in

Cosa sapere sulla stitichezza cronica

La stitichezza è un disturbo digestivo comune. La maggior parte degli attacchi di stitichezza sono di breve durata o “acuti”. Tuttavia, alcune persone sperimentano sintomi a lungo termine, noti come costipazione cronica.

La stitichezza cronica può essere fastidiosa e può interferire con il funzionamento quotidiano di una persona. Mentre alcune cause della condizione sono relativamente benigne e altamente curabili, altre possono essere più gravi.

Questo articolo descrive cos’è la stitichezza cronica, compresi i suoi sintomi e le sue cause. Descriviamo anche le informazioni sul trattamento e la prevenzione della stitichezza cronica e offriamo consigli su quando vedere un medico.

Cos’è la stitichezza cronica?

Tutti sperimentano la stitichezza ad un certo punto. La maggior parte dei casi di stitichezza sono a breve termine o acuti. Questi si verificano spesso a seguito di un cambiamento nella dieta o nelle abitudini di esercizio ed è curabile con farmaci da banco (OTC).

In casi più rari, la stitichezza può essere cronica, il che significa che i sintomi sono di lunga durata. I medici considerano la stitichezza cronica se:

  • dura per 3 mesi o più
  • interrompe la vita e il funzionamento quotidiano di una persona
  • non si risolve a seguito di un cambiamento nella dieta o nell’esercizio fisico
  • si risolve solo con farmaci da prescrizione

Sintomi

Per ricevere una diagnosi di costipazione cronica, una persona deve manifestare almeno tre dei seguenti sintomi entro un periodo di 3 mesi:

  • passando meno di tre feci a settimana
  • passaggio di feci dure, bitorzolute o simili a ciottoli
  • sforzandosi di svuotare l’intestino
  • sensazione che il retto non sia completamente vuoto dopo un movimento intestinale
  • sentirsi come se ci fosse un blocco nel retto
  • che necessitano di aiuto per svuotare il retto, premendo sull’addome o inserendo un dito per rimuovere uno sgabello depositato

I sintomi secondari della stitichezza cronica includono:

  • gonfiore
  • nausea
  • dolore addominale
  • perdita di appetito

Cause

Sebbene le persone con stitichezza cronica sperimentino sintomi simili, la causa della stitichezza può variare.

Cause comuni

I fattori scatenanti più comuni della stitichezza includono:

  • movimento lento delle feci attraverso il colon
  • difficoltà a seguire una dieta equilibrata, con carenza di fibre da frutta e verdura
  • assunzione inadeguata di liquidi che porta alla disidratazione
  • mancanza di esercizio che porta a una digestione rallentata
  • sindrome dell’intestino irritabile
  • effetti collaterali dei farmaci
  • problemi di salute mentale, tra cui:
    • fatica
    • ansia
    • depressione
    • problemi alimentari

Cause meno comuni

Le cause meno comuni di stitichezza includono:

  • squilibri ormonali, come l’ ipertiroidismo
  • condizioni che influenzano il metabolismo, come il diabete
  • disturbi che colpiscono il cervello e la colonna vertebrale, come il morbo di Parkinson
  • celiachia
  • infiammazione legata alla malattia diverticolare o alla proctite
  • un’ostruzione intestinale o del retto
  • storia familiare di stitichezza

Altre cause

Alcuni integratori alimentari e farmaci possono anche scatenare la stitichezza. Questi includono:

  • integratori di ferro
  • integratori di calcio
  • antiacidi
  • diuretici
  • antistaminici
  • bloccanti dei canali del calcio
  • alcuni antidepressivi
  • antipsicotici
  • anticonvulsivanti
  • farmaci per il trattamento del morbo di Parkinson

Cause sconosciute

Potrebbe non essere sempre possibile determinare le cause della stitichezza. La stitichezza cronica che si verifica senza un fattore scatenante noto è nota come costipazione idiopatica cronica.

Trattamento

I trattamenti per la stitichezza cronica possono variare in base alla sua gravità e alla sua causa sottostante. Di seguito sono riportate alcune possibili opzioni di trattamento.

Cambiamenti nella dieta e nello stile di vita

Il trattamento di prima linea per la stitichezza cronica consiste nell’apportare i cambiamenti necessari alla dieta e allo stile di vita. Questi possono includere:

Aumentare l’assunzione di fibre

La fibra alimentare aggiunge volume alle feci, consentendole di passare più rapidamente attraverso l’intestino. Un medico può consigliare di aumentare gradualmente l’assunzione di fibre introducendo più frutta e verdura nella dieta. Passare dai cereali raffinati ai cereali integrali contribuirà anche ad aumentare l’assunzione di fibre.

Rimanere idratati

L’acqua ammorbidisce le feci, consentendo loro di passare agevolmente attraverso l’intestino e il retto.

Aumentare l’attività fisica

Il movimento regolare aumenta l’attività muscolare nell’intestino, aiutando le feci a passare attraverso il sistema digestivo. Pertanto, aumentare l’attività fisica incoraggia movimenti intestinali più regolari.

Andare in bagno quando si presenta la necessità

Se una persona ignora regolarmente i segnali del proprio corpo di fare la cacca, potrebbe non provare più il bisogno di un movimento intestinale, che può peggiorare la stitichezza.

