chimiche come la serotonina o la dopamina, che alterano la funzione cerebrale.

COLTIVARE UN

INTESTINO PIÙ FELICE Il dottor Tillisch mi ha detto che i pazienti chiedono sempre quali probiotici solleveranno il loro umore. La sua risposta: “Non lo sappiamo ancora, ma speriamo di farlo un giorno”. In futuro, i pazienti potrebbero ricevere probiotici o trapianto fecale – in cui i batteri dall’intestino di una persona sana vengono trasferiti nell’intestino di una persona malata – per prevenire o trattare problemi di salute mentale. Ma questi approcci sono lontani anni dalla prima serata. Fino ad allora, una dieta ricca di frutta e verdura (la cui fibra nutre alcuni ceppi batterici) aiuta a coltivare microbi più equilibrati rispetto a una tipica dieta occidentale ricca di prodotti animali e trasformati. Evitare antibiotici non necessari, in particolare nella prima infanzia, può anche stabilire batteri intestinali più sani.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Errori di fibra che ti danno fastidio alla pancia

Fatti strani sul sistema digerente