Farmaci da banco

Se i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita non sono efficaci, una persona potrebbe voler provare farmaci da banco per ammorbidire le feci o aumentare i movimenti intestinali. Alcune opzioni includono:

  • integratori di fibre, come lo psillio, che aggiungono volume alle feci
  • emollienti delle feci , come Surfak, che attingono l’acqua dall’intestino per inumidire le feci
  • osmotici, come il latte di magnesia di Phillips, che aumentano i liquidi nel colon
  • lubrificanti, come l’olio d’oliva, che aiutano le feci a passare agevolmente
  • stimolanti, come Senokot, che provocano la contrazione dell’intestino
  • clisteri e supposte per fornire lubrificazione e stimolazione

Farmaci da prescrizione

Se i lassativi da banco ei rimedi naturali non alleviano la stitichezza di una persona, un medico può raccomandare una prescrizione di farmaci. I farmaci lubiprostone (Amitiza) e linaclotide (Linzess) sono generalmente efficaci nel trattamento della stitichezza cronica.

Formazione sul biofeedback

Il biofeedback training (BT) è un tipo di terapia comportamentale che mira a trattare la stitichezza e altri tipi di disfunzione intestinale.

Il BT implica imparare a rilassare e contrarre i muscoli pelvici che supportano la vescica e l’intestino. Rilassare questi muscoli al momento giusto può aumentare la probabilità di un movimento intestinale di successo.

Durante la BT, un terapista può inserire un lungo tubo chiamato catetere nel retto per misurare la tensione nei muscoli. Quindi parleranno alla persona attraverso una serie di esercizi per aiutare a rilassare e stringere i muscoli.

Uno studio precedente del 2006 ha confrontato l’efficacia del BT e l’uso di lassativi tra le persone con problemi al pavimento pelvico. I ricercatori hanno scoperto che BT era più efficace.

Chirurgia

La chirurgia per la stitichezza cronica è rara. Tuttavia, una persona può richiedere interventi chirurgici per rimuovere un blocco intestinale o parte di un colon malato.

Prevenzione

Il modo migliore per prevenire la stitichezza è adottare abitudini di vita che favoriscano una buona digestione. Esempi inclusi:

  • mangiare una dieta equilibrata
  • bere molti liquidi
  • esercitarsi regolarmente
  • dormire a sufficienza
  • attenersi a tempi di sonno e veglia regolari
  • andare in bagno quando si presenta la voglia

Fattori di rischio

I seguenti gruppi sono a maggior rischio di soffrire di stitichezza cronica:

  • persone di età superiore ai 65 anni
  • femmine, in particolare quelle in gravidanza
  • persone con mobilità ridotta
  • persone che assumono determinati farmaci
  • persone con condizioni di salute mentale, come ansia, depressione o disturbi alimentari

NEWSLETTER DI MEDICAL NEWS TODAYRimani informato. Ricevi la nostra newsletter quotidiana gratuita

Aspettatevi ogni giorno righe profonde e scientifiche delle nostre migliori storie. Attingi e mantieni la tua curiosità soddisfatta.Inserisci la tua emailISCRIVITI ORA

La tua privacy è importante per noi

Complicazioni

Passare feci dure o sforzarsi costantemente di fare la cacca può portare a complicazioni, come:

  • ragadi anali , che sono piccole lacrime all’interno dell’ano
  • emorroidi , che sono vene gonfie nell’ano
  • fecaloma , un accumulo di feci indurite all’interno dell’intestino
  • prolasso rettale , dove un’area del retto si estende e sporge dall’ano

Indica un’altra condizione medica?

La stitichezza cronica è raramente il risultato di una grave condizione sottostante. Di solito migliora con i cambiamenti dello stile di vita e i trattamenti OTC.

Una persona dovrebbe parlare con il proprio medico se i trattamenti di cui sopra non alleviano la stitichezza. Un medico può raccomandare test per verificare la presenza di problemi di salute sottostanti.

In casi molto rari, la stitichezza cronica può essere un segno di cancro del colon-retto .

Quando parlare con un medico

Una persona dovrebbe parlare con il proprio medico se soffre di stitichezza cronica che influisce sulla sua salute fisica o mentale o sulla sua vita quotidiana.

Le persone dovrebbero anche parlare con un medico se la loro stitichezza accompagna uno dei seguenti sintomi:

  • sangue nelle feci
  • forte dolore durante i movimenti intestinali
  • perdita di peso inspiegabile

Sommario

La stitichezza cronica può essere fastidiosa e invalidante. Tuttavia, ci sono trattamenti che possono aiutare ad alleviare la stitichezza e i suoi sintomi.

I cambiamenti nella dieta e nello stile di vita sono in genere il trattamento di prima linea per la stitichezza. Se questi sono inefficaci, una persona può provare rimedi da banco per aiutare ad ammorbidire le feci o incoraggiare i movimenti intestinali.

Le persone dovrebbero parlare con il proprio medico se soffrono di stitichezza cronica che non risponde ai cambiamenti dello stile di vita o ai trattamenti OTC. Un medico può prescrivere farmaci per alleviare i sintomi. Possono anche raccomandare test per verificare eventuali condizioni di salute sottostanti.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Cos’è la colite?

Colite ulcerosa: i probiotici aiutano